Articolo precedente
Articolo successivo

photoshoperò #18 della lenta ginestra

Print Friendly, PDF & Email

10 Commenti

  1. ed io te lo chiedo il perché…. “perché”?
    la mia piccolezza non mi consente di vedere la ginestra, ma ho visto altro, tanto.
    un susseguirsi di sensazioni d’un passato ormai neanche troppo recente, uno scarto di un cinquantennio, sensazioni in piccoli accenni d’immagini e suoni, più che un vero e prorio dire, una “volontà d’odore”, di far “sentire” quel senso di perduto e di andato senza giudizio, solo esposizione di storie in piccole cose.
    tu scavi nel vecchio senso come nel baule dei ricordi, ce ne mostri in scaletta – che si apre con quella mano che cerca ed afferra il pane (eh sì che oggi costa davvero tanto anche il pane!) – l’infanzia con i suoi ovattati sensi di certezza e sicurezza, come a dire che anche quella certezza piccola e salda adesso è andata, perduta.
    questo ho letto, forse troppo poco per questa sede.
    un bacio.
    n.c.

  2. Furlen, ancora uno sforzo, come direbbe il Divino Marchese, e raggiungi Blob.
    Ma il pane sospeso è bio o ogm?
    E, guardando la mano protesa, chissà perché mi è venuto in mente il monolite nero di “2001 Odissea nello spazio”. Già, perché?

  3. E’ l’unione della fragilità e del sorriso. La porcellana rappresenta il paesaggio natale di effeffe, il luogo dell’origine, dentro il suo cuore, come una culla. Una bellezza da cogliere con delicatezza.
    E’ strano la vista della coppia ( non copia).
    Dimmi perchè il padre della sposa ha la testa decapitata?
    L’infanzia con i suoi colori vivi ha un’ aria grottesca, strana.
    Le vacche è un bel momento. Non so perché ho pensato a io e questo mi ha fatto ridere tutta sola. Bah … Le vacche hanno un’aria sexy, anche sono grasse.
    Ma forse c’è un senso politico al film : si parla forse di quelli che cammino verso la stessa direzione come “le mouton de Panurge”.
    Il fotoshopero è ricco di significazioni. E credo che è una manera per ciascuno di raccontare una storia: la sua.

    Perché non immaginare testi diversi con il fotoshopero?

  4. Un altra lettura è di confrontare la poesia la ginestra alla realtà, al senso della fragilità umane (il terromoto), al tutte le cose che si infrangono, vita intaccata, vita di porcellana, vita spezzata.
    Si alza una sola bellezza la ginestra, fiore gialla nel cuore dell’uomo, fratello ( di Victor Hugo), nel deserto si alza una mano per strappare la pietra per riscostruire ( non ho visto pane o allora il pane da condividere).
    Dimmi perchè è la voce di un bambino.
    Dimmi perchè il mondo scrolla, crolla?
    Dimmi perchè sono solo, sola?

  5. @ effeffe

    non ti chiedo il perché. a me il photoshoperò è piaciuto, mi piacciono i photoshoperò, lo sai. ma è che mi stai mettendo in difficoltà coi nomi. prima Deleuze. ora Leopardi: la lenta ginestra.

    non sarà, mi sono detto, invece il Leo Pardi, e la sua cimice d’acqua, che, trasportata dall’Adriatico al Tirreno, orientandosi sul sole, scambiato l’est con l’ovest, si arrampicava lentamente su un cespuglio di ginestra?

    in Maremma.

    poi mi sono detto: no.

    è vero che l’hai raccontata a effeffe, ma non c’è alcun richiamo, per quanto tu lo voglia, alla serendipità nel photoshoperò.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

L’isola di Giorgio

di Francesco Forlani
Giorgio è stato per molti di noi memoria viva delle avventure letterarie del dopoguerra, non soltanto meridionale, con una infinità di rapporti, corrispondenze, storie d'amicizia, particolarmente quella con Goffredo Fofi, Dario Bellezza e Anna Maria Ortese, per l'appunto.

Buena Vista Social: Alessandro Trocino

di Alessandro Trocino
Janek Gorczyca è uno scrittore. C’è il suo nome in calce alla copertina di «Storia di mia vita», appena uscito da Sellerio. Che effetto t'ha fatto? «Boh». È uno scrittore ma anche una persona che ha vissuto per anni per strada, dormendo nelle tende, sulle panchine, nelle strutture abbandonate.

Les nouveaux réalistes: Gennaro Pollaro

di Gennaro Pollaro
Il signor Aiello mi spiega - senza aprire bocca - in quale luogo sarebbe sensato trovarsi l’origine delle mie preoccupazioni. Muove le mani sulla sua testa come a formare un cerchio e poi tira fuori ancora quel maledetto pendolo.

Rêveries

di Mirco Salvadori
Il diario di bordo di una due giorni dove è questione di pratica di gioventù e di trasmissione generazionale. Un'esperienza tradotta in uno scritto che speriamo incontri con piacere i lettori di Nazione Indiana. M.S.

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: