Sibille asemantiche

[Le sibille asematiche proposte sono complanari all’affaire «Allegoria», generatosi da questo articolo di Cortellessa. Segnalo i contributi di Donnarumma, Policastro, Inglese, Milani, Rizzante, Morelli e Casadei. Rimetto in circolo anche alcuni interventi, esemplari nella loro forma-commento, come quello di Alcor – o la lepida Ballata di Pólemos di G. Policastro – che sinora hanno animato la discussione: qui. dp]

di Marco Giovenale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nota biobibliografica:

Marco Giovenale è nato nel 1969 a Roma, dove vive e lavora – in una libreria antiquaria. È stato organizzatore di mostre. Ha vissuto per un breve periodo a Firenze. Tesi sulla poesia recente di Roberto Roversi. Sito: Slowforward. È redattore di «Bina», «Sud», GAMMM, IEPI (International Exchange for Poetic Invention), The flux I share, Absolute poetry, e altri siti. Collabora saltuariamente con recensioni di poesia e letteratura alle pagine culturali del «manifesto». Testi in riviste: su «Nuovi Argomenti», «Poesia», «Rendiconti», «Semicerchio», «Private», «l’immaginazione», e in vari siti italiani e stranieri.

Libri di poesia: Curvature (Roma, La camera verde, 2002), Il segno meno (Lecce, Manni, 2003: poi quasi interamente ricompreso in La casa esposta, 2007), Altre ombre (Roma, La camera verde, 2004), Double click (Genova, Cantarena, 2005), Superficie della battaglia (portfolio di 7 poesie e 6 foto, Roma, La camera verde, 2006), A rhyme mirror (plaquette di dodici poesie: Trieste, Battello stampatore, 2007), Criterio dei vetri (Salerno, Oèdipus, 2007) e La casa esposta (Firenze, Le Lettere, 2007). Un e-book di prose: Endoglosse. Venticinque piccoli preludi (pdf, Milano, Biagio Cepollaro E-dizioni, 2004); e un chapbook di nuove “endoglosse” pubblicate da Arcipelago: Numeri primi (Milano, 2006). Quattro traduzioni da Baudelaire e alcuni “sought poems” dalle Fleurs costituiscono con immagini di Alfredo Anzellini il libro Spleen / Macchinazioni per fiori (Roma, La camera verde, 2007). Artbook: Sibille asemantiche (Roma, La camera verde, 2008).
A gunless tea, raccolta di 23 frammenti, è pubblicata per il progetto Dusi/e-chap (dusie.org) nel giugno 2007. Suoi testi sono tradotti in portoghese, francese, inglese, olandese, tedesco. È tra gli autori inclusi nel Nono Quaderno italiano di poesia contemporanea (Marcos y Marcos, 2007). È presente in varie antologie, tra cui Parola plurale. Sessantaquattro poeti italiani fra due secoli (Roma, Luca Sossella Editore, 2005).

Print Friendly, PDF & Email

7 Commenti

  1. Se leggo bene tra le righe, la scrittura è profetica al di là del suo aspetto semantico … Qui si pone un problema teorico di non poco conto: è possibile un segno linguistico espunto dal significato? Se leggo Rossi-Landi, direi di no, in ogni caso e in ogni situazione; e ciò perché un segno linguistico è SEMPRE una unione di un significante con un significato. E la semantica – diceva lo stesso Rossi-Landi – è la relazione tra il segno lin-guistico e ciò che lo trascende, con l’extra-linguistico insomma. Se affronto con questo retroterra teorico le immagini-scrittura di Giovenale (e ovviamente tenendo a mente la di-scussione che c’è stata sin qui sul rapporto realtà/letteratura), ne deduco che per l’autore delle stesse la letteratura non può che darsi separata da ogni realtà, e fare le sue “predizioni” proponendosi esclusivamente come “forma”. Sembrerebbe che non esista, per l’autore, alcuna realtà esterna alla lingua, e che tutto si risolva, non possa che risolversi, all’interno della lingua stessa …

    ng

  2. Un’opera magnifica. Amo il lavoro di Marco Giovenale.
    Scrittura rivelata come magia della luce e dell’ombra.
    Mi sembra corallo.

  3. Una volta, con alcuni amici ho voluto fare un esperimento.
    L’ho voluto fare nel senso che non sono andato a leggermelo in un testo di psicologia clinica o sperimentale.
    Si prendeva, volta a volta, una parola, anche molto importante, tipo: pane, madre, verde ecc., e poi, ognuna delle cavie, scriveva le dieci o le venti, parole che immediatamente venivano evocate in lui da quella parola.
    Si mischiavano le schede su cui quelle dieci, o venti, parole erano state scritte e con quelle dieci parole, diverse, per ognuno, da quelle che aveva scritto, le cavie dovevano mettere giù un piccolo racconto o una scenetta.
    Mischiate anche una volta le schede, vinceva chi indovinava la parola che dava origine a tutto quello.
    Come andò? Provare per credere.

  4. Visto che Giovenale prende a pre-testo per le sue “sibille asemantiche” alcuni interventi dell’affaire “Allegoria”, a mia volta prendo a pretesto il lavoro di Giovenale pe ri-smantizzare il tutto, e mettere al posto del ricorrente tormentone di scrittura e realtà, quello IMHO ben più interessante di scrittore e libertà. Ritengo che uno/lo scrittore debba guadagnare la propria libertà dalle costrizioni e imposizioni del mercato, ergo dalle aspettative dei lettori pre-confezionati (che costituiscono ahimè la maggioranza) per conquistare lo status di scrittore libero. In questo egli non è diverso da qualsiasi essere umano che si emancipa rifiutando l’ordine precostituito delle cose. E’ la ribellione, insomma, secondo le forme e possibilità di ciascuno, che definisce uno/lo scrittore. A questo punto, che parli della città immaginaria di Santa Maria come Onetti o di Genova durante il G8 è irrilevante.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La poesia di Edgar Allan Poe nella traduzione di Raffaela Fazio “Nevermore. Poesie di un Altrove” (Marco Saya Edizioni, 2021)

Trad. di Raffaela Fazio Postfazione di Leonardo Guzzo È nel breve saggio Filosofia della composizione, scritto nel 1846, che Poe...

Umanisti del nuovo secolo e sottomissione tecnologica

di Andrea Inglese
Da anni è in atto un esperimento di massa da parte di soggetti privati e pubblici, ma è di natura biometrica e politica, ed esso non avviene attraverso la propaganda frontale delle TV e della carta stampata...

Il cielo per Roma – l’ipercalisse ilarotragica di Mariano Bàino

di Daniele Ventre “Chiamatemi Chiaffredo. Ma non chiedetemi il perché…”: così si inizia, con richiamo evidente all’Ismaele del Moby Dick,...

Qui nessuno dice niente. Un anno di scuola tra i carcerati – Domenico Conoscenti

Brani dalla ristampa del libro di Domenico Conoscenti (il Palindromo, 2021)  pubblicato da Marietti nel 1991: il diario di insegnamento...

Buena vista social club: Anna Mallamo

Questa  rubrica è dedicata alle “cose belle” trovate sui Social, a dimostrazione del fatto che fare rete è oggi,...

Covid, alimentazione e sindemia

Franco Berrino
"Non è stata spesa una parola sull'importanza della corretta nutrizione come misura per prevenire il contagio e le forme più gravi di Sars Cov II, eppure tutti gli studi recenti concordano su questo".
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.
Print Friendly, PDF & Email