Articolo precedenteIdioletto (seconda parte)
Articolo successivoOverbooking: Roberto Arlt

Lo ferm voler

di Arnaut Daniel

trad. isometra di Daniele Ventre

Ferma voglia che in cuore entra
non può scalfirmi né becco né unghia
d’untuoso che a dir male perde l’anima:
se non oso avventargli o ramo o verga,
meglio con frode, ove non sia lo zio,
la mia gioia godrò in verziere o in camera.

Quando ricordo la camera
dove a mio danno so che uomo non entra
-peggio son tutti che fratello e zio-
membro non ho che non frema, né unghia,
come fa il bimbo davanti alla verga,
tale paura ho che sia troppo all’anima.

Del corpo suo, non dell’anima
fossi, accogliesse me occulto alla camera
che punge il cuore più d’urto di verga,
poiché il suo servo dove è lei non entra;
sempre sarò con lei con carne e unghia
né consiglio vorrò d’amico o zio.

La sorella di mio zio
non amai tanto o più, per la mia anima:
tanto vicino quanto a dito è unghia,
piacesse a lei, vorrei restarle in camera:
di me può fare amore che in cuore entra
quel che uomo forte fa a fragile verga.

Da che fiorì secca verga
e da Adamo figliò nipote e zio
fino amore qual è che in cuore m’entra
non credo fosse mai o in corpo o in anima;
dovunque io sia, là fuori in piazza o in camera,
non la lascia il mio corpo quant’è un unghia.

Così il mio corpo s’inunghia
s’apprende al suo come corteccia a verga,
poiché m’è gioia o torre o reggia o camera
né tanto amo fratello o padre o zio,
che in Paradiso doppia gioia avrà l’anima
se uomo mai per ben amare v’entra.

Manda Arnaldo il suo canto d’unghia e zio,
sia grato a lei che di sua verga l’anima,
la sua brama il cui pregio in camera entra.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. Mi trovavo a rimeditare/ rileggere Montale…il quale confessava che i motivi primi del suo ermetismo andavano forse rintracciati….anche (sopratutto?) nel trobar clus..ed eccoti Daniele con Arnaldo, degno per Dante (Purgatorio)di essere ricordato con ben otto versi in provenzale….Ara us preg..ora vi prego..

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La penna nei guantoni. Per lasciare un segno in quattro domande

Terzo e ultimo intervento tra Federica Guglielmini (FG) e Dome Bulfaro (DB) per valorizzare la boxe e riflettere sulla boxe. Dopo i loro due rispettivi articoli monografici il terzo e ultimo intervento avviene in forma di gioco

Gaia Ginevra Giorgi: “di una specie che ho tradito”

    Ospito qui alcuni estratti del libro L'animale nella fossa di Gaia Ginevra Giorgi, pubblicato da Miraggi Edizioni. ***   il mio mestiere...

Bacchilide – Ditirambi III-IV

trad. di Daniele Ventre III I GIOVANI O TESEO - PER I CEI A DELO La nave scura di prua portava Tèseo...

I nati di contro

di Giorgiomaria Cornelio
«Lepri a buchi, ganimedi, bestie torte, femmine / con ruggine: questo eravamo»

Virgilio Sieni: Danza Cieca

    Per Cronopio è stato pubblicato Danza Cieca di Virgilio Sieni, raccolta di riflessioni «sull'esperienza fisica, estetica ed emozionale vissuta nella...

Essere italiani, essere pugili, essere umani (secondo round)

di Federica Guglielmini
Eccomi dentro una Nazione Indiana, che si trasforma in un ring, luogo di incontro per tutti noi. Accorciamo le distanze fra il pugilato e gli italiani, allontaniamo i pregiudizi attraverso una verità storica e contemporanea. Qui e ora.
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: