I poeti Apartheid: Angelo Vannini

Tre poesie inedite

di Angelo Vannini

 

 

Un uomo

Aggiornato. Un uomo

mi era saltato vicino,

col suo nudo

vestito di passi. Era

nero come la notte, freddo

più del volto, stanco

oltre la vita. Ma aveva

carne — sola, quel poco

che non gli avevano tolto.

 

*

 

 

Johannesburg CBD

 

In cucina, mi era seduto accanto,

un piatto etiope quella mattina

a Maboneng. Vogliamo conversare,

il suo inglese è incerto quanto il mio.

Lui prova (in una lingua che non trova)

a spiegarmi il suo mestiere, come io

a raccontargli il mio. I am christian,

please, I really am: really, man, you can

trust me. Vedo che è solo

e che solo è in cerca di un amico.

Ma guarda che non diffido, gli dico

invano: lui continua ad implorare

di non dubitare… la mia protesta

non afferra, né io quel suo pregare.

Più tardi, quando ormai sono partito

(ho promesso che domenica prossima

verrò di nuovo, per pranzare) arriva

un dolore di risposta, se in questo

mondo la mia fiducia – io bianco,

lui di colore – ancora non è posta.

 

*

 

 

Privilegio bianco

 

Vivo senza più sapere

cosa ho dimenticato.

Ma il mio candore è vivo,

apre porte feroci nella notte.

Un vento infido, una lingua

mai sbocciata. E poi

questo dolore d’altri,

lontananza.

 

 

 

 

 

 

articoli correlati

I poeti appartati: Francesco Marotta

Dalla dimora del tempo sospeso1 Lettera al figlio di Francesco Marotta       Dalla dimora del tempo...

I poeti appartati: Alberto Rollo

di Alberto Rollo. da Ultimo turno di guardia.   Cinque poesie con nota di Maria Grazia Calandrone       7. Così li riconobbe il vecchio, ancora, gli...

I poeti appartati: Massimo Rizzante

Ho provato una vera felicità  quando Massimo mi ha dato la bella notizia di questa nuova uscita - a...

Livraisons

Una libreria in inglese   Di Angelo Vannini     A Phyllis Cohen, e alla sua libreria di sogni   Non sono mai stato la persona adatta...

I poeti appartati: Alida Airaghi

Elsewhere di Alida Airaghi       C'è un fondo al cielo, in fondo al cielo: e prima luce, e primo buio. Fine di tutto, innanzi a tutto. Velo...

Pandemia: Angelo Vannini

La possibilità di provare ciò che non è possibile provare. Una riflessione sulla situazione presente   di Angelo Vannini     Il quotidiano Il...
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
  1. qui è possibile leggere tutto Hairesis []