Articolo precedenteUlisse tecnologico #1
Articolo successivoViolenza, creatrice di diritto

Post in translation: Antonella Anedda/ Jean-Charles Vegliante

 

 

 

Esilii 1
di
Antonella Anedda

 

 

 

 

 

 

Pieno il mare di esuli; gli scogli coperti di sangue
Tacito Historiae

Oggi penso ai due dei tanti morti affogati
a pochi metri da queste coste soleggiate
trovati sotto lo scafo, stretti, abbracciati.
Mi chiedo se sulle ossa crescerà il corallo
e cosa ne sarà del sangue dentro il sale,
allora studio – cerco tra i vecchi libri
di medicina legale di mio padre
un manuale dove le vittime
sono fotografate insieme ai criminali
alla rinfusa: suicidi, assassini, organi genitali.
Niente paesaggi solo il cielo d’acciaio delle foto,
raramente una sedia, un torso coperto da un lenzuolo,
i piedi sopra una branda nudi.
Leggo. Scopro che il termine esatto è livor mortis.
Il sangue si raccoglie in basso e si raggruma
prima rosso poi livido infine si fa polvere
e può– sì– sciogliersi nel sale.

Pleine la mer d’exilés, les rochers couverts de sang
Tacite, Historiae

Aujourd’hui je pense aux deux, parmi d’autres, noyés
à quelques mètres de ces côtes ensoleillées
retrouvés sous le bateau, étroitement embrassés.
Je me demande si sur leurs os poussera le corail
et ce qu’il adviendra du sang dedans le sel,
alors j’étudie – je cherche parmi les vieux livres
de médecine légale de mon père
un manuel où les victimes
sont photographiées avec les criminels
pêle-mêle : suicidés, assassins, organes génitaux.
Pas de paysages sous le ciel d’acier des photos, rarement une
chaise
un torse recouvert d’un drap, les pieds sur un brancard nus.
Je lis. Découvre que le terme exact est livor mortis.
Le sang se rassemble en bas et se coagule
d’abord rouge puis livide enfin devient poussière
et peut, oui, se dissoudre dans le sel.

(trad. J.-Ch. V.)

Print Friendly, PDF & Email
NOTE
  1. La poesia è contenuta nella raccolta Historiae, Einaudi Editore 2018. La traduzione fa parte del dossier, Anthologie permanente. Antonella Anedda, a cura di Jean-Charles Vegliante

3 Commenti

  1. Grazie alla “NazioneIndiana” per la riproduzione e l’indicazione delle fonti. Quando uscì su “poezibao” (che accoglie, come pure “Recours au Poème”, e saltuariamente il collettivo “uneautrepoesieitalienne”, la nostra visuale lontana della poesia italiana o comunque in una o un’altra lingua italiana), il testo era inedito, con 16 versi anziché 17 oggi, l’epigrafe in italiano e non nell’originale latino, ecc. e insomma poteva e può costituire ormai una preziosa variante di questa poesia di Antonella Anedda. Senza stare a rimescolare le solite “ipotesi” sul tradurre (si leggono troppo spesso sbuffi di bollitori che scoprono l’acqua fredda), aggiungo soltanto che la versione – relativamente autonoma – in altro idioma aspira a far parte integrante di tale variante. Una visuale leggermente diversa per l’appunto, come potrebbe essere – ahimé – quella francese rispetto a quella italiana sulla “realtà” tra il “gioiellino” e il “drammatico”, come viene suggerito di sopra. Ché la traduzione, oltre a essere sempre “pratique-théorie”, è altresì sempre storica. – Elementary my dear Watson – come non disse Conan Doyle…
    Cordiali saluti,
    Jean-Charles Vegliante
    Siti citati:
    https://poezibao.typepad.com/
    https://www.recoursaupoeme.fr/
    http://uneautrepoesieitalienne.blogspot.com/

  2. Carissimo Jean-Charles, prezioso come sempre ogni tuo contributo sull’annosa questione del tradurre, ti chiederei a tal proposito di leggere la querelle in corso ai piani di sotto – il riferimento è alla verticalità del sito- ove proprio delle cose a cui accenni si faceva incetta, intelligente. https://www.nazioneindiana.com/2019/06/19/heros-limite-eroe-limite/
    effeffe
    ps
    Ne approfitto anche per ringraziare Romano per avermi segnalato “une toute petite coquille” in fondo al testo da me postato in origine.
    ppss
    Il testo di Antonella Anedda ha sicuramente un valore che sembra prescindere sia dalla realtà “inenarrabile altrimenti” cui fa riferimento , sia dalla troppo spesso “estetizzante” fabbrica dei versi italica. Per questo autenticamente poesia.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La vie en bleu ( France): laboratorio di scritture

di effeffe
Dossier a cura di Giulia Molinarolo, Patrizia Molteni, Francesco Forlani, Wu Ming 2, con la partecipazione degli “scrittori” dell’atelier condotto da Wu Ming 2 e sostenuto dalla Consulta per gli emiliano-romagnoli del mondo su un progetto di Alma Mater, UniBo. Racconto fotografico di Sergio Trapani

Colonna (sonora) 2023

di Claudio Loi
Come ogni anno eccoci alle solite classifiche, un’operazione che non serve a nulla e proprio per questo indispensabile. Un giochino che serve – così spero - a tenere viva una passione che a sua volta ci tiene vivi e a continuare a divertirci ascoltando musica, cercando di cogliere i nuovi fremiti che arrivano dalle diverse parti del mondo conosciuto.

Lost in translation

di Francesco Forlani
Manuel Cohen che mi aveva voluto nell'antologia mi chiese di provvedere alla traduzione in italiano dei testi scritti in furlèn, nel mio idioletto come del resto ogni poeta aveva fatto per le proprie composizioni in dialetto. È stata la sola volta in cui ho tentato di autotradurmi e sinceramente non so se l'esperimento sia andato a buon fine

Così parlò Malatestra

di Errico Malatesta
Ma è possibile abolir la famiglia? È desiderabile? Questa è stata, e resta ancora, il più gran fattore di sviluppo umano, poiché essa è il solo luogo dove l'uomo normalmente si sacrifica per l'uomo e fa il bene per il bene, senza desiderare altro compenso che l'amore del coniuge e dei figli.

Diaporama

di Enrico De Vivo
La sera del 15 settembre 2022 Salvatore Cuccurullo, maestro di pianoforte di Angri ed emigrato in Veneto circa vent’anni fa per insegnare, stava morendo in un ospedale di Vicenza. Dopo aver ricevuto la notizia, ho trascorso la serata fino a tardi a guardare le sue foto

Limina moralia: Méli Mélo

di Francesco Forlani
Com’è possibile che tra il XIX e il XX secolo, mentre in tutta Europa nascevano i grandi classici, in Italia esce solo un romanzo considerato degno di nota, "I promessi sposi" di Manzoni? Si parte da questa affascinante anomalia per ricostruire il complesso rapporto tra letteratura e musica, delineando i contorni d'una invenzione made in Italy: il melodramma.
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: