Articolo precedenteUna piccola tabaccheria. 4
Articolo successivoIncontinental Jazz

Institutional Critique

Si chiama Institutional Criticism la critica delle istituzioni artistiche come pratica artistica, rivolta di solito a musei e gallerie.

I. C. apparve  nei tardi Anni Sessanta, quando gli artisti cominciarono a creare opere in risposta alle istituzioni che acquistavano e esibivano il loro lavoro. In quegli anni le istituzioni artistiche erano spesso recepite come luoghi di ‘reclusione culturale’ e di conseguenza divennero oggetto di attacchi estetici, politici e teorici.

Il movimento è rappresentato in particolare da artisti come Michael Asher, Marcel Broodthaers, Daniel Buren, Andrea Fraser, Fred Wilson and Hans Haacke.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. Come dare loro torto, è colpa proprio di queste stesse istituzioni il fallimento dell’Arte Pubblica degli anni Sessanta e Settanta negli U.S.A.. Per citare Kwon, MIT Press 2003, le gallerie proponevano negli spazi pubblici opere astratte la cui differenza tra quelle proposte nei loro spazi era la sola dimensione. Abbiamo un problema simile in Italia con la poesia: affidare a una élite di stabilire quale debba essere il gusto poetico di un tempo è accettare di buon grado un’estetica delle autorità…

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La Moneta Vivente, una proposta senza troppa modestia

di Mattia Paganelli   La Moneta Vivente, una proposta senza troppa modestia *   Adesso che ormai si sono capiti i termini della...

Come si comincia?

di Mattia Paganelli   Come si comincia? A Monologue for beginners? A Monologue on new beginnings?     Come si comincia? How does one...

The Architecture of Violence

di Mattia Paganelli Al Jazeera ha recentemente presentato un breve documentario sul ruolo dell’architettura e del territorio nel conflitto israelo-palestinese...

I Droni

di Mattia Paganelli             Due documentari usciti di recente, e in qualche modo paralleli, mi spingono a fare alcune considerazioni sulla...

Pitch

              di Mattia Paganelli, 2006-2014   Per chi non avesse dimestichezza con le regole del gioco: Pitch = campo di gioco Herd = mandria         ...

Enjoy your Poverty

Il documentario Enjoy Poverty (2008) dell'artista Renzo Martens esplora l'immagine della povertà che l'Occidente ricco ha dei paesi cosiddetti...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: