renata morresi


da Marco Giovenale, “Il paziente crede di essere”

7 febbraio 2016
creature-from-the-black-lagoon-poster9

Marco Giovenale

Difesa

 

Difficile si possano contare. Poi sono migliaia, centinaia di migliaia. Una fascia sterminata: sono tantissimi. Braccia e gomiti legati a difendere. Sono tutti allacciati insieme.

Corpi vincolati come facendo una cortina continua di carne.…


Leggi il seguito »

3 poesie da Habeas Corpus

28 gennaio 2016
buzz

di Pasquale Vitagliano

 

Monologo in vece di Buzz Aldrin

Mi sono fermato a lungo a pensare se
se ne debba parlare, raccontare l’esperienza unica,
sconosciuta prima e adesso irripetibile
di camminare sulla luna, sul suo suolo,
il terreno, non la terra, il suolo della luna.…


Leggi il seguito »

Varianze

19 novembre 2015
Scansione-40-copia

di Maurizio Giudice

Il foglio che non ho saputo scrivere è stato usato
per appuntare verdure e numeri di telefono.

 

 

 

Così che il silenzio non basta,
bisogna raccontarlo, indicarvelo
col dito – un rumore
ininterrotto,
fermarsi: ecco.

 

 

Materiale d’importazione ~ da DUDE MAG

8 novembre 2015
fabio pistoria ill

“L’ultima prefazione” 

 di Eric Lundgren 

Il database dell’editore deve essere vecchio di decenni, perché mi hanno chiamato in ufficio.

«Abbiamo un manoscritto», hanno detto.

«Naturalmente», ho risposto. «Ne avrete sì, ne avete sempre».

«Ci serve una prefazione. Possiamo farle avere un manoscritto con le macchie di caffè originali».…


Leggi il seguito »

( fotografie di E. S. Curtis ) e altri inediti

4 novembre 2015
curtis4

di Simone M. Bonin

Goldenrod Meadows – Piegan 1911

 

Una ti squadra la fronte con gli occhi, l’altra
ti avvolge la guancia, chiede “Che ci guardi a fare con quella macchina?”
Avranno sì e no quindici o sedici anni e i volti di chi cresce in fretta.…


Leggi il seguito »

Sul corpo della poesia di ricerca

3 novembre 2015
Stratton's_mirror_experiment_system

di Antonio Loreto

La prima edizione del Premio Pagliarani è stata vinta per la sezione della poesia edita da Soffiati via di Vito M. Bonito: un bel libro di un autore importante, niente da dire.
Rifletterei però sull’indirizzo del Premio, che il nome di Elio Pagliarani e alcune indicazioni abbastanza chiare mostravano vòlto...
Leggi il seguito »

Scanning – Il cuore in bianco e nero del “reale”

2 ottobre 2015
copertina

 

 

di Giampiero Marano

Il cuore in bianco e nero del “reale”

Mentre una moda culturale abbastanza recente sponsorizzata da alcuni filosofi e letterati predica il ritorno al “realismo”, ai “fatti”, al “senso comune”, è il caso di riflettere sulla radice ascetica dell’arte.…


Leggi il seguito »

SENTIERI PARTIGIANI SUL MONTE GRAPPA (quattro testi sul dubbio della memoria)

25 luglio 2015

di Giovanna Frene

 I. BRONZO DI AUGUSTO MURER

monumento ai denti digrignati, che non sono tutti uguali: ci sono
denti più digrignati di altri, la lirica di massa, informe, poltiglia:

 

denti paterni e superiori VS denti figliali e inferiori
denti allineati e solari VS denti aspri e intricati
– e non hanno identica Patria,...
Leggi il seguito »

da “album”, da “taccuino”

20 luglio 2015
Estación_de_Antropoides_de_Tenerife._Fotografía_Asociación_Wolfgang_Köhler.

  di Claudio Salvi

mi raccontate di quella notte che un cervo vi è saltato davanti. l’avete abbattuto ma quando siete scesi—lei si era aggrappata al sedile—il cervo era andato via. per fortuna, avete detto, non ci siamo fatti niente. ma quell’animale è morto, hai aggiunto.…


Leggi il seguito »

da “Il numero dei vivi”

15 luglio 2015
img-rineke-dijkstra

 di Massimo Gezzi

 

Due ritratti

Un tempo dovevano essere diversi,
i ritratti dei fratelli: lui in posa
contro uno sfondo prevedibile, solenne
(la torre, il castello, l’ampio arco del cielo);
l’altra stanca, dimessa, presa quasi di sghembo
in una stanza poco nobile, magari
la cucina.…


Leggi il seguito »

da “La storia, i ricordi”

11 luglio 2015
dandrea

di Gianluca D’Andrea

Trasposizione (o l’identità del poeta) 

Il fatto di essere non sussiste
esiste l’essere come un fatto
del sentire. Allora io sarà il nucleo
per cui posso essere me stesso,
non il triciclo abbandonato in strada
accanto ai bidoni ustionati.…


Leggi il seguito »

La famiglia che perse tempo

24 giugno 2015
salabelle_b

di Elena Frontaloni

Singolare, da rileggere, da ristampare: sono alcuni degli epiteti che Maurizio Salabelle, scrittore nato a Cagliari nel 1959 e morto a Pisa nel 2003, di professione insegnante, s’è guadagnato spesso negli anni passati, e che sono tornati a visitarlo con più frequenza negli ultimi mesi grazie alla...
Leggi il seguito »

Lettere della fine

18 giugno 2015
Hoitsu1


di Nadia Agustoni

 

i volti tra le frasi il poco
dei giorni succede chiaro
le parole arrivano viene il mondo
una volta erano le voci
un che di cicoria e limoni
o terra a patire
e il gas falciava i prati
in un altrove dove le spine
dove noi e...
Leggi il seguito »

Extraterrestrial activity #2: I primi uomini su Mercurio

11 giugno 2015
astronauti2

di Edwin Morgan

 – Veniamo in pace dal terzo pianeta.
Ci condurreste dal vostro capo?

– Strora bèrrae! Bèrra. Bèrra. Strorahlex?

– Ecco un modellino del sistema solare
con parti semoventi. Voi siete qui e noi
siamo laggiù, e ora noi siamo qui con voi, capite?…


Leggi il seguito »

LETTERA A UN PROFESSORE SULLO STATO DELL’EDITORIA

5 giugno 2015

di Marco  Alloni

Caro Salvatore Ritrovato,

una volta mi hai detto che la letteratura è morta e non resta che l’editoria. Il paradosso si risolve in modo elementare: la letteratura-prodotto ha soppiantato la letteratura-idea, e lo “spirito di scissione” di cui parlava Gramsci, che è la cifra stessa della letteratura come idea, ha dovuto...
Leggi il seguito »

Scuola, feticci e bugie

24 maggio 2015
detachment1

di Renata Morresi

Il riordino della scuola in atto non crea lavoro ma lo precarizza, non affronta i problemi degli alunni ma li rimanda, non riguadagna autorevolezza al sapere e alla professione docente ma accentra l’autorità. Eppure abbiamo assistito a scene di commozione alla Camera, abbracci, giubilo.…


Leggi il seguito »

Diario della baldanza

11 maggio 2015
castiglione3

Davide Castiglione

Un’oncia di sprezzo sta alla base della grandezza. Da che pulpito: il mio. Solo se alla base dello sprezzo sta un fregio di umiltà tuttavia, quale è inciso nella tavoletta che dice della campana immobile in mostra nello spiazzo mattonellato dove l’aria arriva a fermare le corde vocali della fruttivendola.…


Leggi il seguito »

Apriti sesamo

3 maggio 2015
Apriti sesamo

Musica e poesia nei luoghi d’arte della Provincia di Ancona

Sabato 9 Maggio\ Arcevia
Galleria d’arte contemporanea

“La ricerca della bellezza”

– Cristiano Godano (Marlene Kuntz)

– Giancarlo Onorato

con Luigi Socci…


Leggi il seguito »

Extraterrestrial Activity #1 : Confessione

27 aprile 2015
pulp-fiction-space-abduction1

di Bob Perelman

Gli alieni abitano la mia estetica
da decenni. Praticamente dagli anni Settanta.

Prima che iniziassi a scrivere come
il me attuale, ma giovane. Eppure

qualcosa deve essermi accaduto alla memoria,
allo spirito di giudizio – è evidente:

sono stato condizionato.…


Leggi il seguito »

Ricordi propri e d’altri. Burri e i prigionieri italiani in Texas

13 aprile 2015
hereford

di Elena Frontaloni

 Della difficile amicizia tra Alberto Burri e le “parole” dice l’artista stesso con le sue poche dichiarazioni e interviste – 3 pubblicate nel corso dell’intera sua vita  –, e dicono anche le testimonianze di critici e conoscenti (meno quelle degli amici intimi e della...
Leggi il seguito »

La cognizione dello spazio

10 marzo 2015

di Mariangela Guatteri

Non è sufficiente dire: “io non sono il corpo”. Bisogna anche realizzarlo. Non è così semplice. Bisogna non essere in preda al delirio.

L’universo è diviso in tre sistemi planetari, quello superiore, quello intermedio, quello inferiore. La Terra fa parte del sistema intermedio.…


Leggi il seguito »

TerraeMotus [voci, traccia]

21 febbraio 2015
terraemotus1

Installazione | Performance | Suoni | Visioni
Site specific | Rialto Sant’Ambrogio, Roma | 22/02/2015 – dalle ore 19
a cura di Fabio Orecchini

 °

di casa in casa, a stanare a far mambassa hanno mannaie
e tubi col gas, per amnesie ordinarie, manuali di rito ortodossi al
martirio di...
Leggi il seguito »

Audre Lorde, l’outsider

16 febbraio 2015
Audre-Lorde

di Nadia Agustoni

A pochi mesi di distanza nel 2014, sono usciti due libri di Audre Lorde, poeta americana di origine caraibica, impegnata fin dagli anni 50 su vari fronti di attivismo politico. In Italia era possibile leggerla solo in vecchie pubblicazioni underground degli anni 80 del movimento lesbico femminista, tradotta da...
Leggi il seguito »

Audre Lorde: una giornata-dibattito, una poesia

16 febbraio 2015
Audre-Lorde

Padre Figlio e Spirito Santo

Non ho mai visto la tomba di mio padre.
Non che la sentenza dei suoi occhi sia mai stata cancellata.
Né le impronte delle sue mani grosse
Sulle maniglie delle nostre porte, a sera,
Un mezzo giro ogni notte e lui veniva
Fosco degli affari del mondo
Massiccio e...
Leggi il seguito »

Light-Poetry (il tempo qui non vale niente)

12 febbraio 2015
1

testi di Mariagiorgia Ulbar
fotografie di Gaetano Bellone

 

C’era una volta

Una stanza per stare seduti
in cui io mi sdraiavo.
Da un ingresso di vetro
persone entravano e uscivano.
Io rivedo con occhi velati
e pupille che guardano dentro
primavere snervanti, erbe già marcescentiLeggi il seguito »

Along Okema Road

28 gennaio 2015
deer4

di Glen Sorestad
(trad. di Angela D’Ambra / Renata Morresi)

Scende la sera su Okema Road

I cervi coda-bianca venuti a pascolare emergono dal bosco dove
i giorni sono liberi da occhi indiscreti ed intrusioni umane.

Nella luce che recede sono insostanziali, uno con la foresta,
nel silenzio totale, apparizioni...
Leggi il seguito »

EREDITÀ ED ESTINZIONE (sette poesie)

2 dicembre 2014
Finestra01

di Giovanna Frene

 

I. Tecnica di sopravvivenza per l’Occidente che affonda

 

la sostanza è dentro l’occhio
ma l’occhio è di vetro

 

I.

si sovrappongono, sembrano a tratti coincidere, si proiettano
a poco a poco, in tutta la perfezione si curvano
mattoni di fumo, o colpe riversate
per non essere proprie, crollate
perché alte, e gonfie.…


Leggi il seguito »