STATEMENT BY AMIRI BARAKA, NEW JERSEY POET LAUREATE 10/2/2002

16 settembre 2005
Pubblicato da

I WILL NOT “APOLOGIZE”, I WILL NOT “RESIGN”!

[Vorrei aver letto questa vibrante, elettrificata autodifesa di Baraka prima di scrivere quello che ho scritto. Ringrazio Effeeffe di averla segnalata. Voglio tuttavia mettere qui il testo originale – e invito caldamente i lettori a fare lo sforzo di avventurarvisi – perché la traduzione italiana – che sembra fatta con un traduttore automatico – è davvero troppo free jazz : rende incomprensibile, a tratti addirittura ridicolo, un discorso in cui invece ogni parola pesa.
Ribadisco pero’ che la mia riflessione porta soprattutto sull’utilità e il danno dell’uso di “forme paranoiche” in poesia, e non sulla verità o falsità del “fatto in sé” – “verità” che comunque si conoscerà, se va bene, fra un paio di secoli. Da questo punto di vista, mantengo le mie riserve su questa poesia. a.r.

p.s. linko Baraka e le Pantere Nere. Dig it!]

The recent dishonest, consciously distorted and insulting non-interpretation of my poem, “Somebody Blew Up America” by the “Anti-Defamation” League, is fundamentally an attempt to defame me. And with that, an attempt to repress and stigmatize independent thinkers everywhere.
This trashy propaganda is characteristic of right-wing zealots who are interested only in slander and character assassination of those whose views or philosophies differ from or are in contradiction to theirs.
First, the poem underlying theme focuses on how Black Americans have suffered from domestic terrorism since being kidnapped into US chattel slavery, e.g., by Slave Owners, US & State Laws, Klan, Skin Heads, Domestic Nazis, Lynching, denial of rights, national oppression, racism, character assassination, historically, and at this very minute throughout the US. The relevance of this to Bush call for a “War on Terrorism”, is that Black people feel we have always been victims of terror, governmental and general, so we cannot get as frenzied and hysterical as the people who while asking us to dismiss our history and contemporary reality to join them, in the name of a shallow “patriotism” in attacking the majority of people in the world, especially people of color and in the third world.
This is said to us, even as this counterfeit president has legalized the Confederate Flag in Mississippi. Could the victims of European Fascism be as frantically loyal to a regime that would fly a Nazi Swastika over their homes? So we cannot, in good conscience, celebrate what seems to us an international crusade to set up a military dictatorship over the world, legitimatized at base, by white supremacy, carried out, no matter the crude lies, as the most terrifying form of Imperialism and its attendant national oppression. All of it designed to drain super profits bluntly from the colored peoples of the world, but as well, from the majority of the peoples in the world. For all the frantic condemnations of Terror by Bush &c, as the single International Super Power, they are the most dangerous terrorists in the world!
Actually, in my focus on various forces of terror Afro Americans and other oppressed people of the world have suffered, slavery, colonialism, Imperialism, Neo neo-colonialism, National Oppression, the ADL disingenuously makes no mention of my probing into the creators of the holocaust, e.g., “who put the Jews in ovens, / and who helped them do it, / Who said “America First”/ and Ok’d the yellow stars”, which of course is a reference to America’s domestic fascists just before World War @ and the Nazi Holocaust.
Nor do these ADL purveyors of falsehood mention the poem’s listing of some of the Jews across the world, oppressed, imprisoned, murdered by actual Anti- Semitic forces, open or disguised. The poem asks “Who killed Rosa Luxembourg, Liebnecht/Who murdered the Rosenbergs/ And all the good people iced, tortured, assassinate, vanished”.
The ADL apparently is not outraged by McCarthy era frame-up and execution of the Rosenbergs, nor the assassination of German Jewish Communist leaders like Liebnecht, Luxembourg. The ADL leaves these things out to try to make their lies more believable, and also because these victims of imperialism were on the Left
Happily the Star Ledger published the entire poem, though including in a box, supposedly identifying the offending phrases, my question, “Who Blew Up The Reichstag?” as if the ADL had also claimed that the poem was inferring that Jews did it. When it was Hitler’s destruction of the Reichstag, that provided the pretext for the general imprisonment of Jews, after incarcerating Communists, Social Democrats and Trade Unionists. Why this was done one can only speculate, but this is the kind of sloppy or intentionally slanderous journalism one can often find in the media. It also reflects the kind of unprincipled attack that characterizes ADL press release.
The Reichstag fire, parallels the 911 Attack, in that after that “mysterious act of terrorism”, which Hitler blamed on Jews and Communists, the Nazis passed a law The Reichstag Enablement Act, that gave the Nazis much the same carte blanche as the Bush administration used the 911 tragedy to pass the wholly undemocratic Patriot Bill and begin rounding up suspects, even without identifying them. Of course the actual arsonists of the Reichstag terror were never found, though most scholars are certain it was the Nazis themselves.
Of the other lines of the poem, which the ADL termed an example of the Hitlerian “Big Lie”, and the poet’s “spewing Anti-Semitic venom”. The lines, “Who knew the World Trade Center was gonna get/bombed?” Well now, certainly, even the Democratic Party has affirmed that the Bush Administration knew. I agree with this, and it is everywhere on the Internet that not only was the US warned repeatedly by Germany, France, Russia, England but also Israel. Michael Ruppert of the Green Party has issued a video stating clearly, “Israeli security issued urgent warnings to the CIA of large-scale terror attacks. …And that the Israeli Mossad knew that the attacks were going to take place…they knew that the World Trade Center were the targets. This is from British newspaper the “Telegraph”. (Copies of these documents available with this statement.)
In addition there are articles in all forms of media and of course the Internet confirming or suggesting that the entire Imperialist world knew and had warned the US CIA in advance, but no action was taken. WHY. They say they “couldn’t connect the dots”. The FBI agents in Minnesota and Arizona who sd that FBI received a report in 1998 that a terrorist organization …planned to bring people to the US to enroll in flight schools. Zacharias Moussoui, now charged with conspiring in the Sept 11 attacks, was arrested by the Minnesota agents of the FBI in August 2001 but FBI HQ denied agents request to seek a warrant even to search his computer. And in a prepared statement by a Minnesota FBI agent, he blamed legal restrictions but principally FBI headquarters for impeding a more aggressive investigation of this man. As for the other agent’s attempt to warn the FBI HQ of these attacks, he was rebuffed when he made the report, but now FBI HQ says it has not record of such warning. (See Truthout.org/docs)
There are other incredible dots on the media, for instance the stockholders of American Airlines and United, which were the carriers highjacked to commit the terror began withdrawing stock from these companies in August before the attacks.
The most offensive phrase in the poem to my various attackers is, “Who told 4000 Israeli workers at the Twin Towers / to stay home that day/ Why did Sharon stay away?” To infer that I am accusing Israel of committing the atrocity is disingenuous slander and character assassination. But I do believe, as I stated about England, Germany, France, Russia, that the Israeli government, certainly it’s security force, SHABAK knew about the attack in advance.
My sources were, “Ha’aretz” and “Yadiot Ahranot” (two Israeli newspapers) “Al Watan” (a Jordanian newspaper), “Manar” -TV and the website of the Israeli security force SHABAK. There are myriad references to this in Reuters, Der Spiegel.
The Israeli newspaper Yadiot Ahranot lst revealed that SHABAK had canceled Sharon’s appearance in New York City that day, Sept 11, where he was supposed to speak at an “Israel Day” celebration. This was also mentioned in the Star Ledger, to the effect that Sharon was supposed to visit the US, but no dates were mentioned.
It is the Green Party’s Ruppert who makes the most effective case for the 4000 Israeli workers (Not Jewish Workers!) but Israeli nationals. He says in his video, “if what I am showing you is know overtly although the media, how much more does our thirty billion dollar intelligence community know”/
He goes on, and this seems true to me, It is “Nonsense” to say the Israelis did it They were warning the U.S. hand over fist…” Ruppert speculates further 1. The US did not listen 2. They needed the attacks” which I leave to time, as Malcolm X sd, Time will tell.
But the most stunning revelation is this, again Ruppert, “We reviewed the list of former tenants of the World Trade Center at the on-line Wall St Journal site. And there’s the website. It is an alphabetical list of tenants. Scroll to the very bottom and notice the moving date for the office of Zim American-Israeli Shipping to Norfolk Virginia. They were in the World Trade Center. They must have had Mossad” (or Shabak- AB) input because they vacated one week before September and they broke their lease. The Israelis didn’t pull the attack, but they were smart enough to get their people out of the way. How come our government didn’t do the same thing for us.“ (Statement & Quote by George DeCarlo, Coordinator of Union County Greens, Co Founder of the NJ Lavender Greens- included in media pkg.)
The poem was never saying anything else, i.e., why didn’t the other slaughtered Americans know? I WAS NOT SAYING ISRAEL WAS RESPONSIBLE FOR THE ATTACK, BUT THAT THEY KNEW AND OUR OWN COUNTERFEIT PRESIDENT DID TOO!
There is other disturbing facts surround the hideous 911 attacks, which my family and I could see from the third floor bathroom window of our homes! And certainly one day all this will be thoroughly investigated. The poem says “Who know why Five Israelis was filming the explosion/ And cracking they sides at the notion.” I got this story from The Star Ledger, where it appeared twice, and The New York Times.
The reference to “cracking they sides” or laughing uproariously while filming the 911 attack, apparently on the top of a truck from the Jersey side is a direct paraphrase of the Ledger articles. In fact, the State Police, who arrested them, stated that that is one of the reasons they did arrest them, because they were laughing.
Again, these were Israeli Nationals, persons holding Israeli passports. The Times article even reported on what their lives were like in Jail. And implied they would be deported. So this reference is not more of the ADL’s “Anti-Semitic venom” but arrived at merely from studying the US media.
Why those five Israelis were there filming and laughing I do not claim know. That’s why the poem here and throughout continuously chants the question WHO WHO WHO? That is, who is responsible for this horrible crime and WHY? It is a poem that aims to probe and disturb, but there is not the slightest evidence of Anti-Semitism, as anyone who reads it without some insidious bias would have to agree.
Why the ADL would do this, I can only speculate.
I wish they and other concerned pundits would speculate on how an Airplane flying in America, where the pilot has to file a flight plan before taking off, how can such a plane or two or three of them file such a route in which they would travel, and in the case of the planes leaving Boston make 45 degree turns south and fly 54 minutes to the World Trade Center and 90 minutes to the Pentagon and not be challenged by US Air Defense Fighters, or brought down by ground to air missiles?
