Miti Moderni/6: movimento fuori

Elliott Erwitt, USA. New York. Metropolitan Museum of Art. 1988
Elliott Erwitt, USA. New York. Metropolitan Museum of Art. 1988

di: Francesca Fiorletta

tutto intorno è movimento, tutto è suono, spari di clacson, luci intermittenti del bistrot, tutto si tollera a voce alta, il vento e il pulviscolo, e quel prurito ghiacciato sulle mani, come grattano le dita, una per una, negli spazi intolleranti dell’attesa.

intorno tutto è in movimento, gli abbracci dei congiunti per la strada, le telefonate anonime alle tre del pomeriggio, gli altarini della patria, le bandiere strappate della pace, l’odore esiguo dei fumogeni e il calcare sui fornelli, quella bava di sapone al mentolo che non tradisce aspettative.

tutto, intorno a noi, è ombra lenta, è acido sbiancante per i denti e monossido di carbonio per le pareti accese, i quadri fissi, l’intonaco riverniciato, una passata in più, il verde acrilico e le finestre lontane, le stelle non le vediamo ancora, prima devono tramontare le antenne, sui tetti, e la tv.

intorno, tutto si muove nell’assenza, restiamo fermi a guardare, quello che capita, la scorpacciata di merendine, l’astuccio buono coi colori a tempera per l’asilo, le matite spuntate quando arriva la tata, nessuna locazione, nessuna conduzione del medico curante, dice il certificato.

dice il certificato che non lavori, che non risiedi, che non hai l’asfissia, che non hai il cancro, che non vegeti allo stadio terminale, che non sei domiciliato, che non sei occupato, che non studi, che manca il contratto d’affitto, manca il contratto per le larghe intese, manca l’abat jour e l’angolino speziato del tè.

intorno tutto è luce e tutto è statico, tu ti muovi su una giostra elettrica, il cavalluccio marino l’hai scordato, il soldatino della fiera non l’hai vinto, si è bloccata la manovella dello zucchero filato, le macchinine per gli scontri, quelle no, vengono i lividi al cervello.

il circo intorno è in movimento, l’elefante è salito sul trapezio, si spengono i faretti davanti alla gabbia della giraffa, un fidanzato geloso ha deciso di farsi rinchiudere allo zoo, sta passando la maschera per il pop corn e tu non hai ancora preso le tue medicine.

intorno, tutto è buio e rumore, l’alito pesante quando hai chiuso la valigia, le manopole epilettiche del gas, una donna incinta entra dentro alla sua smart e resta ferma, nel parcheggio, appoggia la testa al vetro e guarda come cammina la gente, fuori.

tutto, fuori, è vita che scorre, è paura del tempo, è inerzia del futuro, nessuno si preoccupa dei vetri rotti, nessuno chiama aiuto, c’è una perdita di gas, si sente il fumo e l’orrore, tutti si concentrano per trovare un aggettivo.

dentro, nessunissimo movimento.

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

  1. bello,ossessivo ed inquietante come un lampeggiante puntato negli occhi in una stanza buia, dentro e fuori che ti torturano gli occhi con flussi ininterrotti di segnali che portano all’asfissia, grazie
    mdp

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Un gelido dicembre milanese

di Antonella Grandicelli
Un gelido inverno in viale Bligny (Morellini Editore, 2021), è il convincente debutto nella narrativa gialla della scrittrice genovese Arianna Destito Maffeo,

L’Anno del Fuoco Segreto: Su Monomeri e Futuro

di Gabriele Merlini «E comunque, se ti interessa, lascia perdere e ascolta me.» Vicino al materasso la lampadina ha la silhouette della befana e il telefono trasparente, nel caso provi a inclinarlo, emette ancora quello strano rumore di oggetti che scoppiano per inattese pressioni dei polpastrelli.

Il fermo di Ferlinghetti

di Giorgio Mascitelli ( la scorsa primavera un amico mi aveva chiesto di immaginare qualche testo per ricordare Lawrence Ferlinghetti,...

L’indicibile Necessarium

Il bagno nell’architettura contemporanea di Alberto Giorgio Cassani «Se vuoi il mio consiglio, abbellisci il tuo cesso e abbellirai la tua...

La bestia che ci portiamo dentro

di Paolo Carfora
I conigli divorano spesso i propri cuccioli per potersi accoppiare nuovamente. Capita a volte che le lontre stuprino a morte le femmine. I delfini si drogano con il veleno del pesce palla.

REQUIEM

di Luca Vidotto
Mentre guardo la tua foto dietro al fragile velo di vetro che la ricopre, vedo sui tuoi occhi il riflesso dei miei. Ti sarei piaciuta, sai? Saresti rimasto incantato nel vedere i solchi che il tempo ha iniziato a scavare sulla mia pelle.
Print Friendly, PDF & Email