Articolo precedenteInnaturale?
Articolo successivoIl giorno della valanga

Sincronie 2008 – Orizzonte degli eventi

A Milano dall’8 al 15 novembre.

Sincronie realizza dal 2002 eventi a partire da un tema ogni anno diverso con cui porre la tradizione musicale occidentale in contatto con il pensiero, i linguaggi e la tecnologia del mondo contemporaneo.
Per il suo quinto anno di attività Sincronie diventa una mini rassegna che anticipa il 2009 Anno Internazionale dell’Astronomia con tre eventi dedicati alla relazione tra musica, cieli e astronomia.

8 Novembre 2008 ore 21
ORIZZONTE DEGLI EVENTI
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia
Via San Vittore 21, Milano

Nella splendida cornice della Sala delle Colonne del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnica di Milano, 12 musicisti, tra cui il rinomato Quartetto di Torino, suoneranno brani dedicati alle stelle e al firmamento, tra le sonorità antiche di Machaut e Ildegarda von Bingen e brani contemporanei tra cui alcuni scritti per l’occasione.
Il concerto sarà arricchito da proiezioni video immersive intorno e sopra il pubblico, come una sorta di astratto planetario a cura di visual designer Fabio Volpi, legato al collettivo Otolab, una delle realtà italiane più conosciute internazionalmente che realizza performances audiovisive.
Brani di: G. Crumb, I. Dumitrescu, G. de Machaut, L. Manfrin, O. Messiaen, R. Nova, T. Riley, M. Viel, H. von Bingen per pianoforte, chitarra elettrica, percussioni, quartetto d’archi, quartetto di ottoni ed elettronica dal vivo
Direttore: G. Bernasconi
Quartetto di Torino – Icarus Ensemble e Icarus Junior di Reggio Emilia
Visuals:  F. Volpi

14 Novembre 2008 ore 21
SPACE(AND)ART: actions in and around Earth’s orbit
O’
Via Pastrengo 12, Milano

L’organizzazione londinese Arts Catalyst si occupa dal 1993 di promuovere il dialogo e le sinergie tra arte e scienza. Dal suo immenso archivio presentiamo alcuni video di artisti che hanno lavorato creando installazioni e performance sul tema dello spazio cosmico.
Presenta Rob La Frenais curatore artistico di Arts Catalyst.

15 Novembre 2008 ore 21
RADIOASTRONOMY
Casa dell’Energia
P.za Po 3, Milano

Honor Harger (Radioqualia) è un’artista neozelandese che lavora da anni a concerti e installazioni utilizzando segnali captati dai radiotelescopi, sia in differita che in diretta. Nella prima parte di questo concerto il Honor Harger presenterà dal vivo i propri recenti lavori elettronici, preceduta da un video inedito di Otolab,
Seguirà un intervento di TeZ, artista italiano residente ad Amsterdam, con reSUNance, un lavoro dedicato al vento solare.
Nella seconda parte del concerto verranno presentati i video artistici del progetto internazionale Optofonica Surround Cinema preceduti da un brano ettronico di Martino Traversa.

*

Sincronie 2008: orizzonte degli eventi è realizzato con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e con il supporto del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, della Fondazione Banca dl Monte di Lombardia e della Fondazione A2A, Arts Catalyst, Die Schachtel, Digicult, L.A.B., O’, Optofonica, Otolab, Swiss Music Center.

*
 
Sincronie – www.sincronie.orginfo@sincronie.org

4 Commenti

  1. L’evento del 14 è una “informale” proiezione di video dal catalogo di Arts Catalyst commentati (in inglese) da un loro curatore. Il 15 invece il concerto/proiezione è nell’auditorium della Casa dell’Energia con disponibilità di 100/150 posti, consiglio quindi di arrivare con un certo anticipo!

  2. Maria Luisa,

    E’ bello gli incontri internazionali: si parlano le lingue dell’arte in un orrizonte astrale.
    Il vento solare ha un nome davvero poetico.
    Ma tu, Maria Luisa, puoi andare.
    Io, sono nella mia Picardia dove oggi non si vedo bene il cielo.
    Sono costretta a immaginare altri cieli.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

È meglio bruciarsi subito che spegnersi lentamente

di Alberto Tonti
Appena varcata la soglia dell’Exodus Recovery Center si rende conto che non sarebbe servito a nulla. Non è la prima volta che si ritrova in quella situazione:...

Strade perdute

 di Elisabetta Costanzo musiche di Martina Betti aka Shedir 1. Paesaggio SHEDIR · 1. Paesaggio Eravamo in macchina; avanzavamo veloci mentre i ciottoli...

Note d’altrove #1 – Gianluca Cangemi

Note d'altrove # 1 di Gianluca Cangemi Il sassofono e la badessa   Riascoltavo oggi - in un pomeriggio pandemico uguale a e...

Testimone di passaggio

di Francesca Matteoni Come suona il presente? Forse come uno spettro, che mentre lo guardiamo è già altrove, una fotografia...

“Nella sofferenza che io trovi l’essenza”. Su Dell’amore animale, dell’amore dell’uomo, dell’amore di un Dio di Lorenzo del Pero

di Francesca Matteoni C’è chi per comprendere la natura di un sentiero deve perdersi, accettando di non riconoscere un volto,...

Hate is a special feeling: scene alternative toscane nei Novanta

di Andrea Betti La sala prove era alla fine di una strada bianca, in un casolare, fra i canneti che,...
Avatar
Maria Luisa Venuta
Maria Luisa Venuta Sono dottore di ricerca in Politica Economica (cosiddetto SECS-P02) Dal 1997 svolgo in modo continuativo e sistematico attività di ricerca applicata, formazione e consulenza per enti pubblici e privati sui temi della sostenibilità sociale, ambientale e economica e come coordinatrice di progetti culturali. Collaboro con Fondazione Museo dell'Industria e del Lavoro di Brescia e Fondazione Archivio Luigi Micheletti. Sono autrice di paper, articoli e pubblicazioni sui temi della sostenibilità integrata in lingua italiana e inglese.