Notebook: Francesco Bearzatti

Conosco Marion Piras e la sua agenzia Inclinaisons dalla nascita della mia rivista Sud. In occasione del numero zero organizzammo infatti dei concerti presentazioni con Louis Sclavis, e il suo Napoli’s walls, a Procida e a Napoli. in occasione della presentazione ai giardini di Elsa Morante, vedere Louis al clarinetto duettare prima con Giuliano Mesa e poi Biagio Cepollaro è stata una delle esperienze più intense che mi siano mai capitate. Le ho così chiesto di farci raccontare dal sassofonista Francesco Bearzatti questa nuova creazione. A voi. effeffe

Malcolm semper Malcolm. Così recita una composizione di Archie Sheep ed è con Archie Sheep che ho visto per la prima volta Malcolm X in foto. Non ricordo più in quale enciclopedia del jazz o altro ma ricordo di esserne rimasto terribilmente colpito. Correvano gli infuocati anni ’60 e quei due personaggi fotografati assieme rappresentavano il coraggio, l’intelligenza, la rabbia e la potenza di quel movimento che stava per incendiare i ghetti neri e le strade di un paese democratico solo in apparenza.


La maggior parte dei miei eroi musicali jazz sono afroamericani e hanno vissuto o vivono tuttora negli Stati Uniti. Di loro ho collezionato dischi, foto e biografie e proprio in queste ultime ho imparato che per loro fino a pochi anni fa c’erano solo alberghi, ristoranti, posti, autobus, bagni, fontane per “coloured”, per non parlare dei posti di lavoro o di opportunità sociali , di umiliazioni e di tutto il resto. Tutto ciò mi ha spinto a voler conoscere meglio la figura di Malcolm X, il leader più controverso del movimento per i diritti degli afroamericani. Leggere la sua autobiografia è stata conferma e scoperta al tempo stesso. Ha significato andare per la prima volta nel cuore del problema e parallelamente vivere in prima persona l’uomo con le sue gioie e i suoi dolori: l’ emozione e’ stata fortissima!

Per continuare l’avventura intrapresa con il quartetto Tinissima, mi è sembrato naturale scegliere Malcolm X.
Tinissima nasce infatti con l’intento di celebrare in musica personaggi che hanno maggiormente colpito la mia fantasia e che nella storia dell’umanità si sono fatti portavoce di diritti negati. Sul palco siamo quattro, ma in realtà Tinissima è formata da sei persone. Il primo ad unirsi al tetto è stato Antonio Vanni, con lui il progetto dedicato a Tina Modotti ha preso la via della multimedialità; sue sono le proiezioni video dal vivo. Ma Antonio è anche il primo sostenitore di ogni mio delirio creativo. In lui trovo sempre un interlocutore attento e stimolante e quando gli ho manifestato l’intenzione di arricchire la suite for MX con delle tavole originali ha suggerito immediatamente Francesco Chiacchio.
In quel momento avevo in testa solo la struttura della suite e qualche abbozzo musicale, ma sono bastati per far si che qualche mese dopo Francesco si presentasse a un nostro concerto con l’ immancabile Antonio e una serie di tavole di una bellezza e profondità sconvolgente. I disegni di Chiacchio sono stati lo stimolo per andare avanti, il propellente ideale per terminare il lavoro con la massima concentrazione e ispirazione. La bravura e l’affiatamento dei musicisti hanno fatto tutto il resto…et voilà
Inviato da iPhone
“Tinissima” è, sono
Francesco Bearzatti: sax, clarinet.
Giovanni Falzone: trumpet.
Danilo Gallo: bass.
Zeno de Rossi: drums.

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Questa musica splendide mi fa venire in mente l’immagine di fiumi, di batelli, una città mai vista, foreste di mogani. La musica parla di nostalgia, ma brilla di gioia, è una musica di circolazione nel cuore, di sentimenti, grandi girasoli. E’ l’esplosione della speranza, il desiderio di vivere.

    Grazie mille per questo momento.

    Credo, effeffe, che una volta avevi fatto un post magnifico su Sclavis.
    Ecco la musica a Napoli raggiunge la sua sorella africoamericana,
    attraversata di speranza e di talento.

  2. il più bel disco jazz italiano del 2010. senza dubbio e senza paragoni.

    (per inciso, sono almeno 7-8 anni che bearzatti infila dischi stupendi uno dopo l’altro, senza sbagliarne uno).

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.

Avanguardia Vintage: l’intervista

a cura di di Nadia Cavalera
"C’è un brano di Kafka che dice che la scrittura deve essere come un’ascia, che rompe uno strato di ghiaccio. Per cui, sostanzialmente, al povero lettore gli diamo, come dire, delle botte sulla testa."

Deus ex Makina: Maniak

di Francesco Forlani
Da un po'sto collaborando con Limina Rivista, con delle autotraduzioni dal francese di piccoli assaggi ( essais) letterari pubblicati in oltre vent’anni sulla rivista parigina l’Atelier du Roman diretta da Lakis Proguidis. Dopo Philip K Dick, Franz Kafka, Anna Maria Ortese, Charles Dickens è stata la volta di Boris Vian. Qui una nota a un libro indispensabile.

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.

Les nouveaux réalistes: Pierangelo Consoli

di Pierangelo Consoli
Per questo, quando mia madre divenne Alberta, tramutandosi in qualcosa di più collettivo, io non soffrii tanti cambiamenti, almeno per quello che riguardava la gestione delle faccende, perché erano già molti anni che me ne occupavo. Usciva pochissimo, come ho detto, eppure il giorno dei morti restava, nel suo calendario, un rito al quale non poteva rinunciare.
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: