Articolo precedenteSud n°11 come Riva
Articolo successivoEl boligrafo boliviano 16

RADIOBAHIA: racconti per canzoni [005]

di Marco Ciriello

Popular Electronic 1955

RADIOBAHIA: suona

“Why not smile” dei R.E.M

5.
Il Sopravvissuto, artista della riproduzione, uscì a testa alta dal disastro raggiungendo la suite fra due ali di folla. Le sue mani da pianista non salutarono nessuno, i suoi occhietti miopi, che erano stati nel vago incidente, non videro altro che sfumature: gente che s’assomigliava, pensando: è la solita carogna. Le telecamere ripresero il suo viso glabro mentre sbadigliava. Annoiato dal tributo si lasciò ingoiare dall’ombra lunga delle cose, cadde nella cronaca giornaliera. La prosa delle disgrazie è sempre urlata. Provò a tapparsi le orecchie, poi si arrese e ascoltò l’assurdo nome del buio e la fredda influenza che aveva sul pubblico. «Riempirò la vita con l’aria dello scampato pericolo» annunciò. «Lo dice ogni volta», commentò la voce fuori campo.

Radiobahia suona ogni venerdi all’alba sul quotidiano IL MATTINO

[ R.E.M., “Why not smile”, track 10, UP, Warner Bros. Records, 26 ottobre 1998 ]

RADIOBAHIA: [ 001 ] [ 002 ] [ 003 ] [ 004 ]

[ immagine da: http://www.antiqueradio.org
©1995-2008 Philip I. Nelson, all rights reserved ]

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. Udì Simkin ridere piano e di continuo tra sé e sé, tenendosi, probabilmente, una di quelle sue manine sul toracione grasso per frenare il tremito, con piccole rughe di gioconda ironia che gli giostravano intorno agli occhi cespugliosi e alle orecchie pelose. “L’emancipazione che porta alla follia. Libertà illimitata di scegliere e impersonare una varietà infinita di ruoli con una quantità immensa di energia rudimentale”.
    “Io non ho mai visto in nessun film un uomo versarsi il vino sull’uccello – ”
    disse Simkin.

  2. Aspettato inutilmente un commento che, svelandolo, svelasse a me un socio in un doppio entusiasmo: RADIOBAHIA, il primo, svelo io il secondo: il perenne HERZOG, di Saul Bellow, che, alla musica di Radiobahia, danza un capoverso della sua pagina duecentottantuno.

  3. Ciao Marco! Un saluto al nibbio dall’elleciccio di una “radio” che non c’è più…

  4. La prosa delle disgrazie è sempre urlata. Cambiando tono ci riuscirò, pensò. E allora forse qualcosa di me si percepirà, della mia esperienza di quello che ho vissuto e delle migliaia di persone insieme a me, di come sono sopravvissuto, poco fra i tanti. Pensò agli amici, a quelli che ci sono ancora. Sussurrò i loro nomi. Rimasero lì fra le sue labbra.
    g

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

LINA MEIFFRET partigiana e letterata, amica del giovane Calvino.

di Daniela Cassini e Sarah Clarke
Tra le tante storie incontrate, in un campo largo che ha unito intenti e percorsi diversi, abbiamo voluto approfondire con curiosità e passione la storia di una figura rimasta ai margini...

PIER PAOLO PASOLINI 3. Il tempo della caduta. L’omologazione antropologica degli italiani

di Luca Vidotto
Pasolini si trova costretto in un’isola solitaria in mezzo al mare della modernità, è il poeta imprigionato in un mondo in cui tutto funziona con una precisione meccanica e l’uomo stesso è diventato un’“arancia ad orologeria”.

PIER PAOLO PASOLINI 2. Il tempo del disincanto. L’avvento della società dei consumi

di Luca Vidotto
Se la rivoluzione delle infrastrutture ha determinato un tale stravolgimento dal punto di vista materiale, ben peggiore è ciò che opera la televisione.

PIER PAOLO PASOLINI 1. Il tempo dell’innocenza. Il Friuli e Roma

di Luca Vidotto
Pasolini ebbe una doppia appartenenza: una legata agli ambienti cittadini bolognesi e di altri centri urbani, soprattutto veneti, in cui visse da ragazzo con la famiglia seguendo gli spostamenti del padre, e una totalmente differente nelle campagne casarsesi, a stretto contatto con il mondo contadino.

CRISTINA ANNINO [1941-2022] “Magnificat. Poesie 1969-2009”

di Nadia Agustoni
Un poeta è una voce. A volte, nella grande poesia, la voce è distanza e vicinanza insieme. Ci sono autori appartati che ci vengono incontro per un sorta di fortuna e aiutano chi non smette mai di cercare, interrogare le parole, perché proprio nella concretezza della parola un poeta dice qualcosa di sé e del mondo.

ALICE VENTURA morta il 5.3.1945 a Ravensbrück “… per il suo ideale partigiano“

di Orsola Puecher
... è una storia piccola, di un piccolo eroismo, un piccolo gesto di normale umana solidarietà, che la portò a esaurire al Campo di Concentramento di Ravensbrück i giorni di una vita bellissima e inconsueta.
orsola puecherhttps://www.nazioneindiana.com/author/orsola-puecher/
,\\' Nasce [ in un giorno di rose e bandiere ] Scrive. [ con molta calma ] Nulla ha maggior fascino dei documenti antichi sepolti per centinaia d’anni negli archivi. Nella corrispondenza epistolare, negli scritti vergati tanto tempo addietro, forse, sono le sole voci che da evi lontani possono tornare a farsi vive, a parlare, più di ogni altra cosa, più di ogni racconto. Perché ciò ch’era in loro, la sostanza segreta e cristallina dell’umano è anche e ancora profondamente sepolta in noi nell’oggi. E nulla più della verità agogna alla finzione dell’immaginazione, all’intuizione, che ne estragga frammenti di visioni. Il pensiero cammina a ritroso lungo le parole scritte nel momento in cui i fatti avvenivano, accendendosi di supposizioni, di scene probabilmente accadute. Le immagini traboccano di suggestioni sempre diverse, di particolari inquieti che accendono percorsi non lineari, come se nel passato ci fossero scordati sprazzi di futuro anteriore ancora da decodificare, ansiosi di essere narrati. Cosa avrà provato… che cosa avrà detto… avrà sofferto… pensato. Si affollano fatti ancora in cerca di un palcoscenico, di dialoghi, luoghi e personaggi che tornano in rilievo dalla carta muta, miracolosamente, per piccoli indizi e molliche di Pollicino nel bosco.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: