Light-Poetry (il tempo qui non vale niente)

testi di Mariagiorgia Ulbar
fotografie di Gaetano Bellone

 

C’era una volta

1

Una stanza per stare seduti
in cui io mi sdraiavo.
Da un ingresso di vetro
persone entravano e uscivano.
Io rivedo con occhi velati
e pupille che guardano dentro
primavere snervanti, erbe già marcescenti
così tenere acerbe grafie
che desidero ancora toccare.
Posso dire che c’erano mappe del posto
pendenti sulle pareti,
la foto di un uomo di pietra con largo cappello,
e mostrare cosí un momento del tempo
in cui altri non sono mai stati.

 

 

 

Io sarò me

2

Sirene, sfingi e arpie stanno qui dietro
da fuori io non le vedo
da dentro se entro poi non esco.
Resterò qui sotto che è lontano
sempre su guarderò,
non si affaccerà nessuno.
Io sarò me se aspetterò in agguato
ciò che è vero che è mistero che è segreto.

 

 

Preoccupazione

3

Da qualche tempo spariscono le cose
abiti, penne, i racconti di Melville in inglese;
da qualche parte un topo rosicchia
o un buco nero ingoia quel che gli pare.
Potrebbe essere anche la mia testa
che organizza la memoria, la ripassa
ma poi fa rotolare a terra
quel che è adesso
che sparisce e mai si aggiungerà alla storia.

 

 

La zona d’ombra

4

La zona d’ombra che c’è dentro le stanze
soffitti alti e lampadari appesi
stazioni radio intercetto per caso
è una parola che diventa oracolo.
Né abissi né cielo, da un’isola veniamo
che sia un corallo, un campo o un continente
sempre il mare ci circonda
sempre come ad avvistare guardiamo.

 

 

Giornata, fino a notte

5

Di mattina si è alzato un ciclone dal mare
la casa ha brillato dentro il suo occhio
dopo pranzo ho trovato pezzi di cenere
color grigio di Payne ed erano quelli
di fogli bruciati, combustibile è il tempo
la storia va in fumo pezzo per pezzo.
La mia storia di oggi si dimena a quest’ora
sotto il letto, nel mezzo, e si apre una crepa
e prima la guardo, ci scendo, poi dormo.
Col sonno sparisce quel piccolo diavolo
dalla testa sottile, dal sesso pungente
con la gamba più corta, con l’occhio affilato
sempre addosso accostato
che voleva da me le pepite lucenti
subito subito quando io le trovavo.
Di chi c’era nel sogno dirò
in un giorno lontano.

 

 

*

 

Testi e foto tratti da http://lightpo.tumblr.com/

 

*

 

«Il progetto web Light-Poetry è nato da una collaborazione tra me e il fotografo Gaetano Bellone. Mi sono chiesta: riuscirei a scrivere su un’immagine? Ho voluto provarci e ho pensato di farlo con la fotografia – con cui da sempre ho un rapporto d’elezione. Ho chiesto a Gaetano di mandarmi foto, le ho guardate a lungo, messe da parte e poi, di solito dopo qualche giorno, ho scritto. Sono foto che ritraggono luoghi che ho conosciuto molti anni addietro, quasi tutti in Abruzzo, luoghi che si sono modificati o sono scomparsi. Credo di aver scritto soprattutto di tutto ciò che nelle foto non compare, di ciò che la mente costruisce dentro lo scarto temporale. Il progetto è ancora in fieri e verrà infine pubblicato in un libro che si intitolerà Il tempo qui non vale niente.» (MU)

 

*

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Silenzio e bombe: quattro saggi dall’Ucraina in tempo di guerra

di Ilya Kaminsky, Ludmila Khersonsky, Zarina Zabrisky, Elena Andreychykova Una città in cui la gente continua ad andare all'opera, alle letture di poesie, nonostante i colpi d’artiglieria; in cui uno zoo ha riaperto da poco e un numero enorme di persone fa la coda per isolati per poter entrare e salutare gli animali. Il giorno della riapertura, una mucca ha partorito davanti alla folla. Il piccolo l’hanno chiamato Javelin, come l’arma anticarro portatile.

Autodafé nell’acqua: su Dovunque acqua sia voce di Domenico Brancale

«Ih-Oh» dice l’asino che non sa dire “io”, se non a suo modo «Ih-Oh, Ih-Oh e io non voglio più essere Ih-Oh, non voglio più l’essere»

Portraits

Portraits: due poesie con bicicletta di Tomaso Pieragnolo

Umiliare e ubbidire

Umiliare per non morire. Le maestre i maestri sono operai e questo spesso è dimenticato. Nelle scuole di città gli ambienti sono spesso miseri: le aule anonime, i muri sporchi, nessuna possibilità di avere luoghi propri in cui sentirsi al sicuro, dove lasciare tracce e costruire tra me e noi percorsi significativi di apprendimento. Chi fa l’anno di prova spesso è sotto ricatto, chi è a scuola da più tempo è più prepotente. Le bambine e i bambini lasciati con le mani inerti e costretti nei banchi urlano e intanto incamerano rapidi il modello che li guasta: zitto e lavora nei margini, rapido, questa è la scuola.

bestia comune

di Nadia Agustoni
creata cagna mucca o animale esotico scodellati i figli verrai santificata denutrita lasciata indigente. ricordati:

Piantare un fiore nella terra bruciata: poete ucraine in Italia

“Piantare un fiore nella terra bruciata” è il titolo della serie di appuntamenti con le tre poete ucraine Natalia Beltchenko, Iya Kiva e Oksana Stomina, che dal 18 al 24 novembre 2022 saranno in Italia per parlare della situazione nel loro paese e meditare su cosa significhi scrivere in tempo di guerra. Più sotto una descrizione dettagliata del tour, qui di seguito quattro poesie di Beltchenko tradotte da Pina Piccolo (non osavo guardare, poesia VI) e Marina Sorina (il sabato dei genitori, l'estate è finita).
renata morresi
Renata Morresi scrive poesia e saggistica, e traduce. In poesia ha pubblicato le raccolte Terzo paesaggio (Aragno, 2019), Bagnanti (Perrone 2013), La signora W. (Camera verde 2013), Cuore comune (peQuod 2010); altri testi sono apparsi su antologie e riviste, anche in traduzione inglese, francese e spagnola. Nel 2014 ha vinto il premio Marazza per la prima traduzione italiana di Rachel Blau DuPlessis (Dieci bozze, Vydia 2012) e nel 2015 il premio del Ministero dei Beni Culturali per la traduzione di poeti americani moderni e post-moderni. Cura la collana di poesia “Lacustrine” per Arcipelago Itaca Edizioni. E' ricercatrice di letteratura anglo-americana all'università di Padova.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: