Articolo precedenteDa “I ferri corti”
Articolo successivoMots-clés__Alba

Kurdistan

di Daniele Ventre

A tempo dato aprivano origini.
Sul tetto a raso i nibbi planavano.
Ci si attendeva. Un tempo d’ira
batte alla porta con pugni fermi.

Restava il piede in basso. Confermano
lo stallo al segno –al limite minimo.
Le voci rauche al buio dànno
segno di corpi venduti a peso.

Volava il totem oltre il confliggere
di rupi dallo stretto. Tessevano
le donne parche tele a tema
per le vendemmie del sangue calmo.

Cedevano agli impulsi dal margine
dei lembi neri. In fede firmavano
verbali di autopsie gli addetti
a registrare la morte in rosa.

Ripensano alle tracce anatomiche
di radiazioni e sciabole –accludono
referti medici sui segni
dello zodiaco alla carne impressi.

Raccolgono altre prove. Le insabbiano
le seppelliscono oltre la formula
di rito. Resta il corpo in serie:
i bagagliai carrozzati in rosso:

le committenze mediche. Ai margini
la piaga delle figlie a disperdersi
nel retroscena. Nel complotto
scelgono formule controsenso.

Riguardano altri casi. Riscaldano
minestre vecchie. In trame ritessono
cartelle mediche –ragioni
senza processo –ne resta solo

il corpo in serie. A volte combattono
sul fronte d’odio. Restano vittime
sorprese in mezzo al branco –il gioco
dei sacerdoti è lo stupro al cielo

aperto. Altrove eroi ritiravano
salario e truppe. Indietro cedevano
al fondo d’universo. Lingua
manca a descrivere il passo inverso.

articoli correlati

Cinque poesie di Antonio Bux tratte da “La diga ombra” (Nottetempo, 2020) – nota introduttiva di Giuseppe Munforte

Ogni poesia ci pone la domanda di cosa sia la poesia. Arriva di fronte ai nostri occhi come un...

Annotare il dolore. – Su “Taccuino dell’urlo”di Sonia Caporossi

di Antonio Francesco Perozzi Mi piace parlare di Taccuino dell’urlo (2020, Marco Saya Edizioni) di Sonia Caporossi in termini di...

Odissea – Libro XIX – Il colloquio di Odísseo con Penelope – il riconoscimento fra Euriclea e Odísseo

trad. isometra di Daniele Ventre (da Omero, Odissea, ed. Mesogea, Messina, 2014) Dentro la sala, frattanto, lo splendido Odísseo...

Fastidiosa e sputacchina, ovvero come abbattere milioni d’ulivi in silenzio.

di Lele Amoruso O miseras hominum mentes, o pectora caeca.  O misere menti degli uomini, o ciechi cuori. Lucrezio, De rerum...

Inno ps. omerico ad Apollo

trad. in esametri di Daniele Ventre Ricorderò, né potrei scordarmelo, Apollo l'arciere lui per cui tremano i numi, se avanza alla...

Sonia Caporossi – Taccuino dell’urlo (Marco Saya Edizioni 2020)

Prefazione di Maria Grazia Calandrone La scrittura di Sonia Caporossi è mossa dalla necessità di comprendere filosoficamente il mondo, che...
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).