Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato 4

[18 immagini + lettere invernali per l’estate; 1, 2,
3,
…]

di Andrea Inglese

Cara Reinserzione Culturale del Disoccupato,

le mie relazioni sociali esistono

posso stare tranquillo
quando mi capita di pensarci
nel loro insieme tutte quante
senza neppure soppesarle da vicino

le relazioni – mi dico – ci sono
ed è sufficiente questo: un pensiero
(l’insieme delle mie esistenti relazioni
sociali) e sono invaso
da un senso di tranquillità

e non le conto neppure non voglio
considerarle con eccessiva
precisione – sotto un aspetto globale
così è sufficiente: sono relazioni di società
tanto evidenti che esistono
tutte quante assieme
per la mia tranquillità

quando mi muovo con mezzi
pubblici di trasporto ad alta velocità o su auto
guidate da privati anche fortemente lanciate
lungo rettilinei d’autostrada o al di sopra
di morbidi tappeti di nuvole volando
anche non aprendo bocca guardando
assente fuori dall’oblò o dal finestrino
le mie relazioni sociali perdurano intatte
come se il mio movimento il mio silenzio
la mia totale assenza d’intenzioni o ricordi
non potesse intaccare minimamente
la loro superficie globale come se
esse vivessero la loro esistenza di relazioni sociali
completamente al di fuori di me
in totale autonomia senza bisogno
della mia piccola esistenza da qualche parte
per esistere

lasciando solo un pensiero
per me
di assoluta tranquillità

2 Commenti

  1. Cara Reinserzione Culturale del Disoccupato

    Errato. Errato. Barrato.
    Punto e a capo. Punto e
    virgola. Punto.

    Relazioni sociali che perdurino autonome NON esistono.

    Se presumi la tua vita procedere senza di te
    se a consolarti delle perdite sono giochi di specchi
    o carte truccate all’ultimo paio d’cchi, finché
    qualcuno, uno qualunque, uno vale l’altro, resti
    in poltrona a guardare o a fare zapping
    se conforta il tuo sentirti avulso l’arte di
    confondere e distrarsi, mentre la vita ti si
    scolla di dosso come le suole e non c’è modo
    d’incollarla, se intorno a te hai fatto solo deserto, e
    non lo chiami deserto, ma un pensiero tranquillo,
    ti dirò un gran segreto e senza troppo badare
    al tuo bisogno di essere rassicurato e senza darmi
    pensiero del tuo pensiero tranquillo, ti dirò che a
    quest’altezza, è proprio qui, insomma, che termina
    la corsa a meno che si scelga, se scelta c’è, di ricominciare.
    dico solo che “il viaggio finisce a questa sponda”
    e “nelle cure meschine che dividono l’anima
    che non sa più dre un grido” o solamente adesso
    tutto solo si abbraccia l’universo fino a dire a tutto
    il male eccomi, sì, bonjour tritesse, come me che
    insieme al mare e
    “col mare
    mi sono
    fatto
    una bara
    di freschezza”

    (detto in tono brutalmente confidenziale come si conviene da poeta a poeta)

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Rabelais e il paradigma progressista

di Andrea Inglese
I misteri del romanzo. Da Kundera a Rabelais, uscito per Mimesis nella collana diretta da Massimo Rizzante e per la cura di Simona Carretta, come già il titolo preannuncia è un saggio, non uno studio accademico, una monografia, o il frutto di una più o meno sistematica scienza delle letteratura.

Farsi o meno vaccinare. La riappropriazione del corpo avverrà collettivamente oppure non avverrà

di Andrea Inglese
1. Il rifiuto di vaccinarsi, oggi, riposa su di una grande speranza: quella di mantenere individualmente un controllo sul nostro corpo, quella di controllare, attraverso scelte individuali, ciò che determina o influisce in modo rilevante sul nostro metabolismo, sulla nostra salute, sull’intero equilibrio psicofisico. Penso che questa speranza sia del tutto legittima, ma illusoria.

Di lavoro, non ne parliamo per favore

di Andrea Inglese

Parliamo di lavoro, del nostro lavoro, nelle vetrine personali di Facebook? Mi sembra poco. Le nostre esperienze lavorative, in genere, per entrare nella vetrina personale devono essere in qualche modo attraenti: un contratto ottenuto, soprattutto se prestigioso, si può celebrare in collettività ristretta.

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

Due descrizioni di quadri

  di Andrea Inglese   Una carta moschicida dorata – certo che no – (potrebbe essere un’ocra, allora, a quest’ora, che lo guardiamo molto...

Barbari in Campidoglio: cronaca di una telecronaca

di Andrea Inglese   Proprio un afroamericano ci aveva insegnato che non avremmo visto la rivoluzione in TV (Gil Scott Heron),...
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.