Articolo precedenteQuella notte a Dolcedo
Articolo successivoTurchia: I curdi di Istanbul

Poeti all’ultima spiaggia

giorgiodicostanzo.jpeg

iglesfurlen-1.jpg

Fotoromanza (one)
iglesfurlen.jpg

fotoromanza (two)

24 Commenti

  1. PERSONAGGI ANNI ’80

    Piace al poeta
    l’abietto arco dell’alba
    e osanna al Sole

    Achille sembra
    : una pazienza assurda l’attanaglia
    e col dito indica le nervature dell’acqua

    Un altro la percuote con acrimonia
    : crisalide
    vuole cambiare l’oscenità della sua veste
    e cerca sale per i suoi cibi

    Un terzo
    : né fauno né ninfa
    cerca coniugando verbi
    e resta nell’acqua

    perduta la pelle

    *

    Un omaggio ai poeti di terra da un poeta di mare che stasera non potrà essere nell’Isola per ascoltarli.

  2. Auguri.

    ô vorrei entrare nel mare. Sogno del mare: si dimentica tutto nel acqua.
    Tu ritrovi il tuo corpo, solo momento per me di grazia nel corpo.
    Ti ritrovi l’anima dell’infanzia e la leggerezza: l’innocenza del piacere.

    Dunque auguri e felicità nel mare.

  3. Dimmi effeffe, si sei uscito del mare, se hai ricevuto il romanzo. in questo momento ho problema con la posta dalla Francia all’estero. ( è partito con poste prioritaire). Spero che l’hai ricevuto.
    Leggere la repubblica nel mare, non l’ho mai fatto: come sono “invidiosa”! iL mare nel norte della Francie è troppo freddo : non posso fare un bagno: ma c’è sole!

  4. Verò abbiamo a lungo parlato di te a Ischia con Maria Valente e Iglesia. sono appena arrivato a torino e mi ha accolto la copia che mi hai spedito. sei un angelo!!!
    effeffe

  5. granissima performance di iglés – furlenza al megafono con coinvolgimento di piazza e balconi e sedie, bambini e cani che rispondevano al ritmo di oh yeah! ;-)
    grandissimi i ragazzi de linutile, la resistenza serpeggia con movimento tellurico anche alla federico II, pronta ad esplodere e già solo per questo bisogna innalzar loro un monumento ;-)
    onoratissima di conoscere dal vivo un pezzo di storia in cammino quale Giorgio Di Costanzo, che dall’infernet si è convertito alla stagione dell’amore per Nazione Indiana, con tanto di pubblicità ed elenco dei redattori e meriti di ciascuno di voi, direi che è stata lui la special guest
    ;-)

  6. effeffe,

    Allora sono rassicurata, è un libro che dà al ricordo dell’infanzia (Napoli) una alone leggendario: è il punto mitico di una vita viaggiatrice.
    Se avete parlato di me, è perche nello stesso momento pensavo all’incontro, sognavo il paesaggio, il mare che mi manca: o tu fai parte della terra o del mare: non è un scelto, è un vincolo naturale, innato.
    Grazie per la risposta.

    Maria,

    Tu hai fatto il ritratto perfetto: posso immaginare e gustare un po’ l’ambiente.
    Buona serata a te e baci.

  7. Le foto sono magnifiche. Sono lieta di vedere belli volti amichevoli.
    Grazie a Linutile e a Jan

  8. E’ la limpidezza dell’amicizia venuta accarezzare i volti. Si sente la dolcezza delle notte marittima, il momenti condivisa tra lettura e bicchieri.
    Spunta la tristezza di non essere con voi.
    La prossima volta, saro con voi, mi faccio la promessa.

  9. grazie ragà, di tutto…anche se nelle foto mi smebro un mostro, giuro che non mi divertivo così da non so più quanto tempo… ed è esattamente quello che avete immortalato …sì, véronique, la prossima volta proprio non puoi mancare ;-)

    un abbraccione collettivo

  10. Che dice Maria?

    Le mie foto preferita è la foto di te con il gruppo, e di te e effeffe: due carini gattini.

    Ciao, ciao.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Di lavoro, non ne parliamo per favore

di Andrea Inglese

Parliamo di lavoro, del nostro lavoro, nelle vetrine personali di Facebook? Mi sembra poco. Le nostre esperienze lavorative, in genere, per entrare nella vetrina personale devono essere in qualche modo attraenti: un contratto ottenuto, soprattutto se prestigioso, si può celebrare in collettività ristretta.

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

I cattivi maestri: Aldo Braibanti

  di Francesco Forlani     Dal 1 marzo i giurati voteranno la cinquina del David di Donatello. Su 150 opere, "Il caso Braibanti"...

Due descrizioni di quadri

  di Andrea Inglese   Una carta moschicida dorata – certo che no – (potrebbe essere un’ocra, allora, a quest’ora, che lo guardiamo molto...

Barbari in Campidoglio: cronaca di una telecronaca

di Andrea Inglese   Proprio un afroamericano ci aveva insegnato che non avremmo visto la rivoluzione in TV (Gil Scott Heron),...

Il tono del risentimento. Il romanzo umoristico di Sergio La Chiusa

di Andrea Inglese   La violazione della verosimiglianza, in ambito narrativo, è considerata oggi una duplice offesa, che si perdona a...
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux