Articolo precedente
Articolo successivo

Kurdistan

di Daniele Ventre

A tempo dato aprivano origini.
Sul tetto a raso i nibbi planavano.
Ci si attendeva. Un tempo d’ira
batte alla porta con pugni fermi.

Restava il piede in basso. Confermano
lo stallo al segno –al limite minimo.
Le voci rauche al buio dànno
segno di corpi venduti a peso.

Volava il totem oltre il confliggere
di rupi dallo stretto. Tessevano
le donne parche tele a tema
per le vendemmie del sangue calmo.

Cedevano agli impulsi dal margine
dei lembi neri. In fede firmavano
verbali di autopsie gli addetti
a registrare la morte in rosa.

Ripensano alle tracce anatomiche
di radiazioni e sciabole –accludono
referti medici sui segni
dello zodiaco alla carne impressi.

Raccolgono altre prove. Le insabbiano
le seppelliscono oltre la formula
di rito. Resta il corpo in serie:
i bagagliai carrozzati in rosso:

le committenze mediche. Ai margini
la piaga delle figlie a disperdersi
nel retroscena. Nel complotto
scelgono formule controsenso.

Riguardano altri casi. Riscaldano
minestre vecchie. In trame ritessono
cartelle mediche –ragioni
senza processo –ne resta solo

il corpo in serie. A volte combattono
sul fronte d’odio. Restano vittime
sorprese in mezzo al branco –il gioco
dei sacerdoti è lo stupro al cielo

aperto. Altrove eroi ritiravano
salario e truppe. Indietro cedevano
al fondo d’universo. Lingua
manca a descrivere il passo inverso.

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Il grand tour militante di Ferdinando Tricarico

di Daniele Ventre
Usi ordinari di un linguaggio straordinario: il Grand Tour militante di Ferdinando Tricarico
Nel quinquennio culmine delle neo-destre globali, delle sinistre “destreggianti” e delle ritornate pesti-guerre-carestie, in tempi di neo-strapaese, strapaesologie, consolazioni, orientamenti, orientazioni, consolamenti, di lockdown e...

Scritture versipelli ed esistenze parallele: le Bistorte lune di Mariano Bàino

di Daniele Ventre
Sin dal titolo, la raccolta di “raccontini” di Mariano Bàino, Di bistorte lune (Galaad edizioni 2023) mostra un’aura evocativa caratteristica, e suggerisce allusiva l’idea della dimensione lunare,...

Fuori è un bel giorno di sole

di Roberto Addeo
Sul piano espressivo una frantumazione del reale, in cui si accumulano i simboli, le immagini, le folgorazioni, i germogli tratti dal subcosciente ed emergenti con una certa violenza, improvvisa e spesso affascinante. Il vissuto personale del poeta diventa il mormorio con voce pacata, morbida, suadente.

Renée Vivien – “Saffo ‘900”

L’ardente agonia delle rose. Antologia poetica – nella traduzione di Raffaela Fazio (Marco Saya Edizioni, 2023) Dalla nota introduttiva della traduttrice: La...

La circolarità del tempo in Eos di Bruno di Pietro

di Daniele Ventre Un immagine degna del Virgilio delle Georgiche, evocatore dell’ossessivo canto delle cicale, apre il quadro meridiano di...

Ovidio – Metamorfosi – Libro I

traduzione isometra di Daniele Ventre LIBRO I L’animo spinge a narrare di forme che in corpi diversi mutano; questa mia impresa,...
daniele ventre
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: