Articolo precedenteVenga il Regno
Articolo successivoAutostrada: confine Campania/Puglia

Miti Moderni/13: il primo sole

lucedi Francesca Fiorletta

“Certe cose si capiscono al volo”, ripete lei, spegne una sigaretta, cerca un comico americano prima di andare a dormire, senza piangere, e intanto il piatto resta sporco, la cena ferma da due giorni, quante parole contate, che non devi usare, per spiegare, il disavanzo. 

“L’anno prossimo partiamo noi”, dicono alla tv, quando consegnano un premio, e la notte diventa verde, non si tengono più insieme i rumori del tram, del taxi, la metropolitana in sciopero, il primo cittadino che si lecca i baffi, un cruscotto rotto, parcheggiare l’automobile con precisione, quando scocca la mezzanotte.

“Ci piacevano tanto”, offri un profumo alla violetta, il vino rosso è rimasto in caldo, i capelli appena rasati, s’intonano coi fascicoli sul cuscino, i capitoli scritti fitti, in francese, non rimane più molto tempo, adesso, che la centrifuga è finita, un collutorio per le gengive, senti il rimorso che brucia in mezzo ai denti, e non ti fa dormire.

“Vieni al corso di disegno”, insieme alle sorelle, tutte donne, e sbircia le lanterne, le luci elettriche da esposizione, la luce del sole quando è passato il tramonto, troppo presto, l’incantesimo s’è rotto, torna l’inverno in mezzo al mese d’aprile, il volo degli uccelli tra le fronde dei rami, il ciliegio, il pino silvestre, il tetto conico della scuola elementare.

“Proprio non riesci a riposare un po’?”, sono passate troppe ore, il mal di testa che gonfia la faccia, le lenzuola non le vuoi toccare più, le brioches rafferme del giorno prima, la musica classica, la musica punk, l’hai capito ormai, quando hai sbagliato i calcoli, le prospettive, è svanito tutto, come le piume d’oca, l’arpa giapponese, le onde elettromagnetiche.

“Cambiare gli accordi”, è un’esperienza londinese, un viaggio programmato già sul mare, si riscopre la fretta, la villetta che non vedrete più, la passeggiata come sarebbe potuta andare, il parco al freddo è innaturale, la santa maieutica degli amici innocui, ma non riusciranno a convincerti, col mento all’insù.

Spunta già il primo sole.

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

L’Anno del Fuoco Segreto: Su Monomeri e Futuro

di Gabriele Merlini «E comunque, se ti interessa, lascia perdere e ascolta me.» Vicino al materasso la lampadina ha la silhouette della befana e il telefono trasparente, nel caso provi a inclinarlo, emette ancora quello strano rumore di oggetti che scoppiano per inattese pressioni dei polpastrelli.

Il fermo di Ferlinghetti

di Giorgio Mascitelli ( la scorsa primavera un amico mi aveva chiesto di immaginare qualche testo per ricordare Lawrence Ferlinghetti,...

L’indicibile Necessarium

Il bagno nell’architettura contemporanea di Alberto Giorgio Cassani «Se vuoi il mio consiglio, abbellisci il tuo cesso e abbellirai la tua...

La bestia che ci portiamo dentro

di Paolo Carfora
I conigli divorano spesso i propri cuccioli per potersi accoppiare nuovamente. Capita a volte che le lontre stuprino a morte le femmine. I delfini si drogano con il veleno del pesce palla.

REQUIEM

di Luca Vidotto
Mentre guardo la tua foto dietro al fragile velo di vetro che la ricopre, vedo sui tuoi occhi il riflesso dei miei. Ti sarei piaciuta, sai? Saresti rimasto incantato nel vedere i solchi che il tempo ha iniziato a scavare sulla mia pelle.

Uno tra i due

Doppia lettura degli ultimi romanzi di Piperno e Castellitto  di Valerio Paolo Mosco Due libri italiani che vanno letti insieme. Il...
Print Friendly, PDF & Email