Extraterrestrial activity #2: I primi uomini su Mercurio

astronauti2

di Edwin Morgan

 – Veniamo in pace dal terzo pianeta.
Ci condurreste dal vostro capo?

– Strora bèrrae! Bèrra. Bèrra. Strorahlex?

– Ecco un modellino del sistema solare
con parti semoventi. Voi siete qui e noi
siamo laggiù, e ora noi siamo qui con voi, capite?

– Glex horroi. Bèrra Aborrhannahanna!

– Il luogo da dove proveniamo è blu e bianco
con del marrone; questo marrone, guardate,
lo chiamiamo ‘terra’, il blu è ‘mare’ e il bianco
è ‘nuvole’ sopra la terra e sul mare, noi viviamo
sulla superficie della terra marrone, tutto intorno
stanno il mare e le nuvole. Noi siamo ‘l’uomo’.
Gli uomini vengono…

– Gmerfa uomo! Guerrvessi uomoco. Uomhelex?

– Gli uomini vengono in pace dal terzo pianeta
che noi chiamiamo ‘Terra’. Noi siamo terrestri.
Portate noi terrestri dal vostro capo.

– Terrest? Terrest? Bèrra. Bèrraposse.
Tucapo tan hanna. Senzharra tucapo.

– Io sono il tucapo. Tu vedi le mie mani,
non portiamo alcun vessi, noi veniamo in pace.
Le vie dell’universo sono tutte stroraterpe.

– Glosciate paces ma tutto berrahannate egrassie.
Tan venite al’mstroposse. Gmerfa tucapo!

– Gli atomi hanno pacelx nel nostro harrabeta.
Uombat bonavolle in tan hannahanna.

– Voi uomini vi conosciamo berravolens. Bèrra.
Noi conosciamo tucapi. Tornate ne casa veloce.

– Noi volle noberramo, ne grassie ne casa adesso!

– Fuocatene ora! Sì, verso terzo pianeta.
Tucapi andranno blu e bianchi e marrone
orahanna. Niente più da dire.

– Glex plo suspera?

– No. Dovete tornare sul vostro pianeta.
Andatevene in pace, prendete quel che avete acquisito
ma veloci.

– Stroraturba glex, glex…

– Certo, ma niente rimane uguale a se stesso,
non vi pare? Ricorderete Mercurio.

 

 

*

 

 

The First Men on Mercury fa parte della raccolta di Edwin Morgan From Glasgow to Saturn (Carcanet, 1973). Ho letto la traduzione di Marco Fazzini anni fa, ma non sono riuscita più a rintracciarla; colgo comunque l’occasione per ringraziarlo, anche per l’interpretazione del testo che egli dà in “Alterities from Outer Space: Edwin Morgan’s Science-Fiction Poems”, incluso nel volume da lui stesso curato Resisting Alterities (Rodopi 2004), che ho consultato per realizzare questa mia versione. Grazie soprattutto a Sauro Fabi, per il suo saggio “Interferenze: due viaggi interstellari di Edwin Morgan”, e per il suggerimento fondamentale sull’ultima battuta. Niente non cambia, né le lingue, né le culture sono date una volta per tutte, pure, immobili, e sempre le identità – non importa quanto vi siamo attaccati, quanto ci ostiniamo a tenerle blindate – si mescolano, ci trasformano… (rm)

 

 

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. Sono felicemente sorpreso di apprendere che terrestri e mercuriani (mercuriesi?) hanno in comune, fin dall’inizio, il punto interrogativo.

  2. SF e poesia, per me che scrivo per ringraziare R.M. e per congratularmi vivamente, si sposarono quando avevo dieci anni, e mi padre mi regalò la mondadoriana antologia ‘Le meraviglie del possibile’, introdotta da Sergio Solmi e curata da F&L. Era una sfilza davvero entusiasmante di robustissimi racconti americani dell’età dell’oro, caudati con la ‘Biblioteca di Babele’ di Borges. Eccedenze del tempo della scrittura, che suonavano nervose e terribili, tutte, come uno standard suonato da un jazzista in ansia da prestazione. Vertigini a piene mani, anche troppe per un frugolo. E quella biblioteca finale, poi, che cosa era? Non era SF, e che ci faceva allora lì? Dopo anni il velo cadde. Era letteratura, poffarbacco. Ma tornando a Morgan: è grande, e Morresi si merita un applauso (eugenio lucrezi)

  3. grazie eugenio, io devo molto a un’adolescenza solitaria, una vasta biblioteca ben fornita di amazing stories e uno zio anarco-comunista che mi iniziò alla teoria del paleocontatto… la letteratura era veramente a un passo :)

    • Un passo: le cose decisive sono sempre a un passo. SF e letteratura. In SF il passo lo fai e la figura si configura. In letteratura il passo è indeciso; lo fai, e la figura svanisce (sennò non è letteratura) o almeno è tremolante. Figura indecisa, cosa decisiva, a un passo. (SF. Da piccoli, pare, abbiamo fatto sogni somiglianti)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Silenzio e bombe: quattro saggi dall’Ucraina in tempo di guerra

di Ilya Kaminsky, Ludmila Khersonsky, Zarina Zabrisky, Elena Andreychykova Una città in cui la gente continua ad andare all'opera, alle letture di poesie, nonostante i colpi d’artiglieria; in cui uno zoo ha riaperto da poco e un numero enorme di persone fa la coda per isolati per poter entrare e salutare gli animali. Il giorno della riapertura, una mucca ha partorito davanti alla folla. Il piccolo l’hanno chiamato Javelin, come l’arma anticarro portatile.

Autodafé nell’acqua: su Dovunque acqua sia voce di Domenico Brancale

«Ih-Oh» dice l’asino che non sa dire “io”, se non a suo modo «Ih-Oh, Ih-Oh e io non voglio più essere Ih-Oh, non voglio più l’essere»

Portraits

Portraits: due poesie con bicicletta di Tomaso Pieragnolo

Umiliare e ubbidire

Umiliare per non morire. Le maestre i maestri sono operai e questo spesso è dimenticato. Nelle scuole di città gli ambienti sono spesso miseri: le aule anonime, i muri sporchi, nessuna possibilità di avere luoghi propri in cui sentirsi al sicuro, dove lasciare tracce e costruire tra me e noi percorsi significativi di apprendimento. Chi fa l’anno di prova spesso è sotto ricatto, chi è a scuola da più tempo è più prepotente. Le bambine e i bambini lasciati con le mani inerti e costretti nei banchi urlano e intanto incamerano rapidi il modello che li guasta: zitto e lavora nei margini, rapido, questa è la scuola.

bestia comune

di Nadia Agustoni
creata cagna mucca o animale esotico scodellati i figli verrai santificata denutrita lasciata indigente. ricordati:

Piantare un fiore nella terra bruciata: poete ucraine in Italia

“Piantare un fiore nella terra bruciata” è il titolo della serie di appuntamenti con le tre poete ucraine Natalia Beltchenko, Iya Kiva e Oksana Stomina, che dal 18 al 24 novembre 2022 saranno in Italia per parlare della situazione nel loro paese e meditare su cosa significhi scrivere in tempo di guerra. Più sotto una descrizione dettagliata del tour, qui di seguito quattro poesie di Beltchenko tradotte da Pina Piccolo (non osavo guardare, poesia VI) e Marina Sorina (il sabato dei genitori, l'estate è finita).
renata morresi
Renata Morresi scrive poesia e saggistica, e traduce. In poesia ha pubblicato le raccolte Terzo paesaggio (Aragno, 2019), Bagnanti (Perrone 2013), La signora W. (Camera verde 2013), Cuore comune (peQuod 2010); altri testi sono apparsi su antologie e riviste, anche in traduzione inglese, francese e spagnola. Nel 2014 ha vinto il premio Marazza per la prima traduzione italiana di Rachel Blau DuPlessis (Dieci bozze, Vydia 2012) e nel 2015 il premio del Ministero dei Beni Culturali per la traduzione di poeti americani moderni e post-moderni. Cura la collana di poesia “Lacustrine” per Arcipelago Itaca Edizioni. E' ricercatrice di letteratura anglo-americana all'università di Padova.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: