Miti Moderni/14: esposizione

Rinko Kawauchi
Rinko Kawauchi

di Francesca Fiorletta

La devastazione che si posa, con calma, davanti. Prendi sotto braccio gli idranti e sguinzaglia i cani da alleggerimento, sono già scattate le manette, mentre fervono gli ultimi preparativi per la festa, restano blindati gli ingressi, la regressione è stupefacente, che sia chiara la nostra determinazione, nel cuore degli scontri si scambiano di fretta i vestiti, abbandonano il campo di battaglia, i giovanili concorrenti, ma la replica arriva celere, a mezzo stampa: sei uno sciacallo!

Il crescente divario geologico, abbozzato dalle isole albine, due paure sovraesposte, mentre nuoti a tentoni nel canale, in risalita, muovi le braccia impazzite, diventi un grillo di cemento, e le critiche arrivano all’imporvviso, proprio quando ti raccontavi fortunata, godevate degli effetti benefici delle riforme, ancora, i nuovi catalizzatori dell’affetto interinale: oggi è arrivato lo stipendio, ti sei creduta in pace, troppo all’erta.

Un pericoloso incapace, raccontano fra loro, e chi se lo aspettava, nonostante le condizioni internazionali siano per lo più favorevoli, i risvolti no, qualche migliaio di problemi sopiti, i pensieri nascosti dalla bruma polverosa che segnava la fine dell’inverno, che si apriva senza dirlo su una landa ancora più brulla, spaesata, incontestabile. Stasera gioca la Sicilia.

Una figura al di sopra di ogni sospetto, la mano che afferra il magro bottino, ma il giocattolo si è rotto, non tiene più la piega degli eventi, il tettuccio apribile di un’automobile sportiva, la lampadina sempre accesa nel soggiorno, il corridoio è meglio lasciarlo al buio, in sordina, a rimarcare l’attesa, la presenza sgradita di un ospite ozioso, fuori stagione.

Persone oneste e per bene, ecco il ritratto dell’incomunicabilità: la sconfitta è autentica solo nella tua testa, i dadi rotolano sul tavolo da gioco, le carte scoperte, l’allegria coatta dell’ultima cena, quando ti avvicini al buffet e puoi scegliere soltanto ostriche, bignè alla crema, liquore amaro di colore ferrigno, l’aroma appeso di un augusto imperatore, l’intimità sfuggita contro il tempo, nell’agguato coatto dei perché.

Poi ti squilla il telefono, le notizie che ti fanno andare avanti, prevedi già una prima occhiata di dissenso, le strategie composite per le larghe intese, evviva: l’ennesima settimana di prolasso, decidi di lasciartela alle spalle, senti che tira più forte il vento, le panchine assolate per metà, il foulard che ti ricorda la famiglia, ti è rimasta in tasca una caramella, non sopporti più nemmeno l’odore del caffè.

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Se un corpo è puntellato dagli spilli

di Mariasole Ariot
Si incammina lento, un corpo puntellato dagli spilli, quando gli insetti s’insinuano nel sottopelle e dalla punta più bassa del terreno arrivano alla testa: un brulichio di voci e mani a forma di pensiero...

“La revoca dell’Editto di Nantes”: note a margine

  di Fabrizio Pasqualini   Quando si attraversi una galleria d’arte, capita di avvertire la fagocitante esigenza di soffermarsi con più meticolosa...

Giancarlo Pontiggia e Stefano Raimondi: risorse contro tempo

di Matteo Bianchi
"Tutto sembra quasi poter rivivere, in questi giorni di primo autunno, come se niente fosse cambiato, anche se sappiamo che non è così, e che non potremomai più essere come prima."

Immagini dell’arrivo_parte seconda

di Carlo Brio
Che faccia dubbiosa o smarrita o imbarazzata faremo, quando sulle poltrone in attesa dell’imbarco o persino in volo per interrompere monotonia e soliloquio, ci parleranno con intimità di fatti che ci riguardano solo perché apparteniamo a un popolo, ma che nella classe che ci ha allevato non si sono mai verificati?

Immagini dell’arrivo_parte prima

di Carlo Brio
Noi siamo esseri colti, come arriveremo in America? Come sbarcheremo dall’aereo, facendo che faccia? Noi educati, abbiamo negli occhi e in memoria i filmati, i film, le foto dagli archivi che abbiamo studiato per alzare la mano e dare la risposta, noi con che faccia sbarcheremo all’aeroporto?

Lettere dall’assenza #5

di Mariasole Ariot
Cara L. Seduta sulle ginocchia dell’alba ho il volto rivolto ad est, ho sempre capito i segni cardinali, li sento nell’esofago, ti scrivo mentre la casa è un temporale.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: