Articolo precedenteL’onore dei Kéita
Articolo successivoLetto su un telegramma non firmato

Morgantina

di Massimo Bonifazio

che qui non ci fossero: svolte, pensieri bastanti
a pensare il vasto campo lavico che dalla sua,
o poco distante, avesse: una più mite, un’altra:
logica, luminosa di foglie e di erba che nessuno,
per millenni, aveva calpestato; e rocce rimosse,
altari, gradini di un unico grande teatro
dal cui omphalos mancante la tua voce
potesse finalmente arrivare, spezzarsi
contro l’ammasso di tufi, calcari; arrivare a dire
un’unica, una più quieta luce meridiana,
che rondini uguali già sopra il lamento
infantile – in mano le orride offerte
votive, le mascherine che lo spavento
di morte deforma – attraversavano, e illuso
che ci fossero allora, che queste pietre avessero,
testimoniassero: un senso, un legame;
come se meno, oppure: se più quegli esseri umani
rispetto a quel troppo di miseria presente
che tocca anche te (o prima di tutto)
avessero, fossero una qualche materia, elementi
a nutrire, organare un frutto diverso da quel melograno,
dai chicchi che trovi nel pozzo, confusi oramai
col marciume, immondizia, bottiglie di plastica,
che occupano il resto, adesso, quel che rimane
dello spazio più in basso, infernale?,
che tolgono il fiato alla piccola kore, costringono
in un pozzo di vuoto in un’alternanza di buio
e di buio nel cerchio di eoni, millenni.

morgantina, 26.3.2012

6 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

Intervista a Italo Testa su “Teoria delle rotonde”

di Laura Pugno e Italo Testa   Laura Pugno: Vuole una tesi forte che molta della migliore poesia italiana contemporanea –...

da “Somiglianze di famiglia”

di Matteo Pelliti   Essi   Essi, loro i pronomi della lontananza, della distanza, della genealogia, della progenitura, gli antenati, gli spettri evocabili, avi, trisavoli, siamo noi...

Due descrizioni di quadri

  di Andrea Inglese   Una carta moschicida dorata – certo che no – (potrebbe essere un’ocra, allora, a quest’ora, che lo guardiamo molto...

Corrosioni

di Arben Dedja    Lo stuzzicadenti   Ah sì lo stuzzicadenti me lo ricordo eravamo in quel tal ristorante i telegiornali tuonavano i giornali con titoli in...

Progetto per una casa

* di Giulio Marzaioli ⊕ In primo luogo sarebbe opportuno possedere una casa. Quindi abbatterla, avendo cura di salvaguardare intatte alcune porzioni...
Avatar
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.