mariasole ariot

181 articoli scritti
Mariasole Ariot ha pubblicato Anatomie della luce (Aragno Editore, collana I Domani - 2017), Simmetrie degli Spazi Vuoti (Arcipelago, collana ChapBook – 2013), poesie e prose in antologie italiane e straniere. Nell'ambito delle arti visuali, ha girato il cortometraggio "I'm a Swan" (2017) e "Dove urla il deserto" (2019) e partecipato a esposizioni collettive.  Aree di interesse: letteratura, sociologia, arti visuali, psicologia, filosofia. Per la saggistica prediligo l'originalità di pensiero e l'ideazione. In prosa e in poesia, forme di scrittura sperimentali e di ricerca. Cerco di rispondere a tutti, ma è necessario potare pazienza. Se non ricevete risposta, ricontattatemi a distanza di un mese. Il mio giudizio per eventuali pubblicazioni è ovviamente del tutto personale.

Lo Scuru è un anfratto

di Alessandro Chiappanuvoli  Lo Scuru è un anfratto, un antro, e parimenti è un pertugio, percorribile come un sentiero ma...

Chi subisce la storia

C'est pourquoi les vrais artistes ne méprisent rien ; ils s'obligent à comprendre au lieu de juger. A. Camus "La missione dello...

Il vicino

di Mariasole Ariot Godere senza utilità, in pura perdita, gratuitamente, senza rinviare a nient'altro, sempre in passivo – ecco l'umano. Emmanuel...

Essendo il dentro un fuori infinito #4

di Mariasole Ariot   Il carico di rottura di una ragnatela è confrontabile a quello dell'acciaio. Differisce solo per densità. Nella caduta...

Scenari – Il settimanale di approfondimento culturale di Mimesis Edizioni

Alla voce "Chi Siamo" della nuova rivista settimanale on-line edita da Mimesis Edizioni, si legge: La rivista Scenari è ...

Lo scuru

di Orazio Labbate  Piazza Dante. Poggio le mani sui lastricati in ardesia, i miei sedili artigianali, voglio fottermi la frescura ficcatasi nelle...

cinéDIMANCHE #09 JONAS MEKAS As I Was Moving Ahead Occasionally I Saw Brief Glimpses of Beauty

di Mariasole Ariot

Un diario è segnare (o sognare) tracce per poterci poi tornare, ricalpestare le impronte sulla neve, ri-scrivere una vita sulla vita, costruirne una seconda, darle forma per il dimenticabile che si prepara a lasciarci un istante successivo all’accadimento.

Celebrare Sade

di Alberto Brodesco In queste settimane, trascorso da pochi giorni il bicentenario della morte (3 dicembre 1814), sono in corso...

Non esiste separazione

di Francesco Borrasso Non riesco ad uscire da questo disordine. Un laccio mi tiene stretto al ricordo. Da allora, le mie...
Print Friendly, PDF & Email