Quasi qui

di Jean-Jacques Viton

traduzione di Andrea Raos

contro un muro disegno della lucertola verticale
violino Chagall fuori portata dei capelli

su una scala di giardino questa rosa che persiste
identica a una sciarpa ala di rosa trasparente

l’aria invade il tutto schiocca ai bordi
disfa ogni zolla di natura morta

*

a volte si sente dire 
“è una festa”	intraducibile
senza bracieri senza clarinetti

uno scoraggiamento	incidenti microscopici
indistinguibili nella narrazione
brusii dei cambiamenti a vista d’occhio

spedizione nel trompe-l’œil
niente allarmi né lucine rosse

dentro la trottola
l’intrico è liscio continuo
il tempo passa senza sbattere

nella capsula calmante
come aiutare il me stesso che lavora di riflesso

si può rovesciare tutto		niente caduta
è fissato a morte	nulla parte

i vetri ricevono i puzzle d’identità
fondo scuro in uno sguardo di caffè ormai freddo

*

cos’è allora
dicevamo identità

per esempio 	“un campo per gli zingari”
doveva essere pittoresco
in armonia con la Camargue
apro l’ostrica	il catalogo storia

è il saluto alla bandiera a Saliers
un campo di concentramento per nomadi

al centro Albert Robini ultimo direttore del campo
colonnello Pelet e signor Royet l’avevano preceduto
tre direttori per questo campo		1942-1944

“eravamo malvisti. venivamo picchiati.
eravamo infelici”

come trovare su una distesa
ciò che non ha tracce
ceracre una stratificazione che non ha lasciato niente
tranne all’orizzonte gli stessi pali della luce
su un niente del tutto piatto	risaie inondate
il vecchio ingresso laterale
il vecchio ingresso principale

“sono venuti a prenderci i gendarmi
e ci hanno fatti salire sui camion”

panieraio	acrobata	domatore di cavalli
autista		ambulante	violinista	ballerina

tutta l’assenza di tracce ritornava reale
gruppetto sulla strada a destra		senza parlare
a pochi attimi dalla pioggia

sotto le nuvole spesse basse
inizio di calura		in una bella luminosità
è l’inevitabile fascino discreto

“ci hanno bruciato le roulotte. dentro ci saranno stati
una cinquantina di violini”

su questo adesso vuoto
Clouzot aveva montato un set
girava Il salario della paura	voleva
dare al campo un’aria messicana

“non so bene a cosa serva raccontare”

ci si può chiedere perché nell’agosto del 1944
gli aerei alleati abbiano mitragliato
questo campo di concentramento per zingari
ma ci si chiede perché gli alleati
non abbiano mai distrutto le ferrovie
che portavano ai campi nazisti di sterminio

più in là lo stordente asilo nido delle Sante Marie
circondato da recinti fangosi pieni di cavalli sellati

*

appena sotto una ripugnante apertura
bozzolo sfondato	tettoia sventrata	si vedono
le tubature deformate		il cemento esploso
questo buio totale che buca il bianco marcio

è una donna immobile le braccia lungo il corpo
si pensa oratorio	non si sa

ripetizione silenziosa in un disastro
sotto polvere di cosa

assassinio di Poolam Devi il 25 luglio 2001

arrivo discreto del gioco Caram

entrata in scena del rosso pantera

apparizione di una donna bionda forse Venere
è virtuale ma il suo volto sorge

*

quando ti abbiamo detto addio
pensavi a cosa in compagnia di quello sbronzo
portavi forse con te il nostro assemblaggio di parole
o avevi lasciato sulla tavola un pacchetto appropriato
pieno di resti da buttare
storie		dicerie		dichiarazioni

al nostro ritorno dal lago imbecille
quella donna dal maglione rosso che voltava il capo
per evitarci mentre passavamo tenendo un cane per il collo
come un lungo sacco magro
cosa cercava per terra
un guinzaglio?		tracce?		monetine?

*

e cos’altro

il suolo è mite in questa città in questa casa
sul bordo del divano si mordicchia le unghie
la piccola pronta per uscire
orecchie e fronte cinte di feltro
rimordicchia	ma chi è entrato	chi c’è
nessuno	“sai benissimo che sono morta”

che strana risonanza d’improvviso

nella città una dolcezza particolare
una busta	piccola cappa leggera
dissimula ingenua il volto dell’ombra

torna così	lanuginosa	a luglio
ovunque	qui	nel paese

sì	ciò che ci avvolge è torrido
soave a volte

*

foglie dorate morte sulla Bunderstrasse
merda spalmata sulla porta dell’Institut Français

chi più indesiderabile
la pittrice volgare Leitner
o la scagazzatrice errante sconosciuta

alla presa della Bastiglia	gli ufficiali
sono stati smembrati i pezzi divisi
mangiati in vari quartieri di Parigi

questo dettaglio rivoluzionario forte
mi disgusta tanto quanto il progetto
clonazione di maiali senza occhi
programma di sovralimentazione

*

così come il mercato delle donne di Reeperbahn

esposte nude in box da allevamento
come maiali senza occhi
in recinti a vetri pratici
per la valutazione dei corpi

esame dei volti e delle bocche
rotondità delle anche prominenza del ventre
sagoma delle gambe linea dei lombi
tenuta dei seni modellato delle natiche

tutti i tagli sono buoni

*

le voci cambiano	i modi di suonare
ciò che esce dalla gola		non ancora dalla bocca
ciò che è tra le labbra sulla punta della ingua
e il timbro	un’altra stagione
seduta non vomitata	un’altra coloratura

niente amplificazione	niente scene
una tinta raschiata	un po’ sospesa
non avvicinabile	inverificabile

va bene, non una favola, una volta tanto
adesso non arriva tutto in un colpo
be’	è un racconto senza storia

continua a passare tra
il bianco freddo dei denti
sotto il rosa moribondo delle labbra
nel fumo muto delle esplosioni

*

è una spiegazione senza necessità
una mania triste	un pensiero triste
ed è da ballare		un nome africano
ascoltate bene		è un tango

scricchiola e trema da ogni parte
ma nei momenti di calma si percepiscono
i corni e gli archi	vedere
siamo nella foresta 

indicazione semplice come
“caduta massi”		“pericolo ghiaccio”

tutte situazioni regolari

quando invece “fossa comune”
è una situazione particolare
mal accetta per via di comune la fossa

*

in questa successione senza rapporti di tempi
grida gioiose e scossoni

passaggi di bolidi su una strada vuota

viaggiatori in piedi dietro gesticolano
scuotono i capelli	è una festa dilagante

le urla sgorgano dalle automobili
occupate dagli assassini di Allende

la paura persiste sulla terrazza
riconosco inchiodata a un’asse
la maschera blu e nera e larga
la bocca da cui escono le risa

*

in percezione rapida è una stanza
mobili		un corridoio		porte

un incontro

cambia tutto	compartimento		casella per cervello
va da parte-leggero a se-ne-va-leggero

stessa truppa ridanciana ridente	una sala
non le si sentono le si vedono le risa

fatto, è deciso	se-ne-va-leggero	alias
strizza su lupi e danza

una volta ammesso si passa a un assieme

la stanza liberata
dal residente provvisorio

*

in un angolo loro due soli
lacrime per se-ne-va-leggero
lei lo stringe a sé lo calma

lei lo piazza su una bella sedia
davanti alla finestra a due battenti
aperta al sole su stradina cammino
che costeggia un muro coperto di verde

sabbia semplice	un po’ di pendio
una grande chiarità offerta

se-ne-va-leggero è un annuncio
un programma di viaggio

*

dormo in un sudore estraneo
svegliarsi permette di fuggire il velo
ad occhi aperti sottomessi al miscuglio

sulla carta voltata è la figura del gatto

la sua carne è dolce e buona nell’oscurità

ciò che sta tranquillo non si deve toccare


*

testi tratti da Comme ça, POL, 2003. Prima edizione in “Trame” 8/9, 2004, p. 153-183.

Andrea Raos

andrea raos ha pubblicato discendere il fiume calmo, nel quinto quaderno italiano (milano, crocetti, 1996, a c. di franco buffoni), aspettami, dice. poesie 1992-2002 (roma, pieraldo, 2003), luna velata (marsiglia, cipM – les comptoirs de la nouvelle b.s., 2003), le api migratori (salerno, oèdipus – collana liquid, 2007), AAVV, prosa in prosa (firenze, le lettere, 2009), AAVV, la fisica delle cose. dieci riscritture da lucrezio (roma, giulio perrone editore, 2010), i cani dello chott el-jerid (milano, arcipelago, 2010) e le avventure dell'allegro leprotto e altre storie inospitali (osimo - an, arcipelago itaca, 2017). è presente nel volume àkusma. forme della poesia contemporanea (metauro, 2000). ha curato le antologie chijô no utagoe – il coro temporaneo (tokyo, shichôsha, 2001) e contemporary italian poetry (freeverse editions, 2013). con andrea inglese ha curato le antologie azioni poetiche. nouveaux poètes italiens, in «action poétique», (sett. 2004) e le macchine liriche. sei poeti francesi della contemporaneità, in «nuovi argomenti» (ott.-dic. 2005). sue poesie sono apparse in traduzione francese sulle riviste «le cahier du réfuge» (2002), «if» (2003), «action poétique» (2005), «exit» (2005) e "nioques" (2015); altre, in traduzioni inglese, in "the new review of literature" (vol. 5 no. 2 / spring 2008), "aufgabe" (no. 7, 2008), poetry international, free verse e la rubrica "in translation" della rivista "brooklyn rail". in volume ha tradotto joe ross, strati (con marco giovenale, la camera verde, 2007), ryoko sekiguchi, apparizione (la camera verde, 2009), giuliano mesa (con eric suchere, action poetique, 2010), stephen rodefer, dormendo con la luce accesa (nazione indiana / murene, 2010) e charles reznikoff, olocausto (benway series, 2014). in rivista ha tradotto, tra gli altri, yoshioka minoru, gherasim luca, liliane giraudon, valere novarina, danielle collobert, nanni balestrini, kathleen fraser, robert lax, peter gizzi, bob perelman, antoine volodine, franco fortini e murasaki shikibu. 

Tags:

  1 comment for “Quasi qui

  1. viola
    29 Gennaio 2019 at 13:21

    molto bene

Comments are closed.