Omaggio a Chris Marker in Camera Verde (Roma)

C’è il tempo e la memoria e i ricordi. C’è il cinema e la realtà. Godard dentro Histoire du Cinèma indica bene il percorso da riflettere, da qui possiamo passare e trovare il KinoMarker, possiamo ritrovare i ricordi e pensarli, ritrovare le memorie e stamparle. Trovare il No Trepassing e oltrepassarlo. Scoprire di avere tempo, il tempo di riabbracciare il viaggio e trovarsi allo stesso molo d’imbarco, come in una fotografia antica che riporta indietro il fotogramma e la sua storia. (Leggi il programma)
.
Il Centro Culturale La Camera Verde 
Via Giovanni Miani, 20, 00154 Roma
presenta
.
OMAGGIO A CHRIS MARKER 
29 luglio 1921-30 luglio 2012

con un’immagine di Matias Guerra 
 
Giovedì 8, Venerdì 9, Sabato 10, Domenica 11, Martedì 13, Mercoledì 14, Giovedì 15 novembre 2012 
17.30 Dans le noir du temps di Jean-Luc Godard 2002
18.00 Regen di Joris Ivens 1929
18.30 Une visite di François Truffaut 1955
19.00 Illibatezza di Roberto Rossellini 1963
19.30 By Indian Post di John Ford 1919
20.00 Film di Alain Schneider e Samuel Beckett con Buster Keaton 1964
20.30 La Jetée di Chris Marker 1962
21.00 Les carabiniers di Jean-Luc Godard 1962
°
Venerdì 16, Sabato 17, Domenica 18 novembre 2012.
17.00 Le tombeau d’Alexander di Chris Marker 1992
18.00 La Jetée di Chris Marker 1962
 18.30 Sans Soleil di Chris Marker 1982
 20.30 Level Five di Chris Marker 1997
22.30 Loin du Vietnam di AAVV supervisione di Chris Marker 1967

 

 

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. Da vedere e rivedere anche Chats Perchés. Perché se incontri un gatto arancione probabilmente è Chris Marker. Salut

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Un tuffo al cuore: Gigi Spina

Tuffo in lungo di Gigi Spina       Il tuffo in lungo è una specialità olimpica. Lo praticavano gli dèi dell’Olimpo. Non fu mai...

L’indicibile Necessarium

Il bagno nell’architettura contemporanea di Alberto Giorgio Cassani «Se vuoi il mio consiglio, abbellisci il tuo cesso e abbellirai la tua...

Agricoltura convenzionale, agricoltura biologica, nuove tecnologie

intervista a Giacomo Sartori di Dario De Marco
DDM Partiamo dal principio: la dicotomia biologico / convenzionale. Noi ce li figuriamo spesso come due cose distanti e distinte, in teoria è così ma poi nella pratica,

Il mercato metropolitano

di Gianni Biondillo Non riesco a starci dietro. Una volta era tutto più semplice. Negli anni Novanta a Milano non...

Overbooking: Luca Ricci

Come se l’inverno esistesse davvero Brevi note su “Gli invernali” di Luca Ricci (La Nave di Teseo, 2021) di Matteo Pelliti Il...

Buena vista social club: Anna Mallamo

Questa  rubrica è dedicata alle “cose belle” trovate sui Social, a dimostrazione del fatto che fare rete è oggi,...
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.
Print Friendly, PDF & Email