Ferlinghetti io vorrei

di Gian Piero Fiorillo

Ferlinghetti, io vorrei

Che tu e Corso e Ginsberg

E Jack e tutti gli altri

Possiate non avere pace

Se pace è la coscienza stanca dei morti

Possiate rivoltarvi nella tomba

Irrequieta sentendo il vostro nome

E i versi

Sulla bocca degli adolescenti

Aspettando – sempre aspettiamo qualcosa

Che il prato partorisca altri fiori

Altre margherite

Altre canzoni e speranze

Vorrei sentire ancora la vostra voce

Sirene familiari e pericolose

Perché ci avete insegnato l’inquietudine

E che soltanto l’inquietudine è vita

E avete affondato i vostri denti

Nella nostra carne

Ferite dolci di miele e veleno

Strappandoci alle illusioni

Di esistenze annebbiate

E mute maschere sottomesse

 

Ferlinghetti ti maledico e ti abbraccio

Per avere strappato le calde

Pesanti tende di velluto e di corda

Che nascondono il retrobottega

Per avere scoperchiato i vasi

E bombardato gli idoli

Dal ghigno rassicurante

Sempre in cerca sempre in attesa

Come vagabondi cacciatori nel dharma

Come prede paranoiche

Chine a dissetarsi ai ruscelli sovversivi

Di versi sincopati e monchi

Di promesse rinnovellate

Di scadenze e rinvii

Sentendo sempre il terrore

Venire dall’ombra

E le nostre ombre

Nutrirsi di terrore

E di gioia

 

Anche la maschera è nuda

Adesso, Ferlinghetti

Il tempo la sa molto lunga

E noi siamo diventati conchiglie

Disperse su spiagge roventi

Innamorate del teschio di un cane

Dello scheletro di una barca

Della carcassa bianca

Della balena

Di una foglia ballerina nel vento

E sulle onde

Mentre poco più in là sulle dune

Le erbacce e il rosmarino

Contendono pochi centimetri

D’anima alla sabbia ospitale

Come l’eterno movimento

Del caso.

***

2 Commenti

  1. devo aver sbagliato post, volevo mettere un ‘mi piace’ per le Nughette di Canella. Comunque, Ferlinghetti chi? Anni fa avevo uno spacciatore di nome Ferlinghetti. Era il mio preferito, che se aveva il raffreddore mandava Ginsberg al suo posto. Oggi Ferlinghetti mi ha iniettato l’Astrazeneca e ‘solo i nomi cambiano’ ho pensato. Sto scrivendo questo post in attesa di vacinarmi con l’Astrazeneca – ho il ticket N060 – che c’è Ferlinghetti che mi aspetta. IO LO SO. Ecco, ho appena fatto, che però c’era Ginsberg. ‘Ti può venire una trombosi’ mi ha detto e allora ci siamo messi a leggere ‘Ferlinghetti io vorrei’. Bella, ha detto Ginsberg.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Do you remember Ferlinghetti?

Quando Lawrence Ferlinghetti tradusse Pier Paolo Pasolini per City Lights di Francesco Chianese   A pagina 203 della City Light Pocket Poets Anthology,...

Il punto di vista di Dio

di Gian Piero Fiorillo   Non riesco a cogliere il tuo punto di vista, Bechterev. stiamo parlando di compatrioti! Qui...

( amare le creature abolire le frontiere)

di Gian Piero Fiorillo Se sono giovani e stanno bene ti danno fastidio perché li vedi palestrati Se chiedono l’elemosina li...

restituzione

di Gian Piero Fiorillo   fra la vita e la norma c’è una tensione quando il movimento che la esprime diventa legge il...

Nostalgia del mal di mare

di Gian Piero Fiorillo e poi che m’importa, scopriranno che sono comunista, non m’importa se lo scoprono, non gl’importa di...

Cuntu di questi giorni

di Gian Piero Fiorillo Era lì, sono sicuro. M’è preso un colpo. Adesso ci sono solo i cocci del finestrino...
Giorgio Mascitelli
Giorgio Mascitelli
Giorgio Mascitelli ha pubblicato due romanzi Nel silenzio delle merci (1996) e L’arte della capriola (1999), e le raccolte di racconti Catastrofi d’assestamento (2011) e Notturno buffo ( 2017) oltre a numerosi articoli e racconti su varie riviste letterarie e culturali. Un racconto è apparso su volume autonomo con il titolo Piove sempre sul bagnato (2008). Nel 2006 ha vinto al Napoli Comicon il premio Micheluzzi per la migliore sceneggiatura per il libro a fumetti Una lacrima sul viso con disegni di Lorenzo Sartori. E’ stato redattore di alfapiù, supplemento in rete di Alfabeta2, e attualmente del blog letterario nazioneindiana.