La vittima, la memoria, l’oblio

Pubblicato da
28 novembre 2008

di Christian Raimo

Nello spento dibattito politico italiano, ossia in quel palcoscenico sfasciato che può venir occupato per giorni da un dito medio di Bossi, da una caduta dal gommone di D’Alema o dagli apprezzamenti di Berlusconi per una schermidora olimpica, c’è forse un tema meno farsesco che ha carsicamente attraversato gli ultimi mesi,...
Leggi »

R.V.P. (ricevo volentieri pubblico)

Pubblicato da
28 novembre 2008
R.V.P. (ricevo volentieri pubblico)


Poesia
di
Franco Arminio

il nodo
l’unghia di vetro
il cane nero
la melma fossile
insomma la cosa
che di noi è più dentro
più nascosta
inarrivata
inarrivabile
la cosa che neppure dio vede
come la parete del cuore
che sfugge ai medici
come la neve che non cade
e non si...
Leggi »

La salute è uguale per tutti

Pubblicato da
27 novembre 2008

Curare gli indigenti, soprattutto i bambini, è un dovere deontologico per tutti i medici, ma è un imperativo etico per un paese civile.
Non cancelliamo con un decreto un diritto costituzionale

…” chi di questi ti sembra stato il prossimo di colui che fu ferito dai briganti ?”
Quello rispose “chi ha avuto compassione...
Leggi »

L’albero delle mele bianche. Storie fantastiche di Simona Dimitri

Pubblicato da
27 novembre 2008

di Francesca Matteoni

L’albero delle mele bianche è un quadretto dipinto su legno che ho appeso in camera, sopra la mensola dei vecchi giocattoli. L’albero ha una chioma rossa, su uno sfondo rosa acceso, fiorisce di piccoli frutti bianchi.
È un’illustrazione di Simona Dimitri.…


Leggi »

La vera natura dei personaggi romanzeschi. Appunti sul romanzo storico [2 di 2]

Pubblicato da
27 novembre 2008
La vera natura dei personaggi romanzeschi. Appunti sul romanzo storico [2 di 2]


di Leonardo Colombati

5.
Il rischio dell’allegoria

Quando leggiamo la storia per la prima volta, è come se aprissimo un romanzo intonso.

Nel 1751, all’età di quattordici anni, Edward Gibbon entrò nella biblioteca scolastica e gli capitò sottomano un volume della storia romana di Echard in cui venivano narrate le vicende dell’Impero dopo...
Leggi »

Wow!- Howard Jacobson

Pubblicato da
26 novembre 2008
Wow!- Howard Jacobson

Da qualche tempo una ossessione abita le mie riflessioni sulla letteratura e sugli autori. Certo, lo stile, i personaggi, le storie, il senso ultimo di una creazione letteraria e la lingua che i pensieri parleranno, ritengo siano questioni imprescindibili per chiunque tentasse di penetrare il mistero della scrittura.…


Leggi »

Fonogrammi

Pubblicato da
26 novembre 2008

Fonogrammi, #2: Marco Giovenale

sabato 29 novembre, ore 21:00, Roma

presso Il Cantiere, Via Gustavo Modena 92 (Trastevere)

Fonogrammi

-suono-voce-poesia-

ciclo di incontri a cura di CarneCeleste…


Leggi »

La lingua batte dove il dente duole

Pubblicato da
25 novembre 2008
La lingua batte dove il dente duole


di Andrea Bajani

Sarà per deformazione professionale, o forse soltanto per via di una casuale fortuna dentaria, ma insomma di fronte all’espressione “la lingua batte dove il dente duole” non ho mai pensato a bocca e gengive. Piuttosto, in maniera più o meno istintiva, mi ha sempre fatto venire in mente la letteratura...
Leggi »

Ah, non parlatemi della Duncan!…

Pubblicato da
25 novembre 2008

di Anna Tellini
Seduto nel secondo palco di prima fila della soffocante sala del teatro Malyj di San Pietroburgo, Rozanov assiste a un’esibizione di Isadora, impegnata in una delle sue numerose tournée in Russia, e anche senza binocolo può vedere distintamente tutti i dettagli.
Leggi »

Le strade che portano al Fùcino

Pubblicato da
24 novembre 2008

Oggi alle ore 18:40, Roma

Andrea Cortellessa e Gilda Policastro presentano:

Tommaso Ottonieri, Le Strade che portano al Fucino («fuoriformato», Le Lettere)
e Dalle memorie di un piccolo ipertrofico (No Reply)

A seguire performance live di Tommaso Ottonieri

Piazza dell’Orologio, 3 – tel.…


Leggi »

Corde del sogno

Pubblicato da
24 novembre 2008
Corde del sogno

di Franz Krauspenhaar

Nel pensiero vagante scendo sotto, addormentato la testa, abbandonata, come sepolta. Sono teso con le mani attaccate alle corde del sogno, che si spalanca da una botola di palco. Attaccato alle corde tiro forte, le mani aperte, graffiate, stando con i piedi piantati a terra, uno dietro l’altro.…


Leggi »

Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato 17

Pubblicato da
24 novembre 2008
Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato 17

di Andrea Inglese

Cara Reinserzione Culturale del Disoccupato,

le mie relazioni sociali che stanno
così bene al di fuori di me così
ben al di sopra

le mie relazioni sociali...
Leggi »

La carovana antimafie arriva in Lombardia

Pubblicato da
24 novembre 2008
La carovana antimafie arriva in Lombardia

Amiamo viaggiare, vedere, scoprire, per questo abbiamo iniziato un viaggio appassionante e pericoloso, difficile ma entusiasmante. Con questo slogan partiva nel 1994 la prima Carovana Antimafia promossa dall’ARCI Sicilia, due anni dopo le stragi Borsellino e Falcone, che avevano scosso le coscienze e creato un forte fronte antimafia.…


Leggi »

della serie: femmine toste (le pupe)

Pubblicato da
23 novembre 2008

di
Donata Amico

Da bambina ho assistito a numerosi spettacoli dell’Opera di pupi.
Ne conosco i personaggi femminili anche per lo studio dei canovacci autografi del puparo Raffaele Trombetta, mio bisnonno, e per le favole cavalleresche raccontatemi da mia nonna Giuseppina Trombetta Amico (1892-1990), figlia di una figlia di Gaetano Crimi...
Leggi »

ANIMAzioni#04: “Kafka” [1991] di Piotr Dumała

Pubblicato da
23 novembre 2008

«un’immagine della mia esistenza sarebbe una pertica inutile, incrostata di brina e di neve, infilata obliquamente nel terreno, in un campo profondamente sconvolto, al margine di una grande pianura, in una buia notte invernale»

Franz Kafka, Confessioni e Diari (1972), Mondadori, Milano, a cura di Ervino Pocar

Continua a leggere »

L’interesse è usura

Pubblicato da
23 novembre 2008

di Pino Tripodi

Interesse zero e nuove forme d’usura.
Che differenza c’è tra interesse e usura? Dal mio punto di vista nessuno. Cambiano certo le forme e i tassi dell’usura, ma dal punto di vista concettuale non vi è alcuna differenza.…


Leggi »

Non è Esenin

Pubblicato da
23 novembre 2008

La canzone è “Peremen!” (Cambiamenti!) dei Kino, gruppo rock sovietico degli anni ottanta. Il video (guardatelo a schermo pieno) è la chiusa, con titoli di coda, di “Assa” di Sergei Solovyev, il film simbolo della cinema della glasnost – un film definito postpunk, tra le altre cose.…


Leggi »

Ricercatori, trovatori e ricercati

Pubblicato da
22 novembre 2008
Ricercatori, trovatori e ricercati

di Tommaso Pippucci

Credo fermamente che sia da smitizzare la sciocca diceria che vuole che in Italia politica e ricerca non vadano a braccetto. Si tratta davvero di un increscioso malinteso, dacché la politica italiana foraggia cospicuamente, da sempre e con convinzione, la ricerca.…


Leggi »

VULCANO + Manifesto : Roberto Donatelli

Pubblicato da
22 novembre 2008
VULCANO + Manifesto : Roberto Donatelli

Quella mattina era passato da vulcano, aveva ordinato tre fulmini con lo sguardo, gli aveva chiesto urgenza, adesso si rimboccava la giacca, si aggiustava i capelli, le mani leggermente umide facevano da gel, si sedette, accavallò le gambe la testa all’indietro aspettava il suo turno.…


Leggi »

Dentro le mura, fuori dalle mura

Pubblicato da
21 novembre 2008
Dentro le mura, fuori dalle mura

di Giuseppe Zucco

Solo l’amare, solo il conoscere
conta, non l’aver amato,
non l’aver conosciuto.
(Pier Paolo Pasolini, Il pianto della scavatrice)

1. Premessa in forma di domande
Come immaginiamo oggi La Scuola?
Che tipo di immagine mentale si impadronisce di noi quando ci riferiamo a banchi, lavagne, zaini, manuali e ragazzi/e?…


Leggi »

Juke-box: Come writers and critics…

Pubblicato da
21 novembre 2008

di Antonio Sparzani

Sommesso contributo – da Bob Dylan – al dibattito in corso su scrittori e critici. La seconda strofa in particolare, ma anche il resto non scherza:

The Times They Are A-Changin’

Come gather ‘round people
Wherever you roam
And admit that the waters
Around you have grown
And accept it that...
Leggi »

A gamba tesa: nessuno tocchi la Biblioteca di Sarajevo

Pubblicato da
21 novembre 2008
A gamba tesa: nessuno tocchi la Biblioteca di Sarajevo

Neve nera
di
Azra Nuhefendic

La buona notizia: stanno per restaurarla. La cattiva: la stiamo perdendo di nuovo.

Il Consiglio municipale di Sarajevo ha deciso di iniziare il restauro della Biblioteca Nazionale e Universitaria, meglio conosciuta come la Vijećnica. Le autorità hanno stabilito che in futuro, il palazzo non ospiterà come un tempo la biblioteca,...
Leggi »

E’ festa!

Pubblicato da
20 novembre 2008
E’ festa!

un consiglio di Gianni Biondillo

Questo fine settimana artisti, scrittori, registi, architetti, fotografi, ma soprattutto, associazioni culturali, frequentatori della rete, oratori, biblioteche, scuole, campi sportivi e gli abitanti dei quartieri Bovisa e Quarto Oggiaro fanno una festa.
L’abbiamo chiamata MilanOpen.…


Leggi »

La vera natura dei personaggi romanzeschi. Appunti sul romanzo storico [1 di 2]

Pubblicato da
20 novembre 2008
La vera natura dei personaggi romanzeschi. Appunti sul romanzo storico [1 di 2]


di Leonardo Colombati

1.
Ombre in cammino

In un gelido pomeriggio invernale del 1841 una folla si radunò al porto di New York per chiedere ansiosamente ai passeggeri di una nave proveniente da Londra se una certa Nelly fosse morta. In America non era ancora stata pubblicata l’ultima puntata del feuilleton La bottega...
Leggi »

Triptyque delle tre P – Piemontese (Felice), Petrova (Alexandra), Pasquale (Vitagliano)

Pubblicato da
19 novembre 2008
Triptyque delle tre P – Piemontese (Felice), Petrova (Alexandra), Pasquale (Vitagliano)

“dico, basta pensare di essere immortali,
diceva, anche se sappiamo benissimo che non è”
Felice Piemontese

“Ti hanno licenziato e allora? La libertà non è un cappotto, non si consuma,
à propos, hai visto il mio? Ecco – vedi – non piango!”
Alexandra Petrova

“Vincenzo Cuoco
Non gli impedì
Di finire impiccato
Al suo...
Leggi »

Sibille asemantiche

Pubblicato da
19 novembre 2008
Sibille asemantiche

[Le sibille asematiche proposte sono complanari all’affaire «Allegoria», generatosi da questo articolo di Cortellessa. Segnalo i contributi di Donnarumma, Policastro, Inglese, Milani, Rizzante, Morelli e Casadei. Rimetto in circolo anche alcuni interventi, esemplari nella loro forma-commento, come quello...
Leggi »

Bill Viola. Spettri

Pubblicato da
19 novembre 2008

di Antonella Anedda

“C’erano spettri tornati sulla
terra per sentire le sue frasi…./
C’era chi tornava per sentirlo leggere il poema della vita/ della pentola sulla stufa, la brocca sul tavolo, i tulipani…”

La poesia Large red man reading di Wallace Stevens ci parla di morti che tornano per ascoltare un uomo (forse lo stesso poeta,...
Leggi »


indiani