Having been in the Air Force I know those ADC fighters would normally confront such “rogue” aircraft within a few minutes! Why was this not done? Let the ADL and the media investigating me, investigate that!
We should know that Bush and his Right Wing crew want War against all the forces of their so called “Axis of Evil” What a not so wild coincidence that the path of this Axis parallels the route of the proposed US oil corporations- pipe line from Saudi to the far east, apparently to oppose the spiraling economic growth and influence of China. They scream “Bin Laden” and “Taliban” and destroy Afghanistan, install a puppet president and a shadow occupation force.
Next in the Axis is Iraq, we should have known that. With no real proof at all again the people of the US outraged and frightened by the Reichstag of 911 are hyped with chants of “Regime Change” and “Saddam Hussein”. No longer is the madness of crowds being aroused by the “Anti –Terrorist” campaign and Bin Laden as the Devil figure used to rouse the people to a patriotic frenzy, now it is Saddam Hussein. So forget last month’s war and get ready for this month’s.
Bush says he wants “regime change” in Palestine, he wants to oust Arafat, now in Iraq, and he wants to oust Saddam. The Axis projects Iran next and then North Korea. What is this an updated version of 1984 or an American version of Hitler’s and Bush 1’s) New World Order?
Regime Change, why? Because these regimes are anti democratic or terrorists or in the case of Saddam, they have “weapons of mass destruction”.
Well if being anti democratic were a good rationalization for foreign invasions of countries then the United States better watch out because the Florida coup, which tricked the American people into accepting Bush as President is anything but democratic. Should we let foreign countries invade us to get rid of Bush? What would be the American People’s reaction to such Third Reich replay?
And as for Saddam having “weapons of mass destruction” (or mass diversion as some critics say) The US has these weapons. So do Israel, South Africa, Germany, France, Italy, England, Russia, and now China, India, Pakistan. How is it the US and its allies (except the Chinese) can have such weapons, but no one else can. The answer to that, of course, is White Supremacy and Imperialism. And what should be the growing understanding by the American people and the democratic people of the world, is what the far right Bush coven wants is a military dictatorship of the world.
The ADL, by attacking me by distorting what my poem is saying, is doing its usual ugly, as a well known running dog of imperialism, particularly by attacking anyone who takes an independent position or is critical of Israeli Imperialism and its attendant ideology political Zionism. As they are attempting with me the ADL slanders anyone who is not happy with Israel’s ethnic cleansing of the Palestinians
As Anti Semitic, when lst of all Israel and its guiding philosophy have nothing to do, as categories, with Jews. (See “Zionism in the Age of the Dictators”, Brenner
But this is the trick such demagogues as the ADL use to hide the crimes of Imperialist Israel. When we criticize US imperialism does that make us enemies of Christianity, maybe only to Jerry Falwell and such Right wing Christian Zealots, perhaps Asscraft But neither Israel nor Zionism is the same as Judaism. (Op cit Brenner; also “The Dilemma of the Modern Jew, Prinz”.) But this is the trick the Israeli’s and their sympathizers use to hide behind Judaism. Israel (and it’s political Zionism) has as much to do with Judaism, as the US has to do with Christianity.
In the US our constitution makes clear that this is a secular nation and by law theoretically enforces separation of church and state, tho Mr. Bush and Mr. Asscraft have demonstrated they disagree, and Israel outright says it is a “Jewish State” but if that is so then that explains why it can discriminate against its Arab people living inside Israel and make them 2nd class citizens, in much the same way that South Africa, a close friend did under Apartheid. (See “The Crisis of Black Jewish Relations”, Brenner & Bloom; “Israel and South Africa”, Stevens & Ellmessi; The “Arabs in Israel” by Sabri Jiryis, foreword by Noam Chomsky)
The ADL attacks so it can confuse people and show me as just another Anti- Semitic attacker of their absolutely false depictions of Israel as a victim of Palestinian Terrorism. This is absolutely in tune with the Bush administrations
Frenzied “destroy Iraq regime change “Jones” (a street word for narcotics addiction) that the administration is chanting around us like cheer leaders at a football game! So that US imperialism can transform the whole of the Middle East, the Arab world into a gas station (See “Bushwacked: A Counterfeit President for a Fake Democracy”, Baraka)
So that we are supposed to believe that if a little girl blows herself up in a Israeli Pizza Parlor, she is a terrorist, but when Israeli Jets, made in the USA, destroy whole sections of Palestinian cities, bulldoze neighborhoods, all but destroy the Palestinian Center of Governance, with its President, Yasser Arafat, inside sitting in the dark, it is the Israelis who are victims and the little Palestinian girl or boy or young man or young woman or even elder, they are the terrorists. We are supposed to be intimidated by demagogues like the Anti Defamation League (who shd be called the Anti Anti Defamation League) so that Israel as a jr. partner of the Bush led US goosestep to world military domination can commit ethnic cleansing of the Palestinians in the name of fighting terrorism.
It is the ADL, which is actually guilty of what its leader, Abraham Foxman calls the Hitlerian “Big Lie”, and ironically it is the ADL, which is “spewing anti-Semitic venom”. The same ADL which became aware of “Black Anti Semitism”, which it had earlier said has never been a threat, until Stokely Carmichael and SNCC began to support the PLO and the Palestinian Struggle as a Liberation Struggle and condemn Israeli Imperialism and Zionism. That is when, as Stokeley Carmichael says in the APRP’s “Smash Zionism” the ADL smashed SNCC instead.
As Israel drew closer to South Africa, politically, economically, militarily in the 60’s (Op Cit, above & others) the Black Liberation Movement and African Nations became more and more guilty, according to the ADL, of “Black Anti-Semitism”.
This is the same ADL who opposed Affirmative Action, even though many Jews benefited by the Civil Rights Struggle, and the most notable white comrades in that struggle were young Jews. The same ADL that filed an Amicus Curiae (friend of the court brief) in the historic and reactionary Baake Decision which challenged & defeated the University of California’s affirmative action as “racist” and was explained by the ADL as its opposition to quotas. So that the university’s could now enforce a quota on Black students of none!
This is the same ADL, which in league with the American Israel Political Action Committee, just a few weeks ago sent millions of dollars into Atlanta, Georgia to defeat progressive Black Congress woman Cynthia McKinney, because she called for a more balance American view of the Palestinian –Israeli Conflict.
These same forces defeated in Alabama, another progressive Black incumbent Congressman, because he too dared to support the Palestinians. (See New York Times), Amsterdam News, Star Ledger).
Very much like the way Bush touts “Regime Change,” recently even hinting at an attempted Assassination of Saddam Hussein, if the American People rise up and force our congress to deny the Bush juggernaut of terror to attack Iraq. ADL and their ” bagman” AIPAC didn’t like these black politicians stance on Israel, so in a minute and a few million dollars, they are gone!
So now, it’s my turn. Using my poem, Somebody Blew Up America” they are
Going to spread the Big Lie, distort what poem says. Cover the fact that this poem actually is an attack on Imperialism, National Oppression, Monopoly Capitalism, Racism, Anti-Semitism. I challenge ADL to show anywhere in this poem that is Anti-Semitic in the least. In their press release they say talk about “Jews being scapegoated throughout history…’ then “conspiracy mongers of the Arab world…have taken Anti-Israel propaganda to a new level “ (Mr. Foxman, what is the Arab World? Alan Dershowitz in his “Chutzpah” says the basis of bigotry is “overgeneralization,” so where is the “Arab World”? Is Detroit included? Asscraft thinks so.
Earlier the press release mentions “the Muslim World” does that include Lyons Ave, Newark? But then from “Anti-Semitism” the release goes to Israel, not Jews, and Israeli Mossad as those victimized. So they fight Anti Semitism
Mainly by “defending” Israel. In fact they defend Israel like Joe McCarthy “defended” the US against Communism. Included in my package is a communiqué from an Israeli Peace Organization “: Gush Shalom”, “Israeli Peace Block (see Defamation from the Anti Defamation League Answered” (info@gush-shalom.org) This was first published 7/11/2000 as a press release. “In the past 24 hours, an attack is being mounted against Gush Shalom. Knesset Member Collette Avital (Labor) has actually lodge a complaint with the police, claiming that cartoons presented on our website constitute “incitement”. And the powerful American Jewish organization Anti –Defamation League found time, even on election day, over there, to disseminate a message of defamation against “Gush Shalom”, which already resulted in hate e mails being sent our address”
In a following message signed by Adam Keller Gush, Shalom Spokesperson. The organization defends itself from an ADL pres release s “expressing outrage at Gush Shalom’s portrayal of Prime Minster Barak as a killer of Palestinian children in a caricature on its web site, stating that the image of Barak standing on the bleeding bullet ridden body of a Palestinian child is abhorrent.”
Gush Shalom replies, “Still after consulting with my fellow activists I am in a position to make an offer. Should a complete week – seven days pass in which not a single unarmed Palestinian is killed by the Israeli armed forces which are answerable to Mr. Barak, we would remove the above mentioned cartoon from our website.
The Gush Shalom statement ends “As for the ADL- an organization which claims to “counter hatred prejudice and bigotry” can you truly find no other places to search for such, with Israeli society in its present condition, except at our modest website. Was the ADL attacking these Israelis for being Anti Semitic or criticizing rather forcefully the continuous murder of the Palestinians. So in Israel itself, ADL is still covering for and attacking anyone, even Israeli citizens themselves who oppose the Bush Zionist Plan to de-Palestinianize Palestine!
Another communication from Israel (robertoj69@yahoo.com). This signed by 95 Israeli Academics (copy included in pkg), Sept 23, 2002 that begins “URGENT WARNING: THE ISRAELI GOVERNMENT MAY BE CONTEMPLATING CRIMES AGAINST HUMANITY” It goes on, “We members of the Israeli academe are horrified by US buildup of aggression towards Iraq and by the Israeli political leadership’s enthusiastic support of it. We are deeply worried by indications that the “fog of war” could be exploited by the Israeli government to commit further crimes against the Palestinian people, up to full-fledged ethnic cleansing.”
One striking description of the Israeli Military by these professors is that in an interview found in Ha’aretz Sept 19, 2002, Israeli Chief of Staff Moshe Ya’alon describe the Palestinians as a “cancerous manifestation” and equated the military actions in the Occupied territories with “chemotherapy”

Certainly the ADL will have to go after these “Anti Semites” using the “Big Lie” and “Spewing Anti-Semitic Venom”! And the growing list of progressive democratic people around the world who will have opinions about Israel and Political Zionism independent of the ADL, the ADL will have to attack and slander them as well

I challenge the ADL to set up a national television program so that we might debate this issue. We can project the poem on a wall and go down line by new and discuss it. If not that then why not a forum or debate some place like NYC Town Hall or at Symphony Hall in Newark.
Why not take a survey of those who heard the poem at the Dodge Festival? Those who registered and the students brought by schools could be contacted and a survey taken to reflect just the majority of people hearing the poem thought, not just some shadowy surrogates of Imperialism who are trying to convince people that I and my poem are the enemy not US and Israeli Imperialism.
I have already gotten a great many communications praising the poem. A great many E-mail letters and phone calls not only praising the poem, and the poet for writing it, but also opposing the attempt to violate my first amendment rights by this oft repeated ADL skin game of calling critics of imperialism Anti Semites.
I have already said, in answer to what Governor McGreevey is quoted as demanding that I apologize and that I resign as NJ Poet Laureate. And I have said repeatedly that I will do neither. It is unfortunate that Governor McGreevey has been stampeded by paid liars, and apologists for ethnic cleansing and white supremacy, bourgeois nationalists and the dangerously ignorant, to be panicked into joining in the ADL’s slander, belittling my intelligence, and insulting not only my person, my family, my fellow artists and activists who know all this is just the feces of a very small cow. But they are also attacking my work in the arts and my social political views. By demanding that I apologize to Evil and Submit to some fundamentally racist and politically motivated call for me to resign as New Jersey’s Poet Laureate, he is insulting the broad group of people who know he is incorrect and who have read and celebrated and valued my work. And that is a grave mistake, one I am hoping he will correct.
“Somebody Blew Up America!” was written Oct 1, 2001. A month after the terror attack. Almost immediately I circulated it around the world on the Internet.
In addition, I have read this poem in Spain, Portugal, Africa, Switzerland, Italy, Finland and it was translated into German and read on German radio, at Universities and other venues across this country. It has become one of the most circulated of my poems.
Yet it was not until I read the poem at the Dodge Poetry Festival that I got negative response from three people that I know of. The overwhelming response was an almost thunderous applause. I even had to come out and take a second bow at one performance. So why now and Who, as the poem asks, is behind it? Perhaps the forces which have dishonestly tried to characterize the poem as “venom” or merely “a harangue” (just as they called John Coltrane’s music “Barbaric Yawps”) are simply, the Charlie McCarthy voices for Bush & Sharon’s Edgar Bergen’s. Empty-headed devilish dummies constructed of wood and painted and costumed to look like it is real people speaking, when all the time it is imperialism is the ventriloquist speaking through their mouths,
NO, I WILL NOT APOLOGIZE, I WILL NOT RESIGN. In fact I will continue to do what I have appointed to do but still have not been paid to do. Publicize and Popularize poetry and poets throughout this state. To set up new venues and new networks for poetry reading and workshops, in the state’s libraries and schools and other institutions. Hopefully initiated and given paradigm right here in the Newark Public Library, its branches and throughout the school system. Therefore giving more of our citizens access to poetry, involving poets of all nationalities, both male and female, of diverse experience and styles. I have already begun to enlist coordinators of poetry programs throughout the state, so that we can network a tour of poets, hopefully beginning in January, throughout the state.
To do this I will be approaching local, county, state, federal and private funding. And expand our budget with the cooperation of these other existing programs. We will ask that poets POET-ON! That they begin to produce at least one poem or publish a poem monthly, in the most modest forms, Kinko style, and give them away if they have to. That they begin to set up readings not only in the places we mentioned but also in parks and restaurants and in neighborhoods.
We say this because we feel that this state and indeed this nation and this world is desperately in need of the deepest and most profound human values that poetry can teach. That is what Keats and Du Bois called for the poet to do, to bring Truth and Beauty. To be like the most ancient paradigmythic image of the poet. To be like Osiris and Orpheus, whose job it was to raise the Sun each morning with song and story. To illuminate the human mind, and bring light into the world. POET ON!

www.amiribaraka.com

Tag: , , ,

59 Responses to STATEMENT BY AMIRI BARAKA, NEW JERSEY POET LAUREATE 10/2/2002

  1. effeffe il 16 settembre 2005 alle 15:11

    @ Raos giusto come precisazione

    L’articolo di LeRoy che ho letto in inglese e proposto, in link, e tramite traduzione babel, cioè traduttore automatico su altavista come, vorrei precisarlo , era indicato all’inizio del commento, affronta secondo me ognuno dei punti sollevati dai commenti suscitati dalla poesia e in parte ne risolve i dubbi. Come ho scritto in seguito, su un altro commento :

    Mettere solo il link sarebbe stato troppo debole, selezionare delle parti, troppo euristico, metterlo in inglese, riservato ai soli anglofoni e così non potendo disporre di traduzioni, e non avendo il tempo di farne una io stesso data la lunghezza dell’intervento, ho optato per quella meccanica babel. Che però vi ripeto, esercita su di me un suo fascino.

    L’apertura di NI a proposte internazionali mi sembra fondamentale, però si tenga presente che non tutti posseggono la stessa nostra autonomia nelle altre lingue. Insomma sarebbe come se Andrea ti mettessi a proporre dei testi in giapponese. Per uno che non parli l’inglese o il francese è lo stesso.

    Quindi io ti ringrazio Andrea per aver raccolto la mia proposta però sarebbe bene che qualcuno lo traducesse e magari anche bene per chi l’inglese non lo parla.
    Ho forse peccato di “altruismo”…

    Avventurarsi invece sull’impatto che determinate “malattie” o Patologie possono avere sulle pratiche letterarie o su quelle storico politiche, mi sembra assai pericoloso e non so quanto pertinenti. Nel lunghissimo testo di LeRoy non c’è un solo passaggio dedicato a tale “patologia” ovvero alla paranoia. Il che significa che nella massa di critiche che gli sono piovute addosso non una faceva riferimento a questo aspetto. E’ perchè siamo noi un pò paranoici?
    effeffe

  2. andrea raos il 16 settembre 2005 alle 17:17

    ci mancherebbe francesco, io ti avevo ringraziato di aver postato quella traduzione – se poi non mi è piaciuta, problemi miei; e anche a me manca il tempo di far meglio. e avevo postato prima di leggere la tua spiegazione. ti abbraccio,

  3. effeffe il 16 settembre 2005 alle 17:55

    un abbraccio andrea e salutami tutto di quelle parti
    effeeffe

  4. emma il 16 settembre 2005 alle 22:15

    Come lettore ho molti limiti, non ne so abbastanza, ho le “mie” paranoie.
    Non per questo penso che per comprendere il significato o apprezzare il valore di una poesia debbo ricorrere alla versione “autentica” dell’autore.
    Dunque l’autodifesa di Baraka mi può interessare come discorso politico, assai meno se riferita in senso stretto alla sua poesia, che vorrei continuare a leggere da me, pur con tutti i miei limiti e con la mia incommensurabile ignoranza.

    Quanto alla paranoia: l’argomento forse non è da blog, ma questo vale per molti argomenti. Qui si parla della forma paranoica come se ne può parlare su un blog, con le semplificazioni e i fraintendimenti del caso, cercando approssimazioni via via più significative.
    Io penso che la forma paranoica in poesia sia largamente presente, soprattutto nella forma di delirio paranoico “privato” (e vorrei però trovare parole più adeguate di queste).
    Si può certamente obiettare che il “privato” non è mai del tutto disgiunto dal pubblico o dal sociale, ma un discrimine, per quanto grossolano e provvisorio, mi sembra utile.
    Non credo che la forma paranoica sia di per sé una “cattiva” forma. La Plath e la Rosselli sono grandi poetesse anche se la loro poesia ha forma paranoica. Si tratta quasi sempre di una forma paranoica “necessaria”, e chi legge la avverte come “necessaria”.
    In effetti la paranoia (e la sofferenza, e il dolore estremo) ha rappresentato un problema (tragico) per la vita di Plath e Rosselli, non per la poesia di Plath e Rosselli.
    È la poesia “militante” (che vorrei non confondere con la “civile”) quella che rischia di più con la forma paranoica; lì la forma paranoica investe alla radice i significati, pretende di dare un senso univoco a tutto, di chiamare a raccolta, di andare lancia in resta contro il “nemico”.
    E le parole – che più che mai in certi casi dovrebbero essere “esatte” (sono d’accordo con Temperanza) – rischiano di essere travolte dalla retorica e dagli eccessi del sentimento.

  5. emma il 17 settembre 2005 alle 09:29

    Vorrei aggiungere che per Baraka il vero problema è la censura. E la minaccia di “licenziamento” da poeta laureato (forse è meglio non averli, i poeti laureati…).

  6. temperanza il 17 settembre 2005 alle 10:30

    @ Emma
    concordo, quella del poeta laureato l’ho sempre trovata una figura mostruosa, mentre trovo che un adeguato allargamento della legge Bacchelli a tanta gente che ha lavorato ed è morta in miseria uno stato davvero civile dovrebbe garantirla, anche perché così i poeti non sarebbero costretti a lavorare all’università, che non fa bene:–)

  7. gina il 17 settembre 2005 alle 10:44

    vi appiccico un “banglapoem” di Farhad Mazhar (viene da critica alla ragione postcoloniale, verso una storia del presente in dissolvenza meltemi 2004 la traduzione in inglese è di G. Spivak).

    “Okay, Nootebok. Are you going to get the Phillips Prize this time?
    Try. Try. Allah is your hope.
    Achtung. Take care. Be vigilant. Watch it.
    I am copying down the crawling of the grass.
    I am taking down the paw of the jaguar.
    I am slipping. My foot is losing its hold.
    I am taking down with my heel the problem of my footing.
    Watch it. Watch it. Attention.
    In the old days you had to fight on the oter side of the barbed wire.

    Now on the both sides: right and left, above and below, in water and dry land.
    Go to the crocodile and get your teeth fixed.
    From the snake, a rubber spine.
    Go to the bat and suckle yourself.
    My Chum, my untimely Notebook, these are very bad times.
    Watch your step on all sides, my friend.

    Be careful!

    (Ok, Taccuino. Riceverai il Phillips Prize, questa volta?
    Provaci, Provaci. Allah è la tua speranza.
    Achtung. Attento. Sii vigile. In guardia.
    Copio il brulicare dell’erba.
    Metto giù la zampa del giaguaro.
    Scivolo. Sfugge il piede.
    Con il tallone metto giù i problemi del mio punto d’appoggio.
    In guardia. In guardia. Attenzione.
    Nei tempi andati dovevi combattere dall’altra parte del filo spinato.

    Adesso da entrambe le parti: destra e sinistra, in alto e in basso, in acqua e sulla terra ferma.
    Vai dal coccodrillo e fatti aggiustare i denti.
    Dal serpente, per una spina dorsale flessibile.
    Vai dal pipistrello e fatti allattare.
    Mio compagno, mio Taccuino fuori tempo, sono tempi molto difficili.
    Attento a come ti muovi, da qualunque parte, amico mio.

    Stai attento!)

  8. gabriella il 17 settembre 2005 alle 11:05

    Standing ovation per Gina.
    Un commento cazzaro da sabato mattina è concesso? Echissenefrega se un poeta è laureato o meno? Se la poesia è bella e ha necessità di esistere…
    buon weekend ai naviganti.

  9. ap il 17 settembre 2005 alle 12:24

    qualcuno mi può spiegare l’etimologia e gli usi del termine “cazzaro”, o forse è un tutto idiomatico del tipo “cazzaro da sabato mattina”? comunque non lo mai sentito dire o scrivere…
    scusate per la divagazione …

  10. andrea inglese il 17 settembre 2005 alle 12:29

    emma, sganciati un attimo dalla poesia, dalla bella o brutta poesia, è evidente che abbiamo ampliato il discorso, magari in forma indistinta, ma se stiamo insistendo su Baraka, non è per convincerci a vicenda sulla bruttezza o la bellezza di quella sua singola poesia; certo, io per primo ho voluto far circuitare due sfere distinte: quella estetica e quella politica, il genere poesia e la storicità degli eventi che su di esso preme; è un discorso estremamente rischioso (equivoci, semplificazioni, ecc.), ma è quello che, mi sembra, tocca in modo più ampio e vivo la nostra esperienza; è quel tipo di discorso che nessuno vuole più fare…

  11. temperanza il 17 settembre 2005 alle 13:08

    @ Inglese
    Non so se nessuno vuole più farlo il tipo di discorso che tu dici. Me lo sono chiesto. Forse in effetti io non voglio più farlo, almeno non voglio più fare solo quello ed è per questo che questa seconda N.I. (sono andata a leggermi i commenti al post di herzog in bacheca) non mi dispiace, trovavo l’altra troppo ideologica, tieni conto che sono stata giovane al tempo che chiamerei “delle riviste” e dunque non lo dico per indifferenza alla politica, ma per una profonda avversione e sfiducia nella possibilità di riproporre “impegno” come l’ho conosciuto un tempo. Era appunto un altro tempo ed è passato. Le nostalgie non sono mai produttive, io penso. Era un tempo anche di schieramenti e profonde e anche odiose divisioni, di grandi ipocrisie oltre che di grandi passioni etiche. Pasolini non divideva, faceva pensare, ma non si può rifare Officina. Adesso per me il programma minimo è pensare bene, chiaro, liberarsi del politicamente corretto. Quando si cercano forzosamente sintonie e accordi si comincia a pensar male.
    Insomma, mi piace che non ci sia nessuno che dà la linea. Forse è rischioso, perché è un progetto più debole, (intendo il progetto del blog) ma potrebbe anche darvi delle soddisfazioni.
    Ho letto anche una accusa di elitismo di linguaggio, mi ha fatto sorridere, bisogna sempre vedere da chi viene.

  12. ap il 17 settembre 2005 alle 13:41

    gentile andrea, ma “impegno” è proprio questo che significa?

  13. temperanza il 17 settembre 2005 alle 14:23

    @Inglese
    Ho letto adesso la tua risposta a Zangrando dall’altra parte. Ho voglia di farti delle domande stupide, così stupide e così terra terra che in effetti le ho fatte e poi le ho cancellate, ma siccome credo che si debba avere anche il coraggio della propria stupidità torno sui miei passi.
    Cosa ti aspetti tu dalla poesia? E in particolare da una poesia civile? Non da una riflessione civile, da un saggio o da un lavoro culturale, ma proprio dalla “poesia” civile.
    Io penso che non si possa mungere una mucca già munta e che il mondo degli anni 60 e 70 fosse in qualche modo più “semplice” più leggibile a quel mondo si poteva dare una risposta ideologica e l’ideologia permette queste semplificazioni, nel bene e nel male.
    La risposta che io mi sono data è che “tu” abbia una vocazione civile e che questa tua vocazione soffra di una sorta di “orfanità”.
    La risposta che ha dato Tashtego a me, sempre di là, sui centri commerciali, io la trovo in qusto senso “civile” perché mi dà la possibilità di leggere un fenomeno relativamente nuovo con gli occhi di uno che si interroga su questo nuovo e lo pratica. Io credo alla pratica e credo anche che si è sempre nel proprio tempo, anche quando si è petrarcheschi, se lo si è oggi e non si fa della pura imitazione di stile.

  14. emma il 17 settembre 2005 alle 15:14

    @Andrea Inglese

    E perché dovrei sganciarmi dalla poesia? Di quella si stava parlando, e di forma paranoica.
    Le mie riserve sulla poesia di Baraka non significano peraltro che non mi sforzo di capire, e per quanto mi è possibile non mi sforzo di condividere – benché io non sia nera, né afroamericana, né vittima di discriminazioni e oppressioni razziali – le ragioni politiche di Baraka.
    Sono poi d’accordo con te sulla centralità di Fortini.

    Queste due poesie mi sembrano davvero “in tema”, straordinariamente illuminanti e però di una non evitabile problematicità.

    LONTANO LONTANO

    Lontano lontano si fanno la guerra.
    Il sangue degli altri si sparge per terra.

    Io questa mattina mi sono ferito
    a un gambo di rosa, pungendomi un dito.

    Succhiando quel dito, pensavo alla guerra.
    Oh povera gente, che triste è la terra!

    Non posso giovare, non posso parlare,
    non posso partire per cielo e per mare.

    E se anche potessi, o genti indifese,
    ho l’arabo nullo! Ho scarso l’inglese!

    Potrei sotto il capo dei corpi riversi
    posare un mio fitto volume di versi?

    Non credo. Cessiamo la mesta ironia.
    Mettiamo una maglia, che il sole va via.

    Franco Fortini, 1991

    CONSIDERO ERRORE

    Considero errore aver creduto che degli eventi
    (“meglio non nominarli” mi soffiano i piccoli dei)
    di questo ’91 non potessi parlare o tacere
    se non per gioco, per ironia lacrimante.

    I versi comici, i temi comici e ridicoli
    mi parvero sola risposta. Come sbagliavo!
    Ho guastato dei mesi a limare sonetti,
    a cercare rime bizzarre. Ma la verità non perdona.

    Chi mai potrà capire che tempo fu quello? Credevo
    scendere in un mio crepuscolo. Ahi gente! Invece
    altro era, incomprensibile e senza nome. Guardavo

    la luna di aprile sullo Eichorn, a mezzanotte,
    e la stellina d’oro dello Jungfraujoch, Disneyland.
    (Nulla era vero. Voi tutto dovete inventare).

    Franco Fortini, 1991

    (Ringrazio falso idillio. Le poesie le ho trovate sul suo blog – http://falsoidillio.splinder.com)

  15. andrea inglese il 17 settembre 2005 alle 16:28

    a temp, le domande stupide sono le più tremende; e cerchero’ di risponderti più avanti. Anche se, alla fine, dovrei ripartire dal pezzo di Antonio Moresco, sulla Restaurazione. Perché nel discorso di Moresco ritrovo tutta una serie di nodi inaggirabili, che vorrei provare ad affrontare pero’ in una prospetiva diversa da quella da lui adottata. Ma è un lavoro di riflessione tutto ancora da fare, di cui ho solo dei pezzi. Poi, sul piano della scrittura poetica, il discorso è diverso. Vado avanti a tastoni, senza dirmi che quello che faccio o vorrei fare è poesia civile o altro.

    In linea di massima, comunque, nutro anch’io forti perplessità sulla possibilità di una posia civile, oggi in Italia. E ancora di più, bisognerebbe chiedersi che cosa intendiamo con tale definizione. Ma la situazione italiana non è quella statunitense. A me interessa quello che Baraka ha fatto, per il momento in cui l’ha fatto, e per l’universo culturale e politico entro cui l’ha fatto, oltre che per il modo. Non so quanto avrebbe senso riproporre tale e quale un analogo gesto poetico nella nostra situazione italiana. Non avrebbe senz’altro la stessa efficacia, lo stesso significato.

    grazie ad emma per le poesia di Fortini

  16. zangrando il 17 settembre 2005 alle 16:34

    @ Andrea
    Ti ho risposto sotto il post di Raos.
    @ tutte/i
    Confessione di un difensore dell’estetico: la prima volta che ho letto il “poemetto” di Baraka mi sono fermato dopo dieci righe e ho ricominciato: ad alta voce. Una goduria. A metà avevo quasi (quasi) voglia di scendere in strada e farlo a voce ancora più alta. Sarà stato il mio background giovanile di musicista incazzato o qualche altro retaggio “engagé”…

  17. temperanza il 17 settembre 2005 alle 17:25

    @Inglese
    Se hai voglia e tempo preferirei se tu mi rispondessi senza far riferimento a Moresco, il discorso di Moresco, che sono certa sia in buona fede, fa così spesso riferimento alla sua storia personale come a una storia esemplare, (e non ho mai capito perché) che lo trovo viziato in partenza ed eccessivamente confuso e retorico per i miei gusti. Ma naturalmente è solo la mia opinione e aspetto quello che mi vorrai dire.

  18. temperanza il 18 settembre 2005 alle 00:15

    @ Tutti
    Ho appena visto per caso un pezzo di tv che si chiama Suor Jo, e all’improvviso è apparso anche Moresco. Seguendo il vecchio detto dimmi con chi vai … sto facendomi molte domande, ma davvero molte molte molte

  19. andrea barbieri il 18 settembre 2005 alle 00:21

    Io, off topic, volevo dire che a mio parere Nazione Indiana con Helena e con Raos e Inglese è ridecollata, e se adesso tornassero anche gli altri piloti (quelli che ancora ne fanno parte) si potrebbe fare un viaggio veramente lungo, di quelli che descantano.

  20. emma il 18 settembre 2005 alle 10:30

    Rileggendo un mio frettoloso intervento più sopra (sul poeta “laureato”) mi rendo conto che mi sono espressa in modo equivoco.
    Volevo dire che molte delle critiche rivolte a Baraka da parte dei suoi oppositori sono di natura censoria.
    Così come è di natura censoria il richiamo (ricattatorio) al suo essere poeta “laureato” (ma quello del poeta “laureato” potrebbe essere un ruolo costituzionalmente ambiguo e a rischio di ricatto – e allora forse è meglio non avere poeti “laureati”).
    Il fatto di trovare limiti nella poesia di Baraka è molto diverso dal censurarla. È inteso che Baraka o chiunque altro devono poter esprimere il proprio pensiero (e la propria arte) senza alcuna limitazione, e che questo è un problema di assoluta rilevanza.

