Mots-clés__Femminino

Femminino
di Giulia Scuro

 

Fabrizio De André, Princesa -> play

__

__

da Virginia Woolf, Orlando, trad. Silvia Rosa Sperti, Milano, Feltrinelli, 2007

Ripensò a quando da giovane aveva preteso che le donne fossero obbedienti, caste, profumate e vestite di tutto punto. “Ora dovrò pagare in prima persona per quei desideri”, rifletté, “perché le donne (a giudicare dalla mia breve esperienza del loro sesso) non sono per natura obbedienti, caste, profumate e vestite di tutto punto. Devono ottenere queste grazie, senza cui non potrebbero godere dei piaceri della vita, con la più rigida disciplina. Anche solo l’acconciatura”, pensò, “mi porterà via un’ora della mattina. Poi c’è da guardarsi allo specchio: un’altra ora. C’è da fermare e allacciare il busto, da lavarsi e incipriarsi, da cambiarsi da seta a merletti e da merletti a seta lavorata; e da esser casta un anno dopo l’altro…”. Qui scalciò con impazienza, scoprendo qualche centimetro di polpaccio. Un marinaio sull’albero, che stava guardando di sotto proprio in quel momento, sobbalzò con tanta violenza che perse l’equilibrio e si salvò per un pelo. “Se vedere le mie caviglie può causare la morte di un brav’uomo, che di sicuro avrà moglie e famiglia da mantenere, dovrò per amore dell’umanità tenerle coperte”, pensò Orlando. Eppure le sue gambe erano tra le cose più belle che aveva. E si ritrovò a pensare a quale strano punto si era arrivati, se una donna doveva coprire le sue bellezze per evitare che un marinaio cadesse da un pennone. “Che vadano al diavolo!”, disse, comprendendo per la prima volta ciò che in altre circostanze le sarebbe stato insegnato da bambina, ovvero le sacrosante responsabilità della femminilità.

__

[Mots-clés è una rubrica mensile a cura di Ornella Tajani. Ogni prima domenica del mese, Nazione Indiana pubblicherà un collage di un brano musicale + una fotografia o video (estratto di film, ecc.) + un breve testo in versi o in prosa, accomunati da una parola o da un’espressione chiave.
La rubrica è aperta ai contributi dei lettori di NI; coloro che volessero inviare proposte possono farlo scrivendo a: tajani@nazioneindiana.com. Tutti i materiali devono essere editi; non si accettano materiali inediti né opera dell’autore o dell’autrice proponenti.]

articoli correlati

Mots-clés__Sale

  Sale di Giulia Scuro Rino Gaetano, I tuoi occhi sono pieni di sale -> play ___ ___ Da Italo Calvino, Fiabe italiane, Milano, Mondadori, 2017 54. Bene come...

Mots-clés__Mani

  Mani di Giulia Scuro Mozart, Don Giovanni, "Là ci darem la mano" -> play ___   ___ Da Stendhal, Il rosso e il nero, trad. Alberto Cappi, Newton,...

Da “Sedute in piedi”

di Giulia Scuro . Ventottesima ora di lavoro Dottoressa, come le ho già più volte detto, pur con le molte divagazioni del caso io sono...

I poeti appartati: Laura Liberale

Singolare coincidenza ha fatto che nel giro di pochi giorni mi arrivassero due libri della stessa casa editrice.  Pur...

Da “Fiore inverso”

(È da poco uscito Il fiore inverso, ultimo lavoro - libro+cd - di Lello Voce e Frank Nemola. Pubblichiamo qui...

Tra la esse e la zeta. Una riflessione sul dettaglio

  di Giulia Scuro Sono in metro, un uomo si siede accanto a me con aria corrucciata, ma ha la busta...
ornella tajani
Ornella Tajani insegna Lingua e traduzione francese all'Università per Stranieri di Siena. Si occupa prevalentemente di studi di traduzione e di letteratura francese del XX secolo. È autrice del saggio Tradurre il pastiche (Mucchi, 2018). Ha tradotto e curato: Il battello ebbro (Mucchi, 2019); L'aquila a due teste di Jean Cocteau (Marchese 2011 - premio di traduzione Monselice "Leone Traverso" 2012); Tiresia di Marcel Jouhandeau (Marchese 2013). Ha inoltre tradotto le Opere di Rimbaud (Marsilio, 2019). Oltre alle pubblicazioni abituali, per Nazione Indiana cura la rubrica Mots-clés, aperta ai contributi di lettori e lettrici.