Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato 13

[18 immagini + lettere invernali per l’autunno; 1,2,3,4,5,6,7,8,9,10,11]

di Andrea Inglese

Cara Reinserzione Culturale del Disoccupato,

che tu sia muta, e lo sia di circostanza,
come se fosse questo
un riguardo nei miei confronti, un modo
preoccupato, quasi apprensivo,
di accogliermi, di farmi tuo ospite,
con un piacevole senso di privilegio,
di compimento, non so, non credo,
è quanto dovrebbe risultare
da un’analisi benevola dei fatti,
ma non posso, in tutta sincerità,
abbandonarmi a questa benevolenza,

che tu sia muta, è un fatto,
il perché tu lo sia, è il fatto
che tu vorresti sottintendere,
se così io lo capisco, se ti capisco bene, io,
nel tuo silenzio, ma sono
i tuoi mutismi
che io contesto,
il loro succedersi e organizzarsi,
con un loro filo, una massa,
progressivamente percepibile,
e che sfugge alla determinazione
dei tuoi pretesi sottintesi,

questi mutismi, malgrado il tuo silenzio,
fanno dottrina,
la fanno qui,
ogni volta,
di fronte a me.

Come se la mia voce da sola,
e le lettere che la sostengono, e portano
avanti nello spazio,
come se questo sforzo,
fosse vano, come se il segnale,
non fosse mai partito,
nulla di fatto, di costruito, di sottratto.

Io nel mio pieno. Nell’irriconoscibile pieno.
Non mio, di nessuno, adesso.

andrea inglese

Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ha pubblicato uno studio di teoria del romanzo L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo (2003) e la raccolta di saggi La confusione è ancella della menzogna per l’editore digitale Quintadicopertina (2012). Ha scritto saggi di teoria e critica letteraria, due libri di prose per La Camera Verde (Prati / Pelouses, 2007 e Quando Kubrick inventò la fantascienza, 2011) e sette libri di poesia, l’ultimo dei quali, Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, è apparso in edizione italiana (Italic Pequod, 2013), francese (NOUS, 2013) e inglese (Patrician Press, 2017). Nel 2016, ha pubblicato per Ponte alle Grazie il suo primo romanzo, Parigi è un desiderio (Premio Bridge 2017). Nella collana “Autoriale”, curata da Biagio Cepollaro, è uscita Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016 (Dot.Com Press, 2017). Ha curato l’antologia del poeta francese Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008 (Metauro, 2009). È uno dei membri fondatori del blog letterario Nazione Indiana. È nel comitato di redazione di alfabeta2. È il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini. 

Tags:

  7 comments for “Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato 13

  1. véronique vergé
    23 ottobre 2008 at 12:22

    Il silenzio fa male, molto male.

  2. soldato blu
    23 ottobre 2008 at 17:41

    Questa volta non ho alcun dubbio sull’immagine, Inglese.
    E ancora di meno sulla poesia.

    Quei due versi, finali.

    Finali non solo perchè sono la fine della poesia:

    “Io nel mio pieno. Nell’irriconoscibile pieno.
    Non mio, di nessuno, adesso.”

    ma anche perchè sono la fine della poesia.

    La mancanza di una lingua che ci unisce agli altri,
    ci toglie anche la possibilità di riconoscerci.
    E non siamo.

  3. nadia agustoni
    23 ottobre 2008 at 18:13

    “Come se la mia voce da sola,
    e le lettere che la sostengono, e portano
    avanti nello spazio,
    come se questo sforzo,
    fosse vano”

    Ultimamente spesso mi capita di pensare sia così.

    Molto bella anche questa n.13.

  4. 23 ottobre 2008 at 19:09

    un interlocutore muto ma, peggio, sordo.
    Sordo perchè non viene scalfito dalle parole, dal loro senso rotondo in questo tuo 13esimo arrotolarti su te stesso.

    tu sai che le tue parole non hanno destinatario, tu sai di parlare con un ente inesistente
    nel chiederti il perchè del suo silenzio, ti chiedi il perchè del tuo bisogno
    e la risposta non ha senso, non avrebbe senso, perchè non c’è una risposta
    è solo l’errare d’un “io” che si distacca e che si cerca e non si riconosce.

    questa è la mia lettura, la cosa che mi attrae “convincendomi ad abitare” le tue lettere.

  5. maria(v)
    24 ottobre 2008 at 10:11

    molto bella

  6. maria(v)
    26 ottobre 2008 at 12:50

    monologando con le lettere 12 e 13, un omaggio domenicale ;-)…

    che cosa
    al di là dello spazio e del tempo
    del superspazio del super tempo delle superstringhe
    del superuniverso infinitamente finito
    forse una spumola una spongia o soltanto
    un reticolo una specie di
    o qualche distruttura
    aliena e astratta
    aliunde ipototipotizzano

    dunque farfalle nere stelle nere costellitudine
    nigricità celeste luci buie cosmossìmori
    solitronitudine
    rallentare le stelle qualche milione
    in un ammasso globulare –
    raffreddare quell’ammasso magellanico…
    cimiteri stellari l’inimmaginario
    eppure tu parli tu scrivi tu leggi
    di ammassi globulari defunti perenti
    di cadaverità le quasi-stelle
    il quasi-cielo il quasi-cosmo il quasi-nulla
    il quasi-tutto il quasi-quasi-quasi
    quam si

    si precipita nel buco
    del culo azzurro

    (dal magnifico Gianni Toti, “strani attrattori”, Empiria Ediz)

    ;-) saluti a tutti/e

  7. franco arminio
    28 ottobre 2008 at 12:57

    caro andrea
    poesie come queste mi pare di capirle assai bene.
    un minuto per leggere questa poesia, un minuto speso assai bene.
    arminio

Comments are closed.