Anelegie brevi

di Daniele Ventre

1.

Quello che in fondo non va è che siamo ancora gli stessi
sempre gli stessi di sempre e ci incontriamo qui al bar
fra i coloniali (fra i dolci) fra i ministeriali fra i doni
oltre i condoni del tempo oltre il cacao dei bon bon
e il birignao dei pon pon e il tono appaciato e smagato
del consuntivo mancato ora che l’ultima età
e la creatività di un regime pressa -e ti stressa
senza nessuna altra via che l’obbedire a viltà
e ricordare le tue caramelle e i giochi del mostro
buono coi servi di casa -e si moltiplicano
solo i riassunti e le stesse ovvietà -già il male è banale
ben più banale del mare e del villaggio e del tour
sempre de force -e per forza che poi non è bello ascoltare
quel che la teleologia ligia racconta di te
bigia racconta di sé -la ragione un po’ monocorde
le ripetibilità che si rimasticano
e si risputano poi sul futuro senza ricordo
che gli orizzonti richiusi ora dimenticano.

2.

Ke ti dovrei risparmiare del tempo affrettato per tempo
ke ti dovrei digitare -ekko la viralità
ekko la virilità la vitalità dei kommenti
ekko la skuola okkupata et continuons le combat
-mais le debut c’est fini- rifinite le debuttanti
e ributtante anke il ballo e tikkettante il tip tap
Pettina intanto il tuo pet fra il pessimo petting dei putti
disokkupate le squillo ora preokkupano
anke la fiskalità dello Stato -attivo il bilancio
dei pagamenti del fick emolumenti del Dick
Tracy del tempo ke fu -quanto tempo ke ti risparmio
a kompitarti kol kappa anke la vita del ka.

3.

Πάντοθί μοι Τελχῖνες ἐπιτρύζουσιν ἀοιδῆς,
ventitré secoli dopo anche ci gongolano,
anche se cambia la faccia e la vittima del fattaccio,
anche se poi non è già corte d’un delta di re
ma poco più d’una stanza affollata e fitta di fumo
piena di giochi per pochi: otium, ma non degnità
(certo non quella di Vico), però degnazione parecchia-
resta comunque un bel suq d’abbreviatori del kitsch
verseggiatori del plagio, filologi di retroguardia:
io sono pure immodesto anche perché non ne ho più
altri parenti a Cirene -e non ne ho mai avuti in effetti
ma paranoie un bel po’ -giustificate però.
Restano poi le stanchezze e le disforie dell’escluso,
l’eco dell’angolo cieco e ci si logorano
nervi e ragione nel buio, sul margine senza memoria,
gli asini ragliano intanto e la zanzara è con te
fino alla fine dei tempi e fa vecchie tutte le cose,
e la malaria di quest’epoca senza perché
ronza di quel mormorio sommesso e rimane una macchia
sopra l’intonaco grigio -e la cicala non sa
altro che cedere al job e all’act e al momento precario
e sfrigolare sul lume e svaporare e that’s all.

4.

Ecco un’età degli dei coi suoi uomini mascherati
col suo bisogno d’eroi di semidei di papà
Edipo sempre irrisolto -ha scocciato l’anima dirlo-
certo la crittografia con il suo enigma ci sta
tutta e comunque a pennello -elettronico o Raffaello
Sanzio -a sanzione d’un tuo omega -l’ombra d’un tu
indecifrabile spettro antibiotico -semantema
o esantema che sia -che si contaminano
contano mine e minacce e minimi poco morali
-io sono giù di morale -etica poi non ce n’ho
da epimeteici profeti e da prometeici epifeti
epici feti del niente esili fleti nel blu
scuro degli abiti scuri e delle auto oscure ai complotti
-fra cover up men in black scie d’alchimisti e milieu
socioecolalico -Troppo difficile -non ci capisci
e non ci devi capire e non ci puoi -è il bon ton
d’oggi non farti capire e perderti lungo la strada
per segnaletica assente e delirante tom tom
che lo zio Tom non ha più la capanna -hai perso il romanzo
di formazione -E però d’informazione ce n’è
tanta perché tu non sappia sii vergine di conoscenza
bello perché addormentato -e dormizioni ce n’è
tante -da icone del nulla per nonlosofie bizantine-
bizantinismi ce n’è tanti -perfino ora qui
sotto i tuoi occhi perché ti dirò non devi capire
che ti succede alle spalle e ti nascondo da te.

5.

Eccoti un mondo di falsi patrioti e di patrie fallite
fallimentari le matrie ebbre di maternità
senza lavoro e con l’act del job -la pazienza di Giobbe
e la balena di Giona -atti di sterilità
arrotolate le tube ovariche per il contratto
per il capestro nonché per il capoccia -però
tutti si lasciano esplodere in tanto -una striscia di garza
per una striscia di Gaza e ti rimedicano
ogni ferita -E la nemesi isterica nutre le nenie
dell’abbandono di dio e si domanda il perché
-non te ne fare una croce ti trovano sempre la croce
gli altri te l’hanno già fatta altri e ti incardinano
i cardinali gli imam i rabbini in pasque di sangue
-che non esistono mai- Demoni t’abitano
troppo scontati -a buon prezzo di idee- che nemmeno c’è caso
di nominarli -né più puoi dominarli -ne più
puoi sgominarli i banditi che sgomitano per carriere
lungo il terziario avanzato e retrocesso già in Bi
Bi ventinove -fat boy, my friend -un’atomica obesa
-Serie ragioni di calcio e vitamine -è un’età
fragile l’adolescenza del mondo invecchiato -ha gli ormoni
labili -le anoressie le bulimie che innescò
qualche ragione sociale o bancaria al banco dei pegni
l’asta e l’incanto che poi l’ordine e la civiltà
battono -con martelletti da giudici gli imbonitori
svendono il buon fallimento e se l’aggiudicano.

2 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Poesia e perdita. Un’intervista di Gilda Policastro a Franco Buffoni

L'intervista-dialogo che segue nasce da un incontro di poesia, tenuto presso la scuola Molly Bloom nel 2017.   Poesia e perdita:...

Dante in love

di Marino Magliani
Se mi chiedessero di far tornare Dante da qualche parte su questa terra, mi piacerebbe fosse in Liguria, il luogo preciso non importa ...

Confini. Intervista a Francesco Tomada

di Claudia Zironi   Francesco Tomada, poeta, insegnante di materie scientifiche nella scuola superiore, abita una terra di confine, in senso...

Anatema

di Rosaria Lo Russo I miei sogni erotici sono stati ammalati dal potere   nonostante il non potere   nonostante il bello del settantasette i...

Fly Mode: Gabbia azzurrina

La prospettiva del libro Fly Mode di Bernardo Pacini è assai singolare - non appartiene a un essere che...

Francesco Brancati: “che cosa resta nascosto nel sangue”

  di Francesco Brancati     I nomi (da L'assedio della gioia)   1. Hanno tutti un nome, gli individui che conosce e che incontra ogni giorno; le...
Avatar
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).