Articolo precedenteQuello che vedi è quello che ottieni
Articolo successivoYou phonio saxo?

Sguardi a perdita d’occhio

I poeti leggono il cinema
Rassegna di poesia contemporanea II Edizione – 2009
A cura di Corrado Benigni e Mauro Zanchi


Con il patrocino del Comune di Bergamo- Assessorato alla Cultura
La nostra contemporaneità è un universo visivo, ma gli occhi che ne attraversano quotidianamente la superficie hanno sguardi del tutto differenti tra loro. Sguardi silenziosi, come quello dello spettatore-fruitore, del lettore, immobili nel loro paziente lavoro di raccolta e accumulazione delle immagini. Sguardi creativi, di chi invece guardando produce a sua volta visioni, di chi come il poeta sembra indovinare il mondo tra le lame di luce di una nuova prospettiva di senso, intravedendo rilievi inaspettati, forme, oggetti altrimenti opachi. “Sguardi a perdita d’occhio” vuole essere un ponte tra queste due diverse modalità di sguardo. Una zona di libertà e di contrabbando visivo. Uno spazio liminare, un luogo dove poeta e lettore, dove colui che è portatore del fascino visivo delle immagini e colui che queste immagini invece riceve, sembrano incontrarsi per convergere in un’unica nuova dimensione prospettica. “Sguardi a perdita d’occhio” non è soltanto una rassegna di poesia contemporanea, ma è un luogo di convergenze ottiche. I poeti chiamati ogni anno nei quattro incontri del festival non sono soltanto poeti, ma spettatori, obbligati in un certo senso a “guardare”, a “leggere” a loro volta un mondo creato da altri. Quest’anno è il cinema l’ossessione della loro visione. Il processo creativo sembra allora, in questa rassegna, farsi inaspettatamente doppio, perso in un continuo gioco di specchi tra passività e creatività, fruizione e produzione, sguardo e parola. Leggere il cinema con gli occhi della poesia non rappresenta solo uno scambio, un baratto tra figurazioni evocative e rappresentazioni ritmiche, allentamento vistoso dei confini semiotici tra le arti, ma appartiene piuttosto al dominio stesso dell’essere, a quella ragnatela traslucida di immagini e frammenti sfuocati che è il tessuto incerto della nostra identità.

A chiusura della manifestazione l’incontro-concerto tra il cantautore Vinicio Capossela e lo scrittore Vincenzo Chinasky, in occasione della presentazione del libro scritto a quattro mani “In clandestinità” (Feltrinelli).

CALENDARIO RASSEGNA

Mercoledì 6 maggio 2009 ore 18.30 – Ex Chiesa della Maddalena
MILO DE ANGELIS legge Louis Malle – Fuoco fatuo

Mercoledì 13 maggio 2009 ore 18.30 – Ex Chiesa della Maddalena
VALERIO MAGRELLI legge Pier Paolo Pasolini – La rabbia

Mercoledì 20 maggio 2009 ore 18.30 – Ex Chiesa della Maddalena
FRANCO BUFFONI legge Luis Buñuel – La via lattea

Mercoledì 27 maggio 2009 ore 18.30 – Ex Chiesa della Maddalena
VIVIAN LAMARQUE legge Albert Lamorisse – Il palloncino rosso

Giovedì 4 giugno 2009 ore 21,30 – Teatro Sociale (ingresso 10 euro)
VINICIO CAPOSSELA in dialogo con VINCENZO CHINASKY
Incontro letterario-musicale in occasione della presentazione del volume “In clandestinità” (Feltrinelli)

Location:
Ex Chiesa della Maddalena – Via S. Alessandro, 39/b Bergamo
Teatro Sociale – Via Bartolomeo Colleoni, 4 Città Alta -Bergamo

Responsabile Ufficio Stampa: Isabella Mattazzi t. 338 7443021
info@sguardiaperditadocchio.org
www.sguardiaperditadocchio.org

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Riserva naturale dell’assenza

di Dario D’Amato
Un giorno d’estate, ad agosto a Roma, ho fatto questa cosa morettiana. Ho preso lo scooter e ho cominciato a documentare con foto e riprese video tutti i cinema chiusi

Essere madre e figlia insieme. Su “Petite maman” di Céline Sciamma

di Ornella Tajani
Ho fantasticato varie volte di conoscere mia madre da bambina, di poterla incontrare al di fuori dello schema madre-figlia, in una cornice di parità [...] Così, quando diversi mesi fa ho saputo del film Petite maman di Céline Sciamma (2021), ho pensato che volevo assolutamente vederlo

La traduzione del testo poetico tra XX e XXI secolo

a cura di Franco Buffoni «Come riprodurre, allora, lo stile?» è la domanda che poco fa abbiamo lasciato in sospeso....

Ariaferma

Elisabetta Bucciarelli intervista Leonardo Di Costanzo
Ariaferma è un lungometraggio uscito nelle sale alla fine del 2021. Parla di carcere, di rapporti umani, di cambiamento profondo, di empatia, punizione e controllo. Elisabetta Bucciarelli ne parla con il regista Leonardo Di Costanzo.

XV Quaderno di poesia italiana contemporanea

Franco Buffoni Prefazione “Come si riconosce una poesia?” si chiede Antonella Anedda presentando in questo volume la silloge Diritto all’oblio di...

Dopo il contagio

di Alberto Brodesco
Entrare in un cinema, salire in cabina di proiezione, far partire Woodstock, sedersi in poltrona e guardare il film da unico spettatore in sala.
francesca matteonihttp://orso-polare.blogspot.com
Sono nata nel 1975. Curo laboratori di tarocchi intuitivi e poesia e racconto fiabe. Fra i miei libri di poesia: Artico (Crocetti 2005), Tam Lin e altre poesie (Transeuropa 2010), Acquabuia (Aragno 2014). Ho pubblicato un romanzo, Tutti gli altri (Tunué, 2014). Come ricercatrice in storia ho pubblicato questi libri: Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna (Aras 2014) e, con il professor Owen Davies, Executing Magic in the Modern Era: Criminal Bodies and the Gallows in Popular Medicine (Palgrave, 2017). I miei ultimi libri sono il saggio Dal Matto al Mondo. Viaggio poetico nei tarocchi (effequ, 2019), il testo di poesia Libro di Hor con immagini di Ginevra Ballati (Vydia, 2019), e un mio saggio nel libro La scommessa psichedelica (Quodlibet 2020) a cura di Federico di Vita. Il mio ripostiglio si trova qui: http://orso-polare.blogspot.com/
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: