una rete di storie festa di Nazione Indiana 2017

Nella sua storia lunga ormai ben 14 anni Nazione Indiana ha pubblicato più di 10.000 articoli di critica, racconti, poesia, traduzione di inediti e saggistica con quasi 150.000 commenti dei lettori, spesso in appassionate e agguerrite discussioni. La Redazione, composta attualmente da 25 membri, vivendo in uno spazio virtuale fra Italia, Francia, Inghilterra e America, dal 2010 ogni anno sente il bisogno di organizzare un evento festa-convegno, per calarsi nella realtà, guardarsi in faccia, sentire le voci, suscitare dibattiti dal vivo. Quest’anno ha scelto la moderna cornice della ⇨ Mediateca Montanari di Fano, che sabato 28 e domenica 29 ottobre 2017 le ha aperto i suoi spazi con grande disponibilità. L’evento UNA RETE DI STORIE, realizzato grazie alla collaborazione dell’Assessorato alla Biblioteche del Comune di Fano e della Mediateca Montanari-Memo, storie raccontate in rete, che “fanno rete” tra di loro e con il mondo, si articotla fra appuntamenti più specificamente letterari e temi di attualità. Dei numerosi redattori parteciperanno Gianni Biondillo, Francesco Forlani, Andrea Inglese, Helena Janeczek, Renata Morresi, Orsola Puecher, Jan Reister, Giacomo Sartori, Antonio Sparzani, Maria Luisa Venuta.
 
Sabato 28 ottobre alle ore 16 in RACCONTARE LA STORIA si discuterà dei rapporti fra letteratura e Storia con letture, performance e interventi multimediali e, dopo un Buffet per gli intervenuti, alle ore 21 in CALUMET VOLTAIRE cabaret letterario si avvicenderanno letture e performance, con accompagnamento e improvvisazioni musicali di Ettore Mazzoli e Fabio Strinati.
 
Domenica 29 ottobre alle ore 10.30 si parlerà de IL TRAUMA DEL TERREMOTO, un tema anche geograficamente molto vicino, dal punto di vista della storie e delle esperienze individuali, con Emanuela Baldi, Lidia Massari, Adelelmo Ruggieri e Anna Tellini.
 
Al pomeriggio alle ore 15 in STORIE DI EMIGRAZIONE, sul tema dei minori migranti non accompagnati, l’anello piu’ debole e indifeso della attuale crisi, dopo la proiezione del Documentario UNICEF, “Invisibili. Non è un viaggio, è una fuga”, ci sarà un dibattito. Il giornalista Giuseppe Acconcia, esperto di Islam e Medio oriente e il giornalista francese Olivier Favier, che racconterà della sua pluriennale esperienza accanto ai migranti e della situazione in Francia riguardo all’affido di questi bambini e ragazzi, si confronteranno con Andrea Nobili, Garante per i diritti dei minori delle Marche, regione che ha avviato da poco un progetto sull’affido.
 
In contemporanea. sempre alle ore 15, ci sarà STORIA DI UN SOGNO un evento gioioso e divertente con l’attore clown giocoliere Filippo Brunetti, dedicato ai bambini dai 3 anni in su.
 
Progetto grafico di Orsola Puecher

 
Progetto grafico di Orsola Puecher

 
CONFERMATE LA VOSTRA PRESENZA!
RESTATE AGGIORNATI SUL PROGRAMMA!

Evento Facebook

 

 

SOSTIENI LA NOSTRA INDIPENDENZA!
SOSTIENI LA NOSTRA FESTA 2017!

 


IMPORTI CONSIGLIATI:

  • €3 (è il pensiero che conta)
  • €5 (Lettore)
  • €10 (Sostenitore)
  • €20 (Bravi! Bis!)
  • €50 (Super sostenitore)
  • €100 (Mecenate)


[ Una volta fatta la donazione, confermata via mail, si verrà indirizzati al download dei file di “25 passi in file indiani” ]
 

Print Friendly, PDF & Email

7 Commenti

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Le virtù dimenticate del silenzio: i social, il covid, la guerra

di Giuseppe A. Samonà
Rifletto da anni sulla cosiddetta “rivoluzione tecnologico-digitale”, e in particolare sulla natura e la funzione dei social, sui molteplici aspetti – economici, politici, psicologici, estetici, relazionali etc. – che ne governano il meccanismo...

La scrittura “non originale” di Fabrizio Venerandi

di Andrea Inglese
Nel 2011 escono negli Stati Uniti due libri che costituiranno un punto di riferimento a livello internazionale per quanto riguarda la poesia di ricerca e in particolar modo per quella che viene chiamata “scrittura concettuale”: "Against expression" e "Uncreative Writing"...

Su “Noi” di Alessandro Broggi

di Andrea Inglese
Il primo pregio del nuovo libro di Alessandro Broggi, "Noi", uscito nel 2021, è di non assomigliare a nessun libro in circolazione. È probabile attendersi qualcosa del genere da un autore che è stato a ragione etichettato “poeta di ricerca”...

“Don’t look up”, o come abbiamo tergiversato di fronte al mutamento climatico

di Andrea Inglese
In "Losing Earth", Nathaniel Rich ricostruisce la storia del decennio (1979-1989) che ha visto emergere l’allarmante verità sul riscaldamento climatico all’interno delle istituzioni scientifiche e politiche internazionali, e che si è concluso con un nulla di fatto...

Una Francia altrove da Parigi

di Andrea Inglese
Io ero in piedi, in una situazione di leggero vantaggio; loro, mia figlia e mia moglie, sedute, ma ciò nonostante spavalde – perché con me sono quasi sempre spavalde – e mia moglie mi ha chiesto con l’aria ingenua: “Ma tu, ormai, dopo tutti questi anni, ti sentirai anche un po’ francese?!”

Umanisti del nuovo secolo e sottomissione tecnologica

di Andrea Inglese
Da anni è in atto un esperimento di massa da parte di soggetti privati e pubblici, ma è di natura biometrica e politica, ed esso non avviene attraverso la propaganda frontale delle TV e della carta stampata...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: