Miti Moderni/11: violini

Enrico Benetta
Enrico Benetta

di Francesca Fiorletta

La violinista ha un vestito azzurro, con le balze, sale sul palcoscenico, il teatro è pieno ma nessuno batte le mani, è prima mattina e nessuno batte le mani, si aspetta soltanto, in silenzio, si sbadiglia e si aspetta, l’inizio del concerto. Anche gli altri musicisti restano immobili, nessuno parla, nessuno incomincia a suonare, è prima mattina, il teatro è pieno, e il vestito, con le balze, troppo azzurro. 

Questo tragico folle gioco di lanciare i sassi contro i treni in corsa, dice la televisione, il giornale quotidiano dell’ora di pranzo, quattro carote e un melone, anche se siamo fuori stagione, un caffè corretto con la tachipirina, la febbre che continua a salire, intorno c’è lo stesso silenzio, il silenzio dell’attesa, quando inizierà il concerto, si sta facendo molto tardi, manca ancora la colazione.

Il pomeriggio si riempie di nuvole, la chat che contrassegna la presenza, mi raccomando riguardati, nella testa rimbalzano le note, tu però continua a leggere, quel libro regalato a metà, gli occhi si fanno piccoli e leggeri, la fessura spaiata delle orecchie, stai solo aspettando delle conferme, anche se loro non lo sanno, vuoi essere rassicurata, pensi che andrà tutto bene, comunque, prima del tramonto.

Ci sei per un aperitivo? Un’altra serata dentro casa, non la vuoi passare, miscela il paracetamolo nello spritz, il brut e la birra artigianale, che ti fa sentire libero, ti fa vestire di azzurro, con le balze larghe, le scarpe fuori fuoco, la tintura sbreccata dei capelli troppo sottili, sulla frangia, hai deciso che non vuoi suonare più, il leggio si piega controvento, si fa morbido, adesso, è vitreo d’acqua, s’appoggia da un lato, e cade giù.

La notte, finalmente, iniziano i rumori, si dirada il silenzio, un ritardo viennese, la rumba brasiliana, l’invito al ballo senza scegliere il cavaliere, potresti diventare puro ritmo, energia e scollature, senti l’ansia del deserto, prendi la rincorsa per la prossima adrenalina, le poltrone di velluto rosso, si chiudono le porte dei soppalchi, gli armadi buoni per la prima stagione, la spettatrice col ventaglio nero, di pizzo, tiene al fianco suo marito col gilet.

Rimane il concerto, nella testa, dentro i sogni, quando si avvicina l’alba, pensi alle docce scozzesi, ai geyser, e intanto continui a bruciare in mezzo alle lenzuola, mordono i polsi, la musica s’inceppa, il ritmo è zoppicante, la violinista sta guardando lo spartito, adesso, ma non ce n’è bisogno, l’ha inventata lei, quella mattina, la melodia della giornata, è tutto fermo, già stampato sulle dita, dentro le mutande, la gonna azzurra, che vola via, e intanto cadono i capelli, gli applausi no.

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

“La revoca dell’Editto di Nantes”: note a margine

  di Fabrizio Pasqualini   Quando si attraversi una galleria d’arte, capita di avvertire la fagocitante esigenza di soffermarsi con più meticolosa...

Giancarlo Pontiggia e Stefano Raimondi: risorse contro tempo

di Matteo Bianchi
"Tutto sembra quasi poter rivivere, in questi giorni di primo autunno, come se niente fosse cambiato, anche se sappiamo che non è così, e che non potremomai più essere come prima."

Immagini dell’arrivo_parte seconda

di Carlo Brio
Che faccia dubbiosa o smarrita o imbarazzata faremo, quando sulle poltrone in attesa dell’imbarco o persino in volo per interrompere monotonia e soliloquio, ci parleranno con intimità di fatti che ci riguardano solo perché apparteniamo a un popolo, ma che nella classe che ci ha allevato non si sono mai verificati?

Immagini dell’arrivo_parte prima

di Carlo Brio
Noi siamo esseri colti, come arriveremo in America? Come sbarcheremo dall’aereo, facendo che faccia? Noi educati, abbiamo negli occhi e in memoria i filmati, i film, le foto dagli archivi che abbiamo studiato per alzare la mano e dare la risposta, noi con che faccia sbarcheremo all’aeroporto?

Lettere dall’assenza #5

di Mariasole Ariot
Cara L. Seduta sulle ginocchia dell’alba ho il volto rivolto ad est, ho sempre capito i segni cardinali, li sento nell’esofago, ti scrivo mentre la casa è un temporale.

Et tournoie…

di Sharon Vanoli
Non dava spazio ai pensieri, e questo era bene, a detta del torpore: non voleva pensare.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: