Articolo precedenteIl ribelle in guanti rosa
Articolo successivoNon è un paese per poveri

Esperienze poetiche

Milano, 8 aprile 2008, ore 21:00
La casa della poesia
(largo Marinai d’Italia)

Quattro poeti leggono testi tratti dalle loro più recenti pubblicazioni :
Biagio Cepollaro, Marco Giovenale, Andrea Inglese, Andrea Raos

Le pubblicazioni:
Biagio Cepollaro, Lavoro da fare (2002-2005), E-dizioni Biagio Cepollaro, 2006 (Collana “Inediti E-book”. Postfazione di Florinda Fusco)
Marco Giovenale, Superficie della battaglia, La camera verde, Roma 2006 e Criterio dei vetri, Oèdipus, Salerno 2007 (Collana “i megamicri”. Postfazione di Cecilia Bello Minciacchi)
Andrea Inglese, Prati / Pelouses, La camera verde, Roma 2007 (collana “Felix”) e Colonne d’aveugles, in edizione bilingue, Le Clou Dans Le Fer, Reims 2007
Andrea Raos, Le api migratori, con immagini di Mattia Paganelli, Oèdipus, Salerno 2007 (Collana “Liquid”)

Print Friendly, PDF & Email

11 Commenti

  1. Non vorrei mancare la proposta. Qualcuno potrebbe darmi l’indirizzo di un albergo in Milano?

  2. Grazie Sparz.

    Sono in pieno lavoro di ricerca. Spero trovare, non sono sveglia.
    Torna alla 18 alla casa, vado telefonare, poi prendere il biglietto.
    Spero riuscire!

    Grazie ancora.

  3. Sono contenta: ho trovato il biglietto. Arrivo a Milano il lundi 7 e parto il 10. Dunque visitero anche la città, ma è soprattutto per la serata. Ho trovato un hotel nel centro vicino al duomo. Dove è largo Marinai d’Italia?

    A presto

  4. Come arrivo a milano centrale, vorrei sapere dove si comprano biglietti per il tram o il bus Vorrei evitare il metro ( non posso repirare nel metro: sono claustrophobe). Ma si è piu facile prendere il metro, lo prendero.

  5. Ho! cara!
    e se venissi anche io?
    che bello sarebbe conoscerti!
    se parti il 10 ti invito da me…

  6. e comunque…
    sarà sicuramente una bella serata di primavera, all’insegna della buona poesia, della suggestiva musica, delle belle persone, il tutto immerso nell’incredibile verde del parco.

  7. Cappuccetto rosso: sei molto gentile come da solito. Ti ringrazio per l’invito: sei qualcuno di grande gentilezza.
    Ma finalmente non posso venire, è un problema di salute molto personale. Ti do il mio e-mail se vuoi scrivermi, ti rispondo. Per il momento ho sempre il biglietto. Arrivo a Milano centrale verso le 21 e mezzo. Ma credo che più ragionevole di restare in Francia, per il momento.
    Penso che la serata sarà come tu la descrivi e mi scuso di cambiare il mio progetto.

    Il mio e-mail: veronique.verge@ac-amiens.fr

  8. Nel caso; Veronique, cambiassi idea, dalla stazione centrale devi prendere l’autobus n. 60 e chiedere all’autista di scendere a “largo marinai d’Italia”.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

les nouveaux réalistes: Francesca Perinelli

di Francesca Perinelli
c’è questa pletora di questa, questa qui, di sé medesima, esattamente questa, in questo luogo e in ogni luogo altrove, adesso proprio ora in questo tempo c’è questa sovrabbondanza e quantità eccessiva, quest’eccedenza

Fortini-Enzensberger, il carteggio

Andrea Inglese
Quando i due poeti iniziano il lavoro di traduzione, sostenuto da un duplice progetto editoriale – Suhrkamp per la Germania e Feltrinelli per l’Italia –, sono entrambi coinvolti nella creazione di “Gulliver”, una rivista con una vera redazione europea, in grado di esplorare la letteratura contemporanea al di là dei confini nazionali...

Del solvere e del dissolvere: cartolina da Montelago

    « qualche cosa che / provenga da mutilati orizzonti immaginari di inconcepibile / travaglio» Emilio Villa, Sybilla (foedus, foetus)   È una specie...

Prima fascismu, adés no sai – FEDERICO TAVAN

poesie di Federico Tavan fotografie di Danilo De Marco
Maledeta chê volta / ch’ài tacât a scrîve

Giovenale a caccia di trama

di Leonardo Canella
Marco Giovenale è stato per me questa estate una piccola mano disegnata fra rosso e blu e giallo. Sulla copertina bianca di La gente non sa cosa si perde (Tic editore). Questa estate.

Se un corpo è puntellato dagli spilli

di Mariasole Ariot
Si incammina lento, un corpo puntellato dagli spilli, quando gli insetti s’insinuano nel sottopelle e dalla punta più bassa del terreno arrivano alla testa: un brulichio di voci e mani a forma di pensiero...
Andrea Raos
andrea raos ha pubblicato discendere il fiume calmo, nel quinto quaderno italiano (milano, crocetti, 1996, a c. di franco buffoni), aspettami, dice. poesie 1992-2002 (roma, pieraldo, 2003), luna velata (marsiglia, cipM – les comptoirs de la nouvelle b.s., 2003), le api migratori (salerno, oèdipus – collana liquid, 2007), AAVV, prosa in prosa (firenze, le lettere, 2009), AAVV, la fisica delle cose. dieci riscritture da lucrezio (roma, giulio perrone editore, 2010), i cani dello chott el-jerid (milano, arcipelago, 2010), lettere nere (milano, effigie, 2013), le avventure dell'allegro leprotto e altre storie inospitali (osimo - an, arcipelago itaca, 2017) e o!h (pavia, blonk, 2020). è presente nel volume àkusma. forme della poesia contemporanea (metauro, 2000). ha curato le antologie chijô no utagoe – il coro temporaneo (tokyo, shichôsha, 2001) e contemporary italian poetry (freeverse editions, 2013). con andrea inglese ha curato le antologie azioni poetiche. nouveaux poètes italiens, in «action poétique», (sett. 2004) e le macchine liriche. sei poeti francesi della contemporaneità, in «nuovi argomenti» (ott.-dic. 2005). sue poesie sono apparse in traduzione francese sulle riviste «le cahier du réfuge» (2002), «if» (2003), «action poétique» (2005), «exit» (2005) e "nioques" (2015); altre, in traduzioni inglese, in "the new review of literature" (vol. 5 no. 2 / spring 2008), "aufgabe" (no. 7, 2008), poetry international, free verse e la rubrica "in translation" della rivista "brooklyn rail". in volume ha tradotto joe ross, strati (con marco giovenale, la camera verde, 2007), ryoko sekiguchi, apparizione (la camera verde, 2009), giuliano mesa (con eric suchere, action poetique, 2010), stephen rodefer, dormendo con la luce accesa (nazione indiana / murene, 2010) e charles reznikoff, olocausto (benway series, 2014). in rivista ha tradotto, tra gli altri, yoshioka minoru, gherasim luca, liliane giraudon, valere novarina, danielle collobert, nanni balestrini, kathleen fraser, robert lax, peter gizzi, bob perelman, antoine volodine, franco fortini e murasaki shikibu.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: