Articolo precedenteBeatificazioni franchiste
Articolo successivoLa solitudine del recensore

chroma – la città cambia colore. 18/27 ottobre

Un progetto di Angelo Mai, Kollatino Underground, Santasangre, Spacexperience|Stalker
all’interno di extra/large_produzioni indipendenti – Festa del cinema di Roma 2007
www.extralargeonline.net

TUTTI GLI EVENTI SONO A INGRESSO GRATUITO

23/27 ottobre 2007

Angelo Mai c/o Padiglione 23 ex-Fiera Di Roma

(via dell’Arcadia 60)

– martedì 23 –

ore 21.11

Cinema solubile

11 registi, alle prese con 11 film da realizzare in 23 ore, proiettano le loro opere rendendo la serata un evento irripetibile. Un progetto olandese che arriva a Roma per la prima volta.

Accompagnamento musicale di unorosso e ROM_ensemble

– mercoledì 24 –

ore 18

La verifica incerta/retrospettiva Alberto Grifi

Lia (1977, 26′); Michele alla ricerca della felicità (1978, 23′); Dinni e la normalina (1978, 27′)
Tre film di accesa critica sull’istituzione psichiatrica e sulla condizione carceraria del “videoteppista” più influente del cinema sperimentale italiano.

ore 21.30

Extra

La Cravate di Alejandro Jodorowsky (Francia 1957, 20′)
Il primo cortometraggio, restaurato da una pellicola ritrovata fortunosamente in una soffitta, di Jodorowsky, che rilegge Thomas Mann attraverso il suo sguardo visionario.

Dr. Plonk di Rolf De Heer (Australia 2007, 85′, 35 mm)
Uno scenziato del secolo scorso costruisce una macchina del tempo…
Un omaggio al cinema delle origini, che ci mostra il nostro presente con gli occhi stranianti di un regista di cento anni fa.

– giovedì 25 –

ore 18

La verifica incerta/retrospettiva Alberto Grifi

Le macchine di Grifi (di Alessandro Barbadoro e Giulia Cerulli, 1995);
In viaggio con Patrizia (1965-2007, 50′) [EXTRA omaggi]
Grifi e la sua pratica viscerale del fare cinema, con un film-intervista sulle sue invenzioni e un viaggio iniziato nel ’65 e portato avanti per più di quarant’anni.

ore 21.30

Extra

The Universe of Keith Haring di Christina Clausen (Italia-Francia 2007, 82′)
Un documentario che ripercorre la biografia dell’artista che ha rivoluzionato l’arte contemporanea, attraverso interviste e immagini inedite che lo vedono alle prese con il colore, le strade di New York e la polizia…

– venerdì 26 –

ore 21.30

Messinsuono

sonorizzazione di Signorina e il teppista (1918)

diretto e interpretato da Vladimir Majakovskij.

Musica a cura di Cristiano De Fabritiis, con Mike Cooper, Luca Tilli, Vincenzo Vasi.

Introduce Tanya Khabarova
Un incredibile Majakovskij, dietro e davanti alla macchina da presa, rimasto a lungo sconosciuto al pubblico e sonorizzato dal vivo da una formazione di improvvisatori d’eccezione.

– sabato 27 –

ore 21.30

Messinsuono

sonorizzazione di A spasso con Monsieur Hulot

a cura di Pino Marino, Andrea Pesce e Giorgina Pilozzi

in collaborazione con il Collettivo Angelo Mai – Orchestra Mobile di Canzoni e Musicisti.

Montaggio di Eleonora Cao
Un omaggio alla dissacrante critica della modernità e alla sperimentazione sul colore di Jacques Tati, attraverso uno spettacolo totale di immagini e musica dal vivo.

Angelo Mai occupato

Laboratorio aperto di arti e culture

info@angelomai.org – tel. 340.6959026

www.angelomai.org

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Crimes of the future, di David Cronenberg

di Mauro Baldrati
Già, perché in quel futuro remoto, l'arte consiste nell'aprire i corpi, infliggere ferite, tagliuzzare le facce, nell'assenza del dolore, che nessuno prova più, e nella scomparsa del sesso tradizionale, sostituito dalla chirurgia senza anestesia.

Il paese delle persone integre

di Mariasole Ariot
È con un bianco e nero di un passato non ancora risolto, e che a più riprese riappare nella storia del paese, che il regista de "Il paese delle persone integre" (presentato il 4 settembre alla Mostra del Cinema di Venezia) apre il film documentario...

Riserva naturale dell’assenza

di Dario D’Amato
Un giorno d’estate, ad agosto a Roma, ho fatto questa cosa morettiana. Ho preso lo scooter e ho cominciato a documentare con foto e riprese video tutti i cinema chiusi

Essere madre e figlia insieme. Su “Petite maman” di Céline Sciamma

di Ornella Tajani
Ho fantasticato varie volte di conoscere mia madre da bambina, di poterla incontrare al di fuori dello schema madre-figlia, in una cornice di parità [...] Così, quando diversi mesi fa ho saputo del film Petite maman di Céline Sciamma (2021), ho pensato che volevo assolutamente vederlo

Ariaferma

Elisabetta Bucciarelli intervista Leonardo Di Costanzo
Ariaferma è un lungometraggio uscito nelle sale alla fine del 2021. Parla di carcere, di rapporti umani, di cambiamento profondo, di empatia, punizione e controllo. Elisabetta Bucciarelli ne parla con il regista Leonardo Di Costanzo.

Dopo il contagio

di Alberto Brodesco
Entrare in un cinema, salire in cabina di proiezione, far partire Woodstock, sedersi in poltrona e guardare il film da unico spettatore in sala.
Maria Luisa Venuta
Maria Luisa Venuta Sono dottore di ricerca in Politica Economica (cosiddetto SECS-P02) Dal 1997 svolgo in modo continuativo e sistematico attività di ricerca applicata, formazione e consulenza per enti pubblici e privati sui temi della sostenibilità sociale, ambientale e economica e come coordinatrice di progetti culturali. Collaboro con Fondazione Museo dell'Industria e del Lavoro di Brescia e Fondazione Archivio Luigi Micheletti. Sono autrice di paper, articoli e pubblicazioni sui temi della sostenibilità integrata in lingua italiana e inglese.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: