Articolo precedenteScaricare qui
Articolo successivoL’anniversaire

RADIOBAHIA: racconti per canzoni [009]

di Marco Ciriello

RADIOBAHIA: suona

“Money”
dei Gruppa Leningrad

9.
“La velina di Putin” si chiama il romanzo, è ambientato a Mosca e parla dell’America. È una storia piena di sorprese che Ernest Bishop scrive in aereo. Dentro giornate morte, ci sono: la televisione russa, la scrivania di Putin, Monica Levinski in cerca di lavoro, e soprattutto un finale unico nella storia della letteratura mondiale: quando racconta di come suo padre è diventato una piscina. E anche: pagine eccezionali sui Leningrad: un gruppo che prende in giro Putin più di Kasparov, ma i corrispondenti stranieri non lo sanno perché non ascoltano la nuova musica russa, e poi c’è Bishop tra un viaggio e l’altro, perso nei mille solitari richiami degli aeroporti. «Cammina viaggiatore, l’ultima pagina è lontana». Comincia così.

Radiobahia suona ogni venerdi all’alba sul quotidiano IL MATTINO

RADIOBAHIA: [ 001 ] [ 002 ] [ 003 ] [ 004 ] [ 005 ] [ 006 ] [ 007 ] [ 008 ]

7 Commenti

  1. Radiobahia è una sorpresa che aspetto ogni venerdi, un po’ come un dolce ( un dessert). Quando ho visto Money, ho pensato a Money dei Pink Flyod.
    Si chiama Gruppa Leningad, ed io avrei voluto ascoltare le parole in Russo.

  2. Money А деньги бывают – такое бывает,
    Такое бывает, но только не долго.
    Не храните деньги в сберегательных кассах-
    Там от них никакого толку.

    Oh, money, money…
    Oh, money, money…
    Oh, money, money, money-
    На кармане

    Хорошо, когда есть на кармане
    Эти самые – money, money,
    Когда бабки есть, тогда все путем.
    Значит снова пьем, значит снова пьем…

    Oh, money, money…
    Oh, money, money…
    Oh, money, money, money-
    На кармане

    Я скажу по секрету, между нами,
    Самое главное – money, money.
    За них сегодня можно все купить
    Их нужно тратить, а не копить.

    Oh, money, money…
    Oh, money, money…
    Oh, money, money, money-
    На кармане

  3. Allora ho ascolto una secondo volta e ho cercato le parole in russo, e non so riconoscere. La voce è un po’roca. Devo ascoltare ancora.

    Grazie Orsola per la risposta.

  4. Conoscevo il padre di Bishop, da prima che lo diventasse. Ti guardava, mite, quando perdevi l’appiglio. Potevi sprofondarci nei suoi occhi. Quando lessi il necrologio non credevo ai miei: morire per l’errore di un inserviente!
    Acido muriatico al posto del cloro. “Che le Grandi Acque ti siano lievi”. Queste le parole di Ernest, mentre lacrime defluivano, confuse col corpo martoriato di suo padre. Lasciava un enorme vuoto.

  5. ricevo da M.:

    Money fa parte dell’album Tochka – 2002 (letteralmente “Punto” in realtà nello slang Tochka è sia un luogo di prostituzione, sia un bar in cui si vende la vodka)

    E’ stata scritta dopo un caso di bancorotta a danno di piccoli risparmiatori della federazione russa: dopo aver depositato per anni i loro risparmi nelle banche, hanno perso tutto (un po’ come la Parmalat).

    I Leningrad cantano (e suonano) l’eco della confusione e del caos post sovietico. Usando slang e simboli della cultura russa. La loro protesta è molto diversa dalla nostra, perchè lo stesso concetto di protesta è diverso. Cantando di donne, soldi, e vodka… ironizzano sugli stessi stereotipi della Russia.

    I Soldi ci sono- sono cose che succedono,
    sono cose che succedono, ma non a lungo.
    Non conservate i soldi nelle casse di risparmio –
    Lì non ne caverete nessun profitto.

    Oh, soldi, soldi…
    Oh soldi, soldi…
    Oh, soldi, soldi, soldi
    nelle tasche

    E’ meglio quando stanno nelle tasche
    questi stessi soldi, soldi-
    quando ci sono i quattrini, allora tutto va per il meglio,
    vuol dire che beviamo di nuovo, vuol dire che beviamo di nuovo…

    Oh, soldi, soldi…
    Oh, soldi, soldi…
    Oh, soldi, soldi,soldi
    nelle tasche

    Vi dico in confidenza, tra di noi,
    la cosa più importante sono i soldi, soldi-
    Grazie a loro oggi si può comprare tutto,
    occorre spenderli, e non risparmiare.

    Oh soldi, soldi…
    Oh, soldi, soldi…
    Oh, soldi, soldi, soldi
    nelle tasche

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

25 aprile 2021 Canteremo ancora… [tracce di un’altra vita]

La piccola targa di ottone è ancora là, incastonata nel marciapiede, lo è stata nel silenzio e nella solitudine delle strade deserte e del lockdown. Testimonia lo stesso e rende onore a chi tomba e sepoltura non ha potuto avere.

Cucina campagnola dell’Azerbaigian

Come un video trovato per caso possa aprire un mondo, dove si cucina all'aperto, anche se fuori nevica, fra cagnolini, galline e galli baldanzosi, pecore, fiori e steccati degni di un quadro di Chagall.

Dante, che barba!

di Giovanni Boccaccio ... nelle spalle alquanto curvo, e gli occhi anzi grossi che piccoli, e il color bruno, e i capelli e la barba crespi e neri, e sempre malinconico e pensoso.

da “La stagione della strega” di JAMES LEO HERLIHY

Belle Woods, Michigan _______ Nel mio letto, 2 settembre 1969 A volte credo che mia madre ci azzecchi proprio quando mi definisce...

cinéDIMANCHE #30 JOSEPH LOSEY Mr Klein [1976]

  IL BILICO DELL'IDENTITA' Divagazioni da “Mr Klein” di Joseph Losey di ⇨ Anna Tellini Abbiamo un sacco di debiti nei confronti di...

U.S. [ Ultimi Sospiri ] MILANO 1943-1945


di Orsola Puecher

Sono storie fra due guerre, di uomini, padri e figli, di donne: nonne, madri, sorelle, zie e nipoti, numeri di tombola estratti nella sequenza di un viaggio ideale attraverso una città, fra tracce e strade di un percorso cifrato.
orsola puecher
orsola puecherhttps://www.nazioneindiana.com/author/orsola-puecher/
,\\' Nasce [ in un giorno di rose e bandiere ] Scrive. [ con molta calma ] Nulla ha maggior fascino dei documenti antichi sepolti per centinaia d’anni negli archivi. Nella corrispondenza epistolare, negli scritti vergati tanto tempo addietro, forse, sono le sole voci che da evi lontani possono tornare a farsi vive, a parlare, più di ogni altra cosa, più di ogni racconto. Perché ciò ch’era in loro, la sostanza segreta e cristallina dell’umano è anche e ancora profondamente sepolta in noi nell’oggi. E nulla più della verità agogna alla finzione dell’immaginazione, all’intuizione, che ne estragga frammenti di visioni. Il pensiero cammina a ritroso lungo le parole scritte nel momento in cui i fatti avvenivano, accendendosi di supposizioni, di scene probabilmente accadute. Le immagini traboccano di suggestioni sempre diverse, di particolari inquieti che accendono percorsi non lineari, come se nel passato ci fossero scordati sprazzi di futuro anteriore ancora da decodificare, ansiosi di essere narrati. Cosa avrà provato… che cosa avrà detto… avrà sofferto… pensato. Si affollano fatti ancora in cerca di un palcoscenico, di dialoghi, luoghi e personaggi che tornano in rilievo dalla carta muta, miracolosamente, per piccoli indizi e molliche di Pollicino nel bosco.