Articolo precedenteSud n°11 come Riva
Articolo successivoEl boligrafo boliviano 16

RADIOBAHIA: racconti per canzoni [005]

di Marco Ciriello

Popular Electronic 1955

RADIOBAHIA: suona

“Why not smile” dei R.E.M

5.
Il Sopravvissuto, artista della riproduzione, uscì a testa alta dal disastro raggiungendo la suite fra due ali di folla. Le sue mani da pianista non salutarono nessuno, i suoi occhietti miopi, che erano stati nel vago incidente, non videro altro che sfumature: gente che s’assomigliava, pensando: è la solita carogna. Le telecamere ripresero il suo viso glabro mentre sbadigliava. Annoiato dal tributo si lasciò ingoiare dall’ombra lunga delle cose, cadde nella cronaca giornaliera. La prosa delle disgrazie è sempre urlata. Provò a tapparsi le orecchie, poi si arrese e ascoltò l’assurdo nome del buio e la fredda influenza che aveva sul pubblico. «Riempirò la vita con l’aria dello scampato pericolo» annunciò. «Lo dice ogni volta», commentò la voce fuori campo.

Radiobahia suona ogni venerdi all’alba sul quotidiano IL MATTINO

[ R.E.M., “Why not smile”, track 10, UP, Warner Bros. Records, 26 ottobre 1998 ]

RADIOBAHIA: [ 001 ] [ 002 ] [ 003 ] [ 004 ]

[ immagine da: http://www.antiqueradio.org
©1995-2008 Philip I. Nelson, all rights reserved ]

4 Commenti

  1. Udì Simkin ridere piano e di continuo tra sé e sé, tenendosi, probabilmente, una di quelle sue manine sul toracione grasso per frenare il tremito, con piccole rughe di gioconda ironia che gli giostravano intorno agli occhi cespugliosi e alle orecchie pelose. “L’emancipazione che porta alla follia. Libertà illimitata di scegliere e impersonare una varietà infinita di ruoli con una quantità immensa di energia rudimentale”.
    “Io non ho mai visto in nessun film un uomo versarsi il vino sull’uccello – ”
    disse Simkin.

  2. Aspettato inutilmente un commento che, svelandolo, svelasse a me un socio in un doppio entusiasmo: RADIOBAHIA, il primo, svelo io il secondo: il perenne HERZOG, di Saul Bellow, che, alla musica di Radiobahia, danza un capoverso della sua pagina duecentottantuno.

  3. Ciao Marco! Un saluto al nibbio dall’elleciccio di una “radio” che non c’è più…

  4. La prosa delle disgrazie è sempre urlata. Cambiando tono ci riuscirò, pensò. E allora forse qualcosa di me si percepirà, della mia esperienza di quello che ho vissuto e delle migliaia di persone insieme a me, di come sono sopravvissuto, poco fra i tanti. Pensò agli amici, a quelli che ci sono ancora. Sussurrò i loro nomi. Rimasero lì fra le sue labbra.
    g

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

DAVID FOSTER WALLACE legge “Una storia ridotta all’osso della vita postindustriale” [1999]

Quando vennero presentati, lui fece una battuta, sperando di piacere. Lei rise a crepapelle, sperando di piacere. Poi se ne tornarono a casa in macchina, ognuno per conto suo, lo sguardo fisso davanti a sé, la stessa identica smorfia sul viso.

MUSICA PER GIORNI DISPARI #01 Steve Reich “WTC 9/11” [2010]

di Steve Reich
Il pezzo inizia e finisce con il primo violino che raddoppia il forte segnale acustico di avviso (in realtà un FA) emesso dal telefono quando viene lasciato sganciato. Nel primo movimento ci sono voci d'archivio dei controllori del traffico aereo del NORAD, allarmati dal fatto che il VOLO 11 americano fosse fuori rotta.

DANIELE DEL GIUDICE “levare a ogni frase la terra sotto i piedi“

"Le storie, i sentimenti, i personaggi, la descrizione: riuscire a renderli totale provvisorietà; levare a ogni frase la terra sotto i piedi, levarle il fondamento, col gesto stesso con cui ci sforziamo di affidarla a una stabilità."

MUSICA PER GIORNI PARI #01 Gregorio Allegri “Miserere”

di Orsola Puecher
E' Mercoledì 11 Aprile 1770: Johann Georg Leopold Mozart e suo figlio, il quattordicenne Wolfgang Amadeus, esibito fin da bambino nelle le corti d’Europa in sfiancanti tournée musicali, arrivano a Roma.

cinéDIMANCHE #24 KEN RUSSELL Amelia and the Angel [1957]

di Orsola Puecher
... l'organetto a manovella che gira il suo disco di metallo traforato insieme al cerchio delle bambine, figurine danzanti di un carillon, ci fa subito capire che stiamo entrando in una dimensione delicata e parallela.

25 aprile 2021 Canteremo ancora… [tracce di un’altra vita]

La piccola targa di ottone è ancora là, incastonata nel marciapiede, lo è stata nel silenzio e nella solitudine delle strade deserte e del lockdown. Testimonia lo stesso e rende onore a chi tomba e sepoltura non ha potuto avere.
orsola puecherhttps://www.nazioneindiana.com/author/orsola-puecher/
,\\' Nasce [ in un giorno di rose e bandiere ] Scrive. [ con molta calma ] Nulla ha maggior fascino dei documenti antichi sepolti per centinaia d’anni negli archivi. Nella corrispondenza epistolare, negli scritti vergati tanto tempo addietro, forse, sono le sole voci che da evi lontani possono tornare a farsi vive, a parlare, più di ogni altra cosa, più di ogni racconto. Perché ciò ch’era in loro, la sostanza segreta e cristallina dell’umano è anche e ancora profondamente sepolta in noi nell’oggi. E nulla più della verità agogna alla finzione dell’immaginazione, all’intuizione, che ne estragga frammenti di visioni. Il pensiero cammina a ritroso lungo le parole scritte nel momento in cui i fatti avvenivano, accendendosi di supposizioni, di scene probabilmente accadute. Le immagini traboccano di suggestioni sempre diverse, di particolari inquieti che accendono percorsi non lineari, come se nel passato ci fossero scordati sprazzi di futuro anteriore ancora da decodificare, ansiosi di essere narrati. Cosa avrà provato… che cosa avrà detto… avrà sofferto… pensato. Si affollano fatti ancora in cerca di un palcoscenico, di dialoghi, luoghi e personaggi che tornano in rilievo dalla carta muta, miracolosamente, per piccoli indizi e molliche di Pollicino nel bosco.