Articolo precedenteL’onore dei Kéita
Articolo successivoLetto su un telegramma non firmato

Morgantina

di Massimo Bonifazio

che qui non ci fossero: svolte, pensieri bastanti
a pensare il vasto campo lavico che dalla sua,
o poco distante, avesse: una più mite, un’altra:
logica, luminosa di foglie e di erba che nessuno,
per millenni, aveva calpestato; e rocce rimosse,
altari, gradini di un unico grande teatro
dal cui omphalos mancante la tua voce
potesse finalmente arrivare, spezzarsi
contro l’ammasso di tufi, calcari; arrivare a dire
un’unica, una più quieta luce meridiana,
che rondini uguali già sopra il lamento
infantile – in mano le orride offerte
votive, le mascherine che lo spavento
di morte deforma – attraversavano, e illuso
che ci fossero allora, che queste pietre avessero,
testimoniassero: un senso, un legame;
come se meno, oppure: se più quegli esseri umani
rispetto a quel troppo di miseria presente
che tocca anche te (o prima di tutto)
avessero, fossero una qualche materia, elementi
a nutrire, organare un frutto diverso da quel melograno,
dai chicchi che trovi nel pozzo, confusi oramai
col marciume, immondizia, bottiglie di plastica,
che occupano il resto, adesso, quel che rimane
dello spazio più in basso, infernale?,
che tolgono il fiato alla piccola kore, costringono
in un pozzo di vuoto in un’alternanza di buio
e di buio nel cerchio di eoni, millenni.

morgantina, 26.3.2012

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

L’amore viene prima

di Andrea Bajani
Ecco un altro figlio della luna, dice
il dottore entrando in sala parto.
Fino a ieri il reparto era semivuoto,
in sei ore si sono rotte sette acque,
sette donne sono già in travaglio.

Da “Dopo il libro”

di Emanuele Canzaniello
Che non parli, non dica niente / Non si muova, / Che stia ferma. / Non succeda nulla qui / Dentro, dentro fino a sparire...

Da “Ecfrasi”

di Fabrizio Maria Spinelli
Oggi sono andato a rivedere i famosi coniugi / Arnolfini di Jan Van Eyck, 82 X 59,5 cm, olio / su tela, alla London Gallery anche se a Londra...

Lorenzo Mizzau: due poesie

La ricerca poetica di Lorenzo Mizzau in questi anni si è concentrata su due aspetti. Il primo è quello della tensione narrativa. I suoi testi, infatti, descrivono situazioni, in cui agiscono dei personaggi e si riconoscono scenari, ambienti, luoghi.

La guerra come forma della pubblicità. Un breve poema

di Guido Caserza Non tutto è come sembra chiede cosa pensa della guerra cosa pensa un istante e ci vediamo non tutto è come sembra pote

Da “Ghost track”

di Marilina Ciaco
Presentiamo alcuni testi da "Ghost Track", il decimo libro della collana “Manufatti poetici” diretta da Paolo Giovanetti, Michele Zaffarano e Antonio Syxty (Biblion-Zacinto 2022).
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: