mater (# 6)

di Giacomo Sartori

Adoravi i risotti

adoravi i risotti

il prosciutto di Parma

i formaggi cremosi

i bianchi secchi

i rossi leggerini

la frutta gonfia di succo

e i dolci

tutti i dolci

morbidi o crostosi

i cioccolatini

il torrone burroso

piluccavi avidi bocconcini

becchettatine d’uccello

mimetizzate nelle arguzie

spigliate o analitiche

(guai all’ingordigia

solo il volgo

s’abbuffa e strafà)

detestavi i buongustai

e chi mangia d’appetito

se sceglievo un buon posto

decriptavi il menù

stringendo le guance

e poi chiedevi del pollo

normale pollo arrosto

indignata del disservizio

(davvero non servite pollo?)

 

dsc_0548_rit_rid

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mi raccontavi

 

mi raccontavi

ch’avevi sbagliato tram

poi scordato la borsetta

sul tram giusto

o perso la coincidenza

ogni giorno qualche guaio

scendere in città

o solo alla cooperativa

una spedizione ormai ardita

così vecchina e fragile

(altro che frenetici circuiti

e scorribande in cinquecento)

ma non era solo questo

eri sempre stata confusa

razionalmente illogica

ponderatamente sbadata

noi lo sapevamo

io stesso son così

(perché allora fingere?)

 

narravi le tue odissee

affranta per te stessa

ma anche franando

in una gaiezza

interrata da strati di vita

(reperti cristallini

di frenetiche risate

tra sorelle)

guardando nel piatto

sorridevo benevolo

(paterno!)

 

 

Non capivi quello che dicevo

 

non capivi

quel che dicevo

non cercavi

d’abbordare il baratro

assentivi distratta

incoraggiante e assente

(come nei salotti)

glissando ad altro

 

solo disquisendo di politica

m’era dato avvincerti

 

 

La tua eleganza

 

la tua eleganza

con pretese di distinzione

e rigidità di gran dama

aveva grazie impacciate

di bambina non bella

(sotto sotto vergognosa)

 

 

Quand’ero malato

 

quand’ero malato

o insomma fragilizzato

avvertivo l’oppressione

(pure a distanza!)

sul tuo torace

d’anziana ragazzina

i tuoi occhi annaspavano

la notte non dormivi

a modo tuo

eri una mamma

(ti facevo pena)

 

se le cose

m’andavano bene

o alzavo la cresta

m’attaccavi

e m’umiliavi

(lo scotto anche

delle sconfitte)

non sopportavi

che fossi felice

 

come perdonarti

d’essere come me?

 

dsc_0695_rit_rid

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tutto era bello

 

il tuo salone

del tardo Rinascimento

(tredici per sette)

col cotto sbilenco

il camino monumentale

era un antro fatato

(più che accogliente!)

tutto era bello

prezioso o raro

sontuosi pezzi da museo

flirtavano con

sgargianti ciarpami etnici

e oggettini correnti

in scialo di grazia

e ecumenico disprezzo

di qualsiasi declinazione

della pedissequità

 

 

Anche un po’ di criterio

 

Ruth 1915

Mica 1916

Lumo 1918

Piuma 1921

le quattro furiose Lange

foriere di scandali

e suicidi d’amore

Ruth 1994

Mica 2005

Lumo 2013

Piuma 2016

per l’arrivederci

lo stesso ordine

della partenza

 

nell’impudica insubordinazione

(nel seguito sedimentata

in eccentrica rispettabilità)

anche un po’ di criterio

 

 

Ciò che non sopportavo in te

 

ciò che non sopportavo in te

e m’orripilava

lo ritrovo ora in me

(è anzi il fulcro?)

 

l’impossibilità d’amarti

è l’incapacità d’amarmi

 

dsc_0528_rit_sep_rid

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. Temo che le tue righe corte siano assai migliori della persona descritta. Leggerezza, arguzia, amore, attenzione, uso sfavillante della sillaba e dell’accento… Le persone non sono mai perfette. Le tue parole, purtroppo, si. Semplicemente una gioia. Quindi grazie.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Produrre il cibo nell’Antropocene

di Giacomo Sartori
Come fare sì allora che le persone possano orientarsi e pesare, come potrebbero accedere a informazioni affidabili, come possono difendersi dalle teorie interessate e dalla strategia di rendere nebbiose le problematiche (utilizzata con successo per i danni dei neonicotinoidi sulle api, sulla pericolosità del glifosate …)?

Quintetto d’estate

di Giuseppe Raudino
Lo Ionio, alla loro destra, li aveva accompagnati per quasi tutto il tempo, offrendo il suo azzurro intenso come segno di profondità e potenza.

Marcel Proust, Véronique et moi

di Mauro Baldrati
Ed è spuntata: una voglia di viaggiare in quel “bel mondo” così affascinante, perduto e spietato. Con un libro, un libro mio, dove c’era lui in persona.

Marcel Proust, i segni e la genesi

di Mauro Baldrati Slalomando tra i segni dell’amore, come sciami di frecce di Cupido dalla punta avvelenata, il narratore ci guida in un’indagine chirurgica e spietata sui meccanismi dell’innamoramento. Qui sta una delle discese agli inferi della Recherche: l’amore è impossibile, e l’amante è condannato all’infelicità, perché non potrà mai conoscere e tanto meno possedere la persona amata.

Il tornello dei dileggi

di Massimo Salvatore Fazio
Se non ti trasformi, resisti e vivi. E se resisti e vivi non è detto che non anneghi. E se anneghi, di fattori liquidi ne escono pure dall’anticamera del basso bacino, ed è normale come quando passeggi in una qualunque città e sui muri stanno scritte e stanno sempre stampati i soliti simboli.

Peninsulario

di Marino Magliani
Oltre Sorba, nascosto nella campagna perché raggiungere la città in quel buio era impossibile, Secondo attese l’alba. Giunse a casa verso mezzogiorno, stanco, accaldato, perché più di una volta aveva perso la strada, come all’andata.
giacomo sartori
Sono agronomo, specializzato in scienza del suolo, e vivo a Parigi. Ho lavorato in vari paesi nell’ambito della cooperazione internazionale, e mi occupo da molti anni di suoli e paesaggi alpini, a cavallo tra ricerca e cartografie/inventari. Ho pubblicato alcune raccolte di racconti, tra le quali Autismi (Miraggi, 2018) e Altri animali (Exorma, 2019), la raccolta di poesie Mater amena (Arcipelago Itaca, 2019), e i romanzi Tritolo (il Saggiatore, 1999), Anatomia della battaglia (Sironi, 2005), Sacrificio (Pequod, 2008; Italic, 2013), Cielo nero (Gaffi, 2011), Rogo (CartaCanta, 2015), Sono Dio (NN, 2016) e Baco (Exorma, 2019). Alcuni miei romanzi e testi brevi sono tradotti in francese, inglese, tedesco e olandese.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: