Mproject-2 a Roma

Giovedì 20 maggio 2010, dalle ore 19.30

ESC Atelier Autogestito
Via dei Volsci 159 – Roma
www.escatelier.net


Mproject-2

di Teresa Iaria e Giulio Marzaioli

– montaggio video a cura di Marco Vitale –



Mproject
è un percorso di ricerca in cui immagini e parole dialogano mantenendo la peculiarità dei diversi codici e tessendo una rete di relazioni nell’ambito di uno spazio condiviso. Il video presenta una superficie-proiettiva che si costruisce e si sviluppa di fronte all’osservatore, laddove ogni modulo testuale apre una micro-finestra che si trasforma e deforma fino a concentrasi in un punto che rimane traccia di memoria. Ogni traccia tesse l’eco di una storia che si sovrappone a quelle precedenti, disegnando un campo visivo intenzionale, contrapposto al caos creato dal susseguirsi di voci registrate, lettori casuali di sequenze di una scrittura incentrata sul vincolo delle procedure quotidiane che proprio nella quotidianità delle voci trova un possibile reagente. Occupato il campo, si assiste alla dissolvenza del tracciato, affiora l’elemento naturale e il “disegno” diviene drammaturgia di scomposizione e nuova ricomposizione in cui immagini e voci tornano ad essere cellule di produzione.

nell’ambito dell’iniziativa ESCargot – scrivere con lentezza

in collaborazione con Università La Sapienza, Lettere per l’autoriforma, riconosciuto in CFU (Credito Informativo Universitario) presso le Facoltà di Lettere e Filosofia e Scienze Umanistiche

°

Ulteriori informazioni sul progetto qui

articoli correlati

Poesia, azione pubblica (Milano 25-26 settembre, Teatro Litta)

 MTM - Manifatture Teatrali Milanesi all’interno del Festival di teatro indipendente HORS - House of the Rising Sun presenta LA...

Luomomacchina e altre poesie

di Marcello D'Ursi Luomomacchina Luomomacchina non parla Urla Luomomacchina divide uomo da uomo Luomomacchina fa paura Luomomacchina ha paura Del luomomacchina più grosso Luomomacchina non cade mai Luomomacchina...

I sassi di Giulio Marzaioli

"Il mondo muto è la nostra sola patria", affermava Ponge. Marzaioli ne re-immagina i più muti abitanti.

Progetto per una casa

* di Giulio Marzaioli ⊕ In primo luogo sarebbe opportuno possedere una casa. Quindi abbatterla, avendo cura di salvaguardare intatte alcune porzioni...

Alcatraz Reunion

di Jewelle Gomez, traduzione di Michela Martini per Dolores Has No Horses LeClaire Mia madre è una turista in visita da...

Audio Doc Sound: parti sonore, video invisibili

di Pietro D'Agostino Normalmente alla base della produzione di un film, di un documentario o comunque di una serie di...
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.