Tracce di cammino

di Antonio Sparzani
Dag Hammarskjold
Era nato nel 1905 a Jönköping, popolosa cittadina sulla sponda meridionale del lago Vättern, nella Svezia meridionale, Dag Hammarskjöld, figlio d’arte, si potrebbe dire, data la sua carriera futura e dato che il padre Hjalmar fu presidente del Consiglio in Svezia nei difficili anni 1914-17. La carriera di Dag fu lineare e in continua ascesa: divenne presidente della Banca di Svezia nel 1941, carica che mantenne fino al 1948, quando entrò al Ministero degli Esteri.
Il 7 aprile 1953 venne eletto all’unanimità nell’assemblea delle Nazioni Unite per succedere al norvegese Trygve Lie nella carica di Segretario generale, carica nella quale venne riconfermato nel 1957 allo scadere del mandato. Non finì il secondo mandato perché la notte tra il 17 e il 18 settembre 1961 il suo aereo cadde vicino a Ndola (nell’allora Rhodesia del nord), sul confine tra l’attuale Zambia e l’attuale Repubblica Democratica del Congo, con ogni probabilità sabotato da chi si sentiva minacciato dalle attività di Hammarskjöld in favore della pace nella crisi congolese. Quella che ora è la Repubblica Democratica del Congo aveva allora da pochi mesi conquistato l’indipendenza dal Belgio (era infatti a quei tempi il “Congo Belga”, o Congo Kinshasa, dal nome della capitale, divenuto in seguito Zaire).

Ma, lungi dall’addentrarmi nei meandri della morente politica coloniale europea dei tempi, desidero qui segnalare un suo libro, ancora disponibile in italiano, dal titolo Tracce di cammino, che costituisce una specie di diario intimo, o diario spirituale. Intimo ma discreto, sobrio, talvolta visionario ed ellittico, ma sempre aperto a comunicare una esperienza di vita interiore — Hammarskjöld era credente, così averne di credenti –, una esigenza etica, di livello a mio parere straordinario. Il libro è edito da Qiqaion (comunità di Bose) e molto ben curato da Guido Dotti, con la prefazione di Wystan H. Auden e una nota di Carlo Ossola e costa 15 €.
È fatto di molta prosa e di qualche poesia, comincia con una poesia:

E vengo spinto oltre,
verso una terra sconosciuta.
Il terreno si fa più duro
l’aria più fredda e pungente.
Le corde dell’attesa
vibrano
mosse dal vento della mia meta ignota.

Con mille altre domande
giungerò là
dove la vita si spegne . . .
semplice, chiara nota,
nel silenzio.

E prosegue, scandito dagli anni della scrittura: le prime cose risalgono al 1925-30. Ecco invece un passo del 1950:

Tutti sono uguali. Verità che crudelmente annulla la differenza tra coloro che hanno ricevuto molti talenti e coloro che ne hanno ricevuti pochi, ma che non vale per l’uso che se ne fa. Il confine tra la vita e la morte, tracciato dall’eternità, passa di lì. Eppure verità valida comunque: siamo sempre davanti alla possibilità di oltrepassare il confine, in entrambe le direzioni. Poter bruciare tutto nel fuoco di uno sguardo limpido, sperando che qualcosa di valore possa poi ritrovarsi nella cenere.

Per me è stata una scoperta, ho trovato il libro su una bancarella a pochi euro, l’ho comprato perché mi ricordavo il nome e la fine tragica del personaggio, era l’inizio del mio secondo anno d’università. Mi ricordavo soltanto una faccia simpatica e lontana dai clamori, nulla sapevo delle trame nascoste che si celavano dietro a questi avvenimenti, e del resto anche adesso nulla sappiamo di certo su ciò. Ma è uno di quei casi di cui Pasolini direbbe “io so e ho le prove”.

