Éric Suchère a Roma (un poeta)

Roma, lunedì 26 maggio, ore 20:00

La camera verde (via G.Miani 20)

Éric Suchère legge alcuni suoi testi
editi e inediti

Traduzioni di Andrea Raos

Incontro a cura di Marco Giovenale, Andrea Raos, Michele Zaffarano

Éric Suchère è stato tradotto più volte online in italiano (e il suo Fixe, désole en hiver è stato stampato in traduzione italiana presso le Edizioni di Cantarena, a cura di Massimo Sannelli). Questa occasione di lettura è la prima a Roma.

É.S. è nato nel 1967 e vive a Parigi. Tra i suoi libri: L’image différentielle, Voix Éditions, 2001; Le motif Albertine, MeMo, 2002; Lent (…un autre mois…), Le Bleu du Ciel, 2003; Surfaces, Contrat Maint, 2004; Fixe, désole en hiver, Les petits matins, 2005; Dans l’atmosphère de, Contrat Maint, 2008; Résume antérieur, Le mot et le reste, 2008.

(

andrea inglese

Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ha pubblicato uno studio di teoria del romanzo L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo (2003) e la raccolta di saggi La confusione è ancella della menzogna per l’editore digitale Quintadicopertina (2012). Ha scritto saggi di teoria e critica letteraria, due libri di prose per La Camera Verde (Prati / Pelouses, 2007 e Quando Kubrick inventò la fantascienza, 2011) e sette libri di poesia, l’ultimo dei quali, Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, è apparso in edizione italiana (Italic Pequod, 2013), francese (NOUS, 2013) e inglese (Patrician Press, 2017). Nel 2016, ha pubblicato per Ponte alle Grazie il suo primo romanzo, Parigi è un desiderio (Premio Bridge 2017). Nella collana “Autoriale”, curata da Biagio Cepollaro, è uscita Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016 (Dot.Com Press, 2017). Ha curato l’antologia del poeta francese Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008 (Metauro, 2009). È uno dei membri fondatori del blog letterario Nazione Indiana. È nel comitato di redazione di alfabeta2. È il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini. 

Tags:

  6 comments for “Éric Suchère a Roma (un poeta)

  1. véronique vergé
    23 maggio 2008 at 08:22

    Amo la scrittura di Eric Suchère, perché deriva da uno sguardo di osservatore del mode, delle impronte che macchiano la realtà: un punto di vista esterno, dedicato alla collezione d’immagini.
    Il tessuto del racconto cammina nell’enumerazione che sfila: passeggiata del raconto.
    L’emozione è sempre in arretrato, ma sull’orlo dei colori, delle forme, dei gesti discreti dei personaggi.
    E’ una lentezza sensuale della scrittura, un ritmo sposando lo sguardo, una meraviglia della musica: musica e pittura.

    Grazie A Andrea Raos che fa il “passeur magique”.
    I link danno una vista precisa della creazione di Eric Suchère.

    Auguri per la serata.

  2. Houser
    26 maggio 2008 at 14:05

    Ramène d’Algérie Liber
    abaci Partie entière de
    En deux blocs Moyenne raison
    ou lettres d’or Sans préciser
    les valeurs

    (Salut Eric Salut Andrea Salut Marco Salut Michele)
    (& Tutti)

  3. véronique vergé
    27 maggio 2008 at 12:12

    Com è andata la serata?

  4. 28 maggio 2008 at 13:03

    gosh! grande lettura di Éric. grande serata e performance multicodice. suoni, testi inediti, Kubrick. Andrea recording.
    &
    stasera: mostra di Alfredo Anzellini.
    sabato: felix di Marina Pizzi e di Kathleen Fraser.

    A C C O R R E T E I N M A S S A

  5. véronique vergé
    29 maggio 2008 at 08:48

    grazie Marco!

Comments are closed.