  21. emma il 18 settembre 2005 alle 10:36

    @Andrea Barbieri
    Sono d’accordo con te. Aggiungerei anche il nome di Sparzani. I pezzi che posta mi spiazzano e mi lasciano senza parole, ma li leggo e li apprezzo sempre.

  22. andrea barbieri il 18 settembre 2005 alle 10:53

    Sì anche Sparzani. Dopo mezzanotte sono un po’ meno lucido :-)

  23. gina il 18 settembre 2005 alle 11:24

    grazie gabriella (muito obrigada for the standing …ovetto:)

  24. zangrando il 18 settembre 2005 alle 12:00

    Buongiorno.
    Sottoscrivo le affermazioni, con glosse, di Barbieri e di Emma, che es-primono una im-pressione che è anche mia.
    Buona domenica.

  25. tashtego il 18 settembre 2005 alle 15:03

    secondo me la qualità dei post è inferiore a quella dei commenti.
    ecco.

  26. andrea raos il 18 settembre 2005 alle 16:27

    leggendo barbieri che dice che ridecolliamo, mi è venuto in mente minivip di bozzetto, quello che svolazza e luccica. poi vedo tashtego e sono d’accordo con lui : i post sono minivip, i commenti supervip (tashtego, per asterix passi, ma se non capisci nemmeno questa non ti parlo davvero più!). di cuore grazie a tutte/i,

  27. temperanza il 18 settembre 2005 alle 16:37

    Io so cos’è asterix, ma minivip non l’ho proprio mai sentito.

  28. andrea raos il 18 settembre 2005 alle 16:56

    è questo qui :

    http://www.bozzetto.com/features/Vip/minivip.gif

    (e chiedo scusa a tutti coloro a cui non interessa l’argomento : ormai mi faccio gli ot da solo).

  29. jan reister il 18 settembre 2005 alle 17:00

    Ecco Vip e la sua famiglia.
    Mi ha colpito Inglese sui commenti dispersi e Tashtego qui sopra sul valore dei commenti. Mi piacerebbe sperimentare con un modo diverso di pubblicazione, dove i commenti sono una discussione che modifica pian piano il post originario.
    Penso a un fenomeno simile che esiste su Wikipedia, dove una pagina (una voce enciclopedica aperta nel loro caso) è affiancata da una discussione (sulla voce, su come farla crescere).

  30. georgia il 18 settembre 2005 alle 17:00

    OT ma forse vi interessa:
    Stasera su rai3 alle 23 c’è il documentario L’isola di calvino con interviste e testimonianze inedite.
    A chi interessasse leggersi l’intervista a Inge Feltrinelli (pubblicata ieri su Liberazione) la può leggere sul mio blog
    http://georgiamada.splinder.com/post/5756143
    georgia

    P.S
    Bhe speriamo che jan sia andato al cinema o a prendersi un caffè, ad ogni modo, per prudenza, scappo subito

  31. jan reister il 18 settembre 2005 alle 17:04

    Veramente ho preso un karkade, grazie :-)

  32. temperanza il 18 settembre 2005 alle 17:08

    @Andrea e Jan
    Grazie, tamponata una falla.

  33. andrea barbieri il 18 settembre 2005 alle 19:45

    Raos, sulla carta siete 14 cazzuti intellettuali + un cazzuto webmaster intellettuale e non riuscite a staccarvi da terra?
    Dimmi tu quale piazza webbica vanta una potenza di fuoco del genere? Nessuna.
    Vorrà dire che avete perso fiducia in questo multiblog, forse volete tutti quanti qualcosa di nuovo e l’unico motivo che vi tiene qui è non darla vinta a chi vi ha profetizzato che sarete sempre soltanto dei minivip. Se è così non è obbligatorio continuare con la forma Nazione Indiana, inventatene una nuova, un nuovo nome e così sia.

  34. jan reister il 18 settembre 2005 alle 20:07

    Sfiducia, Barbieri? No. Attenzione, direi. Hai notato nella barra di destra “Blogs that link here”? Technorati ti dice quali sono i link in entrata, in ordine cronologico, a NI. E’ un bel flusso. Pian piano useremo i Technorati Tags nei post (si potrebbe iniziare con questi 2 di Baraka). L’idea è un blog aperto, ricercabile, utile da trovare, ma anche da lasciare.

  35. andrea raos il 18 settembre 2005 alle 21:32

    barbieri,
    quella su minivip era solo una battuta rivolta a tashtego.
    quanto al resto, parlane se vuoi ai (circa) 1O dispersi, non certo a me – né a helena, sparzani, inglese -.
    sto scrivendo sui motivi per cui continuo. ti posso anticipare che non si tratta né di avere una vetrina per promuovermi – come insinuano i soliti arguti – né per non “darla vinta” a non so chi. sembrerà incredibile, ma è cosi’.
    *
    jan, ma sarà perché non capisco una parola di quello che dici che ti voglio cosi’ bene?

    buonanotte a voi,

  36. gabriella il 18 settembre 2005 alle 23:34

    Beh ap, l’etimologia di cazzaro non te la so spiegare…un cazzaro è uno che cazzeggia e il sabato mattina è una mattina buona per dire sciocchezze o per giocare, insomma ho premesso che era un commento un po’ sciocco per pararmi il c**o in anticipo!
    @ Raus :-)))
    carino il rimando a minivip e supervip…
    @ temperanza:
    sorella dimmi, secondo te gli uomini sono crudeli perché infelici o sono infelici perché crudeli?…mah!

  37. andrea barbieri il 19 settembre 2005 alle 00:33

    Raos, la tua risposta mi riempie di gioia. Anche quando dici a Jan che parla in modo misterioso. “Technorati Tags” ? Boh, non sarà roba della massoneria? :-)

  38. kristian il 19 settembre 2005 alle 09:37

    io lo so! io lo so! dunque.
    c’è il pirla.
    poi c’è il cazzone, che è il pirla in buona fede.
    infine il cazzaro, che è un pirla dialettico.

    lunga e felice vita a chi difende strenuamente il ricordo di Minivip colle sue ali di pipistrello.

  39. tashtego il 19 settembre 2005 alle 09:55

    cazzaro è colui che cazzeggia, certo.
    ma è anche l’inaffidabile, il ballista, il superficiale che la fa facile.
    “cazzaro” è una bella parola.

  40. fodder stompf il 19 settembre 2005 alle 10:23

    Io credo che dietro quella patina d’intellettuali durissimi, alla fine ci siano dei teneroni che amano farsi coccolare.

  41. effeffe il 19 settembre 2005 alle 10:24

    Non so a voi ma per quanto mi riguarda trovo che il poeta laureato- nel senso di designato come cantore da una comunità, un’università, una collettività – sia qualcosa di ancora “autentico”. In un’epoca in cui tale laurea viene di fatto attribuito da una trasmissione di successo, o di un’uscita su una collana x della casa editrice y, trovo che la dichiarazione di appartenenza di una città ad un intellettuale è una prova di civiltà- come accadde per Napoli che diede la cittadinanza onoraria a H.G.Gadamer.
    Voglio dire che preferisco un AMIRI BARAKA, NEW JERSEY POET LAUREATE , che non Tizio C., poeta laureato Maurizio Costanzo Show)
    Su queste ed altre questioni ci fu un bellissimo articolo che Yasmina Khadra scrisse per noi di Sud e che vi propongo come commento
    effeffe
    à suivre

  42. effeffe il 19 settembre 2005 alle 10:28

    Viva il talento
    di
    Yasmina Khadra

    Sono rimasto pensieroso, quel sabato 30 novembre 2002. Pensieroso e scosso. Letteralmente preso in contropiede. La Francia sempiterna rendeva omaggio ad uno dei suoi più sbalorditivi romanzieri, Alexandre Dumas, innalzandolo all’empireo del Pantheon. Il presidente Chirac ostentava la sua più solenne gratitudine nel rivolgersi alla spoglia di Alexandre Dumas, quel mulatto dai capelli crespi la cui pelle non abbastanza chiara offriva in passato il fianco a tanta indelicatezza. Quella sera, in una Parigi completamente sedotta, abbiamo capito una cosa essenziale: il genio si sottrarrà sempre alla meschinità.
    Eppure, in altri tempi, questa stessa Francia non era stata così tenera con i suoi scrittori. Hugo, Zola, Jules Vallès, per citarne solo alcuni, erano stati messi al bando, con schiere di creditori alle calcagna, di sbirri zelanti, quando non si trattava di oscuri critici allergici alla luce radiosa del talento.
    Quanti poeti eccelsi, vero, Baudelaire? Quanti romanzieri illuminati, giganti straordinari hanno dovuto subire l’esclusione e la crudeltà dei loro detrattori, restando a vegetare in condizioni penose, aspettandosi il peggio solo perché offrivano ai loro simili il meglio di sé?
    Ma la Francia, che non perdona mai, sa come farsi perdonare. Dopo le grettezze e le piccole ingratitudini, ecco arrivata l’ora degli omaggi tardivi, belli, sinceri, magici, grandiosi, per ridare evidenza alla grandezza incontestabile della nazione. Parigi ricorda e si raccoglie; le sue strade si prestano straordinariamente alla messinscena della mitizzazione; la guardia repubblicana cadenza il passo sulla marcia funebre; la Francia degli dei riscopre il suo olimpo, raramente ha superato sé stessa come in quel sabato.
    E tuttavia, proprio nel momento in cui Alexandre Dumas viene innalzato al rango che compete alla sua generosità, le consorterie segregazioniste di ieri si preparano a infierire. La cerimonia è appena terminata e già la falsa bohème rimette in campo le sue frustrazioni, le lingue biforcute, abilissime nel dire tutto e il contrario di tutto, riprendono il volo e i guru delle Lettere rinnovano la loro stupefacente vocazione: proscrivere il colpo di genio, destituire i meriti, dequalificare il talento autentico e consacrare volgari scempiaggini a scapito di opere sublimi.
    In quella medesima settimana, mentre i Francesi esumavano il loro Grande estinto per portarlo alle stelle, in Algeria si continuava a profanare le tombe e a “resuscitare” i nostri cari dispersi solo per buttarli nel fango. Un superbo poeta, Tahar Djaout, assassinato dagli integralisti nel 1993, viene bruscamente strappato al sonno eterno per essere esposto agli anatemi. Ed è così che un tale scrittore fallito, Tahar Ouettar, autore di lingua araba nonché guru nei suoi momenti bui, trova che il fatto di scrivere in francese sia gravemente oltraggioso.
    Oltraggioso per chi?
    Per la letteratura algerina o per quei pennivendoli da serraglio, a lungo adulati in mancanza di concorrenza nell’epoca in cui le vere vocazioni erano imbavagliate dalla canaglia messianica che ci governava e che oggi si ritrovano faccia a faccia con la loro mediocrità?
    A quei nostalgici del tempio virtuale vorrei dire che la letteratura non è una questione di lingua, ma una questione di “verbo”. E il “verbo” è innato, viscerale – lo si possiede o non lo si possiede. E certo non s’improvvisa, né se ne fa merce di scambio, e se – per le esigenze della Causa – lo si dovesse costruire di tutto punto, non durerebbe che il tempo di uno slogan, perché l’autenticità del talento si valuta a conti fatti, in funzione della sua longevità. Gogol non è un genio perhè è russo, lo è grazie alle eccezionali doti di domatore di parole, come Camus, Naguib Mahfouz, Mutis, o Musil. Questi esseri divini addomesticano la lingua a beneficio delle parole; quando scrivono, si innalzano al di sopra dei vocaboli per raggiungere gli spiriti; diventano maghi, incantatori, visionari illuminati, e mettono il loro talento al servizio degli uomini, di tutti gli uomini senza distinzione di razza o di costumi perché la letteratura è la patria di tutti.
    Lo scrittore che non ha ancora centrato il problema, commette un grossolano errore di processo; il suo posto non è nei libri, ma nel disprezzo degli assennati.
    “Scrivere” non ha bisogno di complementi, è un verbo autosufficiente. In arabo, in cinese, poco importa; tutti gli incantesimi si assomigliano, a patto che non ci siano guastafeste. La felicità di uno scrittore sta nell’essere letto. I lettori non sono più Australiani, Indiani, Fiamminghi, Croati, Italiani o Libanesi; sono i SUOI lettori. Le frontiere non hanno senso quando gli uomini si capiscono. E quando degli energumeni riescono a perdere il treno, quando sanno che non hanno niente da dare, quando la loro insignificanza li riacciuffa, diventano malvagi come iene.
    Non c’è peggiore orrore della gelosia.
    Invece di mobilizzarsi intorno ad uno splendido progetto, di consolidare i bastioni delle nostre ambizioni e di operare perché l’intelligenza dia scacco matto al gioco d’astuzia e alle connivenze, nel mio paese ci si accanisce a sgozzare le teste che predominano.
    Brahim Llob scrive al riguardo: “ In Algeria, le cose vanno così, senza scampo. C’è in noi una sorta di piacere perverso nel non dissociare il successo altrui dall’eresia, o dalla fellonia. Questo pregiudizio esercita su di noi un prurito doloroso e piacevole al tempo stesso; potremmo grattarci a sangue senza pertanto volerci fermare. Cosa volete? Ci sono persone strutturate così: contorte perché incapaci di restare dritte, cattive perché hanno perso la fede, infelici perché amano profondamente esserlo. A memoria di Algerino, non abbiamo mai nemmeno tentato di riconciliarci con la nostra verità. Quale salvezza possiamo mai prescrivere ad una nazione quando il fior fiore dei suoi figli, che dovrebbe risvegliare le coscienze, comincia con il travestire la sua?”
    Quello che dovremmo ritenere della nostra rovina odierna è, senza ombra di dubbio, questa cecità morbosa che ci impedisce di vedere la bellezza di ognuno di noi, questa ostilità cretina che ci aizza come un’orda di cani rabbiosi contro le nostre prodezze, questa grettezza che ci rende fragili ogni volta che la notorietà apre le braccia ad uno di noi. Dal momento che una rondine non fa primavera, nessuno scrittore può, da solo, incarnare la letteratura.
    Così come, quando il talento eccelle, diventa ridicolo contestarlo. Anzi, bisogna saperlo salutare. E’ là che risiede il buonsenso. La grandezza non consiste nello sminuire gli altri nello scopo di sovrastarli; essa è il coraggio e la probità intellettuali di inchinarsi davanti alla magnificenza che li distingue.

  43. Italy One il 19 settembre 2005 alle 11:35

    Trovo queste parole folgoranti.

    “Quello che dovremmo ritenere della nostra rovina odierna è, senza ombra di dubbio, questa cecità morbosa che ci impedisce di vedere la bellezza di ognuno di noi, questa ostilità cretina che ci aizza come un’orda di cani rabbiosi contro le nostre prodezze, questa grettezza che ci rende fragili ogni volta che la notorietà apre le braccia ad uno di noi. Dal momento che una rondine non fa primavera, nessuno scrittore può, da solo, incarnare la letteratura.
    Così come, quando il talento eccelle, diventa ridicolo contestarlo. Anzi, bisogna saperlo salutare. E’ là che risiede il buonsenso. La grandezza non consiste nello sminuire gli altri nello scopo di sovrastarli; essa è il coraggio e la probità intellettuali di inchinarsi davanti alla magnificenza che li distingue.”

  44. temperanza il 19 settembre 2005 alle 11:51

    @gabriella
    un po’ infelici magari, ma crudeli! non possono competere con noi sorella:–)

  45. temperanza il 19 settembre 2005 alle 11:55

    @tutti
    io sono per il cazzaro, il cazzeggio è uno dei modi nobili per riprendersi dalla fatica e far circolare le idee, sempre che i cazzari siano di buona qualità, anzi, ha sostituito la settecentesca conversazione, qui su N.I. però mi pare che il cazzeggio sia (stato?) guardato in modo un po’ supercilioso.

  46. tashtego il 19 settembre 2005 alle 12:30

    può essere che Viva il talento di Yasmina Khadra risulti alla fine un po’ enfatico?
    che vi risieda una concezione enfatica della letteratura?

  47. effeffe il 19 settembre 2005 alle 12:42

    Cavolo se non c’è enfasi! E allora?
    Si tratta pur sempre di un romanziere straordinario che consiglio a tutti – molti suoi libri sono pubblicati in italiano, ultimo La parte del morto, Mondadori- e in cui una storia personale ex ufficiale dell’esercito algerino che per motivi di sicurezza si firma con un nome di donna ( pseudonimo di Mohamed Moulessehoul) si fonde con la storia di un paese e aggiungo io della letteratura tout court
    à suivre
    effeffe

  48. temperanza il 19 settembre 2005 alle 12:59

    @Effeffe
    Io ho una profondissima repulsione per questo tipo di scrittura, enfatica, retorica, infarcita di frasi fatte, luoghi comuni (Francia sempiterna – sbalorditivi romanzieri –sbirri zelanti – poeti eccelsi – la Francia degli dei riscopre il suo Olimpo … e mi fermo qui). Niente di personale Effeffe, ma questa è proprio quella che io (io naturalmente, parlo per Temperanza) chiamo cattivissima letteratura.
    Poiché amo la poesia, la precisione del linguaggio e l3acutezza del pensiero, non posso che sentirmi profondamente irritata da questo modo di pensare un po’ di bocca buona.

  49. andrea inglese il 19 settembre 2005 alle 13:08

    a jan e contemporaneamente a andrea barbieri
    io davvero non so più cosa mi spinge a postare su NI, che sento doppiamente amputata, per quelli partiti e per molti di quelli restati, di cui sento forte la mancanza (perché quattro voci è ancora troppo poco “polifonico”)
    ma una ragione è che mi sono preso al dialogo, all’amo del dialogo, e per quanto mi riguarda, i commenti sono entrati pienamente nella mia riflessione, e mi hanno “tirato” altri post, quindi già vedo in atto quello che tu dici, con francesco che ci “rimpolpa” ai fianchi, nei commenti, e gina, oltre che agli altri… questo è molto bello

    quanto a temp, per me Antonio Moresco resta un autore fondamentale per qualsiasi riflessione sulla forza critica della letteratura, e se mi trovo a postare in questo blog, ancora oggi, lo devo anche al percorso che ho fatto insieme a lui per due anni; quel percorso ha aperto in me delle possibilità nuove, rispetto all’essere poeta; e questo non è poco – chiudo con le note personali

  50. effeffe il 19 settembre 2005 alle 13:46

    @Temperanza

    in Yasmina Khadra comunque ci vedo meno enfasi che nelle esternazioni da te fatte e che ti elenco:

    profondissima repulsione
    per questo tipo di scrittura,
    infarcita di frasi fatte
    luoghi comuni .
    Poiché amo la poesia,
    la precisione del linguaggio
    e l’acutezza del pensiero,
    profondamente irritata

    questo tipo di reazione riflette secondo me l’isteria che alcuni lettori, autori, possono provare – Temperanza qui faccio un’osservazione molto personale- semplicemente esagerando i passaggi di un testo,una poesia, un articolo, e scaricandoci tutto il veleno che probabilmente non si confessano come autenticamente proprio. Lo stesso è accaduto per LeRoy con la storia delle paranoie ed ora con Yasmina Khadra.

    effeffe

    ps
    Poi scrivi
    ” io sono per il cazzaro, il cazzeggio è uno dei modi nobili per riprendersi dalla fatica e far circolare le idee, sempre che i cazzari siano di buona qualità, anzi, ha sostituito la settecentesca conversazione, qui su N.I. però mi pare che il cazzeggio sia (stato?) guardato in modo un po’ supercilioso.”

    ma che almeno si cazzeggi anzi cazzareggi almeno su questo, per Dio!!!
    Insomma Temperanza, lasciati andare anche se con precisione !!

    però supercilioso cazzaro mi piace

    ppss
    Ciao Andrea

  51. temperanza il 19 settembre 2005 alle 14:10

    @Effeffe
    Mi spiace che tu abbia sentito “veleno”, non c’è, ma non mi va tanto di usare le faccine, sbagliando, cmq te lo dico qui. L’irritazione ha di buono, penso, che fa avere reazioni, altrimenti neppure io sarei qui, (con un po’ di fretta e questo magari non aiuta). Tu fai bene a sottolineare le mie approssimazioni, proprio quando dico che non mi piacciono in altri testi. Non trovo che queste contrapposizioni siano inutili, penso che ognuno debba dire francamente su che posizioni si trova, in alcuni commenti ci siamo trovati d’accordo, mi pare di ricordare, nella questione dello stile no. Cosa c’è dietro? Diverse visioni di mondi? Forse. Ma non è questo il grave, se riusciamo a dircele francamente e con civiltà:–))) ( questa volta l’ho messa, tanto per non sbagliare)

    @Inglese
    Ti capisco e anzi mi pare “bella” la tua fedeltà a una persona che ritieni importante per la tua idea di letteratura. Io non sono d’accordo con te, ma poco importa, spero che potremo parlare lo stesso, proprio per questo però mi sarebbe piaciuto che tu mi rispondessi solo dal tuo punto di vista.

  52. temperanza il 19 settembre 2005 alle 14:26

    @Tutti
    Un’aggiunta, io vengo qui a lasciare qualche commento proprio perché mi rendo conto che non la pensiamo allo stesso modo. Se volessi stare solo con quelli che la pensano come me avrei altri modi, il telefono, il cazzeggio {nobile arte!!:–) } con i miei amici e coetanei davanti a una bottiglia di vino, cosa che spesso mi capita di fare ecc…
    Neppure tra vecchi amici e coetanei si è sempre d’accordo, a volte ci si scanna per un paio d’ore, per uno la Weil è un faro, per l’altro solo quel personaggio di Bataille del Bleu du ciel:
    “Nel periodo della mia vita in cui fui più infelice, incontrai spesso – per ragioni poco giustificabili e senza l’ombra di attrazione sessuale – una donna che mi interessava soltanto per il suo assurdo aspetto: come se la mia sorte esigesse che un uccello di malaugurio mi accompagnasse in quella circostanza… ”
    Qui si può fare? Posso dire che un testo mi irrita profondamente senza che la persona che l’ha postato pensi che lo dico per ragioni velenose o che disprezzo lei? O che porti all’insulto personale? Io spero di sì.

  53. andrea raos il 19 settembre 2005 alle 14:33

    “Posso dire che un testo mi irrita profondamente senza che la persona che l’ha postato pensi che lo dico per ragioni velenose o che disprezzo lei? O che porti all’insulto personale? Io spero di sì.”

    speri bene, temperanza. e parlo – d’ufficio – a nome di tutti.

  54. temperanza il 19 settembre 2005 alle 14:39

    Ottimo.

  55. effeffe il 19 settembre 2005 alle 14:40

    @Temperanza
    quello che mi ha fatto saltare un pò dalla sedia era il tono, non le cose dette. In fin dei conti anche Tashtego affermava la stessa cosa. E’ che a volte mi fa paura una certa “attitude2, disincantata, disillusa della letteratura, come dell’amore, dell’amicizia. Tempo fa per preparare un intervento, avevo visionato un bellissimo documento della Rai, che alla morte di Calvino aveva reagito dedicandogli uno speciale veramente straordinario. Straordinario tra l’altro perchè faceva ascoltare almeno una decina di sue canzoni, da Dove vola l’avvoltoio, alla Tigre, il Padrone del Mondo ecc. A un certo punto Liberovici che ne stava raccontando la collaborazione fece sentire una registrazione di un incontro in cui ad uno del pubblico che voleva zittirlo – Calvino denunciava i misfatti della dittatura di Franco in Spagna, in una libreria di Roma- lo scrittore rispondeva urlando che “quel regime era un insulto non alla sinistra o alla destra ma all’umanità”. Cito a memoria e dunque con imprecisione. A me Calvino che si incazzava era piaciuto quanto quello pacato e preciso delle Lezioni Americane.
    effeffe
    ps
    Le nostre visioni del mondo non sono distanti, anzi, o Temperanza, è solo che a volte ci soffermiamo su mondi diversi, ma va bene cosi’.

  56. temperanza il 19 settembre 2005 alle 14:50

    Sembro un po’ brutale, sì, ma il mio “tono” è dovuto solo alla rapidità, sto lavorando come una negra, ogni tanto metto qui il naso e dico la mia, quando me ne accorgo aggiungo parole molcenti, ma badate al mio nick, vi prego e attribuite a ogni mio intervento il tono dell’osservazione distesa.
    Cmq segnalo qui a tutti il comportamento di Yahoo che ha fatto finire in galera per dieci anni un giornalista cinese. La notizia per chi non l’avesse letta è sulla repubblica di oggi e sul sito della rai, che però non vi so linkare. Bisognerebbe boicottarlo, anche se non so come si può fare.

  57. emma il 19 settembre 2005 alle 15:12

    Leggo “Viva il talento” e quasi non ci posso credere. E poi (per Andrea Inglese) sarei io quella che non si schioda dalla valutazione “estetica” della poesia? :-)
    (Ma non c’è proprio una terza via? Solo poeta “laureato” o poeta da Maurizio Costanzo show?)

  58. gabriella il 19 settembre 2005 alle 19:46

    @ Temperanza:
    sore’, ti colsi in fallo… non hai visto Suor Jo nel punto in cui l’Imam/Moresco pronunciava la battuta storica rivolto agli uomini in quanto esseri umani tutti … :-) (metto la faccina così si capisce il cazzeggio, non si sa mai!).

  59. temperanza il 20 settembre 2005 alle 00:13

    @ gabriella
    no, me la sono persa:–))



indiani