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Fascismo di oggi

di Antonio Sparzani
Il 26 dicembre 1946, nello studio del padre di Arturo Michelini, presenti anche Pino Romualdi, Giorgio Almirante, Biagio Pace, avvenne la costituzione ufficiale del Movimento Sociale Italiano (MSI) e la nomina della giunta esecutiva, formata da Giacinto Trevisonno, Raffaele Di Lauro, Alfonso Mario Cassiano, Giovanni Tonelli e Carlo Guidoboni. Su indicazione di Romualdi, Trevisonno fu scelto come segretario perché poco esposto nel regime fascista

armi, armi, armi

di Antonio Sparzani
Nell’anno 1990, presidente del Consiglio il divo Giulio (Andreotti), ministro di grazia e giustizia Giuliano Vassalli, socialista, fu approvata un’ottima legge, n° 185, sul controllo da parte dello stato della vendita di armi a paesi terzi. L’articolo 1 di tale legge riguarda il controllo dello Stato e i suoi punti 5 e 6 suonano così: 5. L'esportazione ed il transito di materiali di armamento, nonché la cessione delle relative licenze di produzione, sono vietati quando

Come continua il fascismo: il primo dopoguerra

di Antonio Sparzani
Franco Ferraresi era mio grande amico, direi intimo amico, della fanciullezza e dell’adolescenza. Nella molto remota ipotesi che qualcuno ricordi una piccola serie di post che pubblicai su questo blog una dozzina di anni fa e che aveva un titolo comune “Le storie di Fiorino”, Franco era l’Ernesto di queste storie...

“Funzione” è più facile di “formula”, meno spavento, però . . .

di Antonio Sparzani
Esplorando le parole che stanno alla base della matematica (e anche alla base delle scienze che ne dipendono fortemente, quali ad esempio la fisica), affrontiamo un'altra parola chiave, la parola funzione: come si è formata quell’idea di funzione che...

Una formula matematica? Che spavento!

di Antonio Sparzani
Voi cosa pensate quando vedete scritta sulla carta una formula matematica? Il primo pensiero andrà forse a ricordi di scuola, complicazioni, cose per specialisti, scritture criptiche inventate per comunicare dei segreti che non si vuole diventino troppo condivisi...

Perché Erwin Schrödinger torna all’antica Grecia

di Antonio Sparzani
Nel 1996 la Cambridge University Press pubblica per la prima volta, riuniti in un unico volume, due scritti di Erwin Schrödinger (Vienna 1887-1961), Nature and the Greeks, pubblicato la prima volta nel 1954 e l’altro, Science and Humanism, pubblicato già nel 1951. Io comprai questa edizione della CUP una ventina di anni fa,
antonio sparzani
Antonio Sparzani, vicentino di nascita, nato durante la guerra, dopo un ottimo liceo classico, una laurea in fisica a Pavia e successivo diploma di perfezionamento in fisica teorica, ha insegnato fisica per decenni all’Università di Milano. Negli ultimi anni il suo corso si chiamava Fondamenti della fisica e gli piaceva molto propinarlo agli studenti. Convintosi definitivamente che i saperi dell’uomo non vadano divisi, cerca da anni di riunire alcuni dei numerosi pezzetti nei quali tali saperi sono stati negli ultimi secoli orribilmente divisi. Soprattutto fisica e letteratura. Con questo fine in testa ha scritto Relatività, quante storie – un percorso scientifico-letterario tra relativo e assoluto (Bollati Boringhieri 2003) e ha poi curato, raggiunta l’età della pensione, con Giuliano Boccali, il volume Le virtù dell’inerzia (Bollati Boringhieri 2006). Ha curato due volumi del fisico Wolfgang Pauli, sempre per Bollati Boringhieri e ha poi tradotto e curato un saggio di Paul K. Feyerabend, Contro l’autonomia (Mimesis 2012). Ha quindi curato il voluminoso carteggio tra Wolfgang Pauli e Carl Gustav Jung (Moretti & Vitali 2016). È anche redattore del blog La poesia e lo spirito. Scrive poesie e raccontini quando non ne può fare a meno.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: