Articoli con tag ‘ poesia ’

La borsa di Shaima El Sabbagh

Pubblicato da
2
27 gennaio 2015
La borsa di Shaima El Sabbagh

Una lettera in borsa

di Shaima El Sabbagh, attivista e poetessa egiziana, uccisa dal regime il 24 gennaio mentre portava fiori rossi a piazza Tahrir, per ricordare l’anniversario delle rivolte del 2011

Non sono sicura

Davvero, non era altro che una borsa

Ma da quando l’ho persa, sono guai

Come affrontare il mondo...
Leggi il seguito »

Il mio bambino

Pubblicato da
7
13 gennaio 2015

di Francesca Genti

mi ha detto di quella volta
che era un pesciolino nel mare di Norvegia
e andava veloce nella corrente
con gli altri pesciolini suoi fratelli
di qua e di là per l’oceano Atlantico
e nel mare di Barents vedeva i fiordi
prendeva in giro le balene e se si arrabbiavano
scappava fino...
Leggi il seguito »

Avrei fatto la fine di Turing

Pubblicato da
9 gennaio 2015

di Franco Buffoni

Avrei fatto la fine di Alan Turing
O quella di Giovanni Sanfratello
In mano ai medici cattolici
Coi loro coma insulinici
E qualche elettroshock.
Perché era un piccolo borghese
Il mio padre amoroso
Non si sarebbe sporcato le mani.…


Leggi il seguito »

Essendo il dentro un fuori infinito #4

Pubblicato da
23 dicembre 2014
Essendo il dentro un fuori infinito #4

di Mariasole Ariot

 

Il carico di rottura di una ragnatela è confrontabile a quello dell’acciaio. Differisce solo per densità.
Nella caduta l’animale sputa il filo che lo porta al punto del desiderio,
poi risale alla partenza, avanza di un passo,
cade nuovamente e ricomincia.…


Leggi il seguito »

Le belle stagioni

Pubblicato da
6
22 dicembre 2014

di Franz Krauspenhaar

 

da: WINTER  (INVERNO)

2

Sai, sono di una città di fiume,
mio nonno mi amava tanto
ma non mi vide mai, solo
io nel tempo vedo morti
che stanno accanto a me,
le mani che quasi  toccano le mie.…


Leggi il seguito »

Stanze di confine

Pubblicato da
2
20 dicembre 2014

di Emilio Rentocchini

2

A gh’è del gran sgumèdi in gir per l’èra
mèsa sfaltèda e mèsa a prê, la lus
ch’la tàca a tavanèr tra tèra e gèra
la s’ingróggna ogni tant e la s’ardùs
davanti a n’èla scura ch’la la sèra
e a fa sintìr al cèr d’èsers intrùs
in óna guèra a ósta.…


Leggi il seguito »

Nove poesie

Pubblicato da
2
18 dicembre 2014

di Giorgio Ghiotti

La borghesia a perso
ho letto sul muro
di una sperduta stazione
cremasca. Futuro
che con occhio diverso
ci osservi, da lontano
viene l’amore, dalla mano
del ragazzo che ha mancato
un verbo, caduto in errore,
è la prova che abbiamo
tutti perso.…


Leggi il seguito »

Poesie da La voce delle cose

Pubblicato da
1
6 dicembre 2014

di Carla de Falco

la secca

tra carcasse arancio di granchi
le cui chele sono inutili per sorte
cammino a passo fermo e piedi nudi
lungo una cerniera limacciosa.
una lunga, umida ferita
tra due franti, lacerati lembi azzurri:
uno torna vinto alla sua terra
l’altro vola libero alla vita.…


Leggi il seguito »

Da “Canti di un luogo abbandonato”

Pubblicato da
1
5 dicembre 2014
Da “Canti di un luogo abbandonato”

di Azzurra D’Agostino

Chi era qui, chi zappava e mungeva
chi insomma c’era non l’avrebbe voluto
il crollo del fienile e neanche, inutile dire,
questo scrostarsi di pareti, la gramigna
tra le fessure del selciato e tutto sommato il mondo
l’intero mondo spopolato.…


Leggi il seguito »

EREDITÀ ED ESTINZIONE (sette poesie)

Pubblicato da
5
2 dicembre 2014
Finestra01

di Giovanna Frene

 

I. Tecnica di sopravvivenza per l’Occidente che affonda

 

la sostanza è dentro l’occhio
ma l’occhio è di vetro

 

I.

si sovrappongono, sembrano a tratti coincidere, si proiettano
a poco a poco, in tutta la perfezione si curvano
mattoni di fumo, o colpe riversate
per non essere proprie, crollate
perché alte, e gonfie.…


Leggi il seguito »

Compleanno della mela

Pubblicato da
2
29 novembre 2014
Compleanno della mela

di Fernanda Woodman

 

COMPLEANNO DELLA MELA

eccola di nuovo
che insegue la sua musa
e litiga con lei
per un etto di mentine

ma al compleanno della mela

arriveranno insieme
e campanelli dappertutto
suoneranno una marcia
che vuole dire Verde e Fuoco

(aria che smuove luce sui muri delle case
e un gatto le insegue)

per ogni lembo della...
Leggi il seguito »

Dei resti: Matteo Maria Orlando e Beniamino Servino

Pubblicato da
4
28 novembre 2014
Dei resti: Matteo Maria Orlando e Beniamino Servino

Quando ho ricevuto i testi di Matteo, giovane poeta, ho pensato di chiedere ad un architetto come Beniamino Servino di agire in controcanto con una sua creazione  e con mia grande gioia ha accettato. effeffe

Crolli

di

Matteo Maria Orlando

 

Questo è tutto quello che rimane
un...
Leggi il seguito »

Andata/ritorno

Pubblicato da
26 novembre 2014
Andata/ritorno

(prose da Oggettistica)

di Marco Giovenale

 

Vimeo è molto pulito.

Vimeo è molto più pulito.

Anche se i crampi e l’intermittenza.

Ma queste sono cose del corpo, che c’entra.

Bisogna scommettere il giusto e sulla tecnica giusta.

Un trucco è guardare i contorni.…


Leggi il seguito »

La metrica dopo la metrica

Pubblicato da
25 novembre 2014

La metrica dopo la metrica
Università degli studi di Padova
27-28 novembre 2014
aula delle edicole, Piazza capitaniato 3, Padova

Programma:

GIOVEDÌ 27 NOVEMBRE

PIER VINCENZO MENGALDO: Introduzione

PRIMA SESSIONE: LUCA ZULIANI
15.30-15.50 PAOLO GIOVANNETTI (IULM, Milano): “Tra Contini e Raboni: le costrizioni (storiche) del verso libero”
16.00-16.20 GIACOMO MORBIATO (Università di Padova): “Verso una metrica...
Leggi il seguito »

Il leprotto marino

Pubblicato da
21 novembre 2014
Il leprotto marino

da: Nei boschi. Poesie dalle fiabe dei Grimm (Edizioni SUI, 2014).

A cura di Elisa Biagini

Immaginate una principessa che proprio non ne vuole sapere di prendere marito, a meno che non sia tanto abile da arrivare a lei senza farsi scoprire.…


Leggi il seguito »

Essendo il dentro un fuori infinito #3

Pubblicato da
8 novembre 2014
Essendo il dentro un fuori infinito #3

di Mariasole Ariot

In una casa hanno tutti la febbre. “Ici c’est les malades
qui soignent les malades”, mi disse una donna.
Vincent Van Gogh

Lei cura la febbre da venti giorni, è morta da sette, spreme le limacce coi canini, le cola sul mento una bava.…


Leggi il seguito »

Francesco Targhetta, Le cose sono due – Premio Ciampi «Valigie Rosse» 2014

Pubblicato da
21 ottobre 2014
Francesco-Targhetta

di: Francesca Fiorletta

Come molti dei migliori poeti suoi coetanei, Targhetta accompagna alla denuncia la rappresentazione, o meglio denuncia rappresentando, e lo fa con una fedeltà al reale e una salutare ingordigia di particolari che raramente – e la cosa può risultare curiosa – avviene...
Leggi il seguito »

da Il passaggio del tempo

Pubblicato da
18 ottobre 2014

di Maddalena Vaglio Tanet

Lungo Skalitzerstrasse tornavo una sera,
le foglie bagnate come corpi di lumaca
coprivano l’asfalto nuovo della strada.
A passo lento accanto ai prati,
alla loro capigliatura d’erba rada,
cercavo di vedere la volpe di città
che una volta in pieno inverno
incontrasti a tarda notte,
i fari contro gli...
Leggi il seguito »

Essendo il dentro un fuori infinito #2

Pubblicato da
11 ottobre 2014
Essendo il dentro un fuori infinito #2

di Mariasole Ariot

Il pazzo, questo gran pesce scrollato,
cui si fa spalancare la bocca a forma di sì.
F. Leuret

 

Faheem nuota nel corridoio da millenni.
Alle tre di notte mi sveglia, rovista tra i capelli, danza con le mani appese al collo, prende le mie,
le stupisce di una...
Leggi il seguito »

Roberta Durante, da: Balena

Pubblicato da
10 ottobre 2014
Roberta Durante, da: Balena

di: Roberta Durante

testi tratti da Balena
Edizioni Prufrock spa, 2014

11

brilla se parla o canta
strilla se sa che manca muta bisbiglia
arranca la sua vocale ferma risale
aleggia nel suo silenzio il suono spento
aggiunge pochi rumori ai suoi fuochi
brucia rauca balena in...
Leggi il seguito »

Un testo scritto da un altro

Pubblicato da
7 ottobre 2014

di Mariasole Ariot                                                                                                                                                                       A  f.t.

Di cosa è fatto un desiderio quando cade [ nelle ore diurne se non c’è pianura ], quel dire tu non
riesce ad affrettare, piega il niente sui nomi, verrà l’impossibile rientrare Continua a leggere »

Poesie da Traviso

Pubblicato da
4 ottobre 2014

di Alberto Cellotto

2.
Segue, la sodaglia dell’inverno
il ghiaccio rotto nelle pozze
e l’aria sa con l’ora dei posti dove
mai sono stato, quegli
unici dove ho
davvero sostato,
eterno.…


Leggi il seguito »