Il segnalibro di Rimbaud

di Ornella Tajani
_
Nel 1954 è stato rinvenuto il manuale di grammatica usato da Rimbaud a scuola. Dentro c’erano il suo nome, delle frasi-monito che gli diceva il padre e un paio di esercizi svolti, come quello in cui doveva creare una frase usando un participio presente; lui scriveva cose del genere: “Ils étaient là, cherchant, remuant, fouillant, tripotant, barbotant, pataugeant dans la mare, et criant d’une façon horrible, sauvage, absolument comme on crie au parquet de la bourse”.
Nel libro c’era anche un segnalibro recante la scritta “Abracadabra” (i flots abracadabrantesques sono di là da venire), e sopra Rimbaud aveva annotato a penna: “pour préserver de la fièvre”. Il tutto è stato poi battuto all’asta e nessuno l’ha più visto, ma a quanto pare da qualche parte esiste ancora il segnalibro usato da Rimbaud a scuola.
_
Per approfondimenti: Olivier Bivort, La “grammaire” de Rimbaud, in Vies et poétiques d’Arthur Rimbaud, actes du colloque de Charleville-Mézières (16-19 septembre 2004), <<Parade sauvage>>, Colloque 5, 2005, pp. 17-37.
Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Intanto sono gerundi e non participi presente. Poi se si voleva riproporre la scoperta di oltre 70 anni fa beh si doveva dilungarsi un pó. Quei verbi non sono banali o convenzionali. Mi pare caratteristica del modo di fare di NI, que che di saccente, presuntuoso ( ma di che di grazia?) etc

  2. Sono participi presenti, le assicuro. E no, non sono affatto banali, da cui l’interesse di riportarli.
    Questa rubrica si intitola “Al volo”: la utilizziamo per delle brevissime segnalazioni che ci sembrano interessanti. Per approfondimenti ho appunto citato l’articolo specialistico che esamina la questione nel dettaglio.

  3. mi permetto di intervenire spiegando al sig. Carlucci, che dovrebbe forse informarsi meglio, che la differenza tra gerundio e participio presente in francese è semplicemente che il gerundio è sempre prceduto da “en”, come “en cherchant” ecc. In questo caso non è così, dunque Ornella ha tutte le ragioni. Forse qui l’unico saccente è il sig. Carlucci, che accusa NI di non si sa cosa.

  4. Mi scuso con la prof. Taiani la quale sottolinea appunto il perché della brevitá…Gerundio e participio presente in francese sono ambigui. mi viene obiettato che il gerundio francese é sempre preceduto da “en” ma mancando la particella ricadremmo nel participio presente no? Ambiguitá per ambiguitá non vi pare?
    La pura sequenza di forme verbali connota di per se il giovane genio ribelle.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

È morto un poeta

di Igor Esposito
Terremoto, bradisismo, peste o fiume che esonda e tutto travolge è inequivocabilmente, da quarant’anni, la babelica drammaturgia di Enzo Moscato; ecco perché anche ai finti sordi che hanno avuto la sorte di inciampare in una pièce di Moscato è apparsa la poesia del teatro e della vita

Su “Guerre culturali e neoliberismo” di Mimmo Cangiano

di Antonio Del Castello
Cangiano non mette mai in discussione il fatto che sia giusto politicizzare (o ripoliticizzare) sfere private (come l’identità di genere o l’orientamento sessuale) a lungo escluse dalla lotta politica, ma segnala i limiti di un’operazione di questo tipo quando sia attuata sullo sfondo di una de-politicizzazione dell’economia e dei rapporti di produzione

Frontiere, innesti, migrazioni. Alterità e riconoscimento nella letteratura

di Tiziana de Rogatis
Le migrazioni e le convivenze multiculturali e multietniche sono assediate oggi da semplificazioni, retoriche, manipolazioni e menzogne mediatiche di diverso orientamento. In un simile contesto storico, la pratica del commento permette di restituire alla parola sullo straniero un fondamento condiviso

“Culo di tua mamma: Autobestiario 2013 – 2022”. Intervista ad Alberto Bertoni

a cura di Andrea Carloni
Leggere davvero una poesia implica sempre un atto di riformulazione interiore e dunque di rilettura: e sollecita l’affinamento di una dote specifica

Su “The interrogation” di Édouard Louis e Milo Rau

di Ornella Tajani
Perché questo titolo, "The interrogation"? Louis si chiede cosa siano il successo, il fallimento, e dove sia il suo vero io: sulla scena o dietro lo schermo; in quel cognome così socialmente chiassoso, Bellegueule, che ha voluto abbandonare, oppure in Louis, il paravento della propria vulnerabilità

Esporre l’assenza. La mostra di Sophie Calle a Parigi

di Ornella Tajani
C’è sempre qualcosa di poliziesco nei lavori di Calle: la psiche (degli altri, ma sua innanzitutto) si fa terreno d'indagine. Però, se è vero che tre indizi fanno una prova, Calle preferisce sempre trovarne soltanto due, e dalla coincidenza cominciare a ricamare, così come vuole la letteratura
ornella tajani
ornella tajani
Ornella Tajani insegna Lingua e traduzione francese all'Università per Stranieri di Siena. Si occupa prevalentemente di studi di traduzione e di letteratura francese del XX secolo. È autrice dei libri Tradurre il pastiche (Mucchi, 2018) e Après Berman. Des études de cas pour une critique des traductions littéraires (ETS, 2021). Ha tradotto, fra vari autori, le Opere di Rimbaud per Marsilio (2019), e curato i volumi: Il battello ebbro (Mucchi, 2019); L'aquila a due teste di Jean Cocteau (Marchese 2011 - premio di traduzione Monselice "Leone Traverso" 2012); Tiresia di Marcel Jouhandeau (Marchese 2013). Oltre alle pubblicazioni abituali, per Nazione Indiana cura la rubrica Mots-clés, aperta ai contributi di lettori e lettrici.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: