Class enemy : Kant torna in cattedra

Pubblicato da
1
1 novembre 2014
Class enemy : Kant torna in cattedra

di Mattia Maistri

L’opera prima di Rok Bicek ha una trama piuttosto semplice: un professore di tedesco, Robert Zupan, sostituisce una collega in congedo di maternità in un liceo sloveno.
Da quel momento in poi, tutto il film ruota attorno al difficile rapporto tra l’uomo e la classe, esasperato dal tragico suicidio di...
Leggi il seguito »

Non perdiamo la testa. Il doveroso e vano tentativo di difendervi da Allam e le firme de Il Giornale

Pubblicato da
1 novembre 2014
IT-24Z

di Lorenzo Declich

E’ venerdì 24 ottobre, ho fatto una ricerchina su “Non perdiamo la testa” partendo dalla copertina, su cui si trova scritto “Controcorrente.it”.

Trattasi di un editore che promuove in questi giorni “Eurasia, Vladimir Putin e la Grande Politica” di Alain de Benoist e Aleksandr Dugin.…


Leggi il seguito »

Sinistra_hegeliana #1 Piccolissimo

Pubblicato da
31 ottobre 2014
Sinistra_hegeliana #1     Piccolissimo

di Jamila Mascat

Adorno rinfacciava a Hegel di non nutrire nessuna “simpatia per l’utopia del particolare (für die Utopie des Besonderen), sotterrato sotto l’universalità”. Eppure le tante e variabili declinazioni del rapporto tra la parte e il tutto – la scissione, la contraddizione, la mediazione, la conciliazione, per ricordarne...
Leggi il seguito »

Assioma 10: la gita a Seul: sui compiti attuali della critica letteraria

Pubblicato da
31 ottobre 2014

[L’assioma 7 già postato qui; da Letteratura e controvalori. Critica e scritture nell’era del web, Roma, Donzelli, 2014.]

di Alberto Casadei

1. Con lo scopo di individuare valori estetici non scontati, la critica artistica, e in particolare letteraria, nasce tra Sette e Ottocento. Almeno fino agli anni settanta del XX secolo, l’intreccio di opera e poetica è sembrato indispensabile, così come il dialogo o lo scontro autore-critico. Persino la distinzione fra il versante accademico-storico-filologico e quello militante-attualizzante è stata in molti casi superata, prima in virtù di una contiguità in circoli letterari di grande autorevolezza (per esempio le Giubbe Rosse a Firenze), poi di una connessione sul terreno della teoria letteraria (per esempio durante la stagione strutturalista e semiotica). Continua a leggere »

Numanzia non può morire!

Pubblicato da
5
31 ottobre 2014
Numanzia non può morire!

di Nicola Fanizza

 

La decisione del governo turco di chiudere la frontiera con la Siria mi ha fatto andare con la mente alla rivolta che nel 1863/64 investì il «Regno del Congresso» – così era chiamata quella parte della Polonia che nel 1815 si era deciso di assegnare ad...
Leggi il seguito »

Sul decentramento. Qualche ipotesi di applicazione dentro e fuori la traduzione

Pubblicato da
30 ottobre 2014

di Ornella Tajani

 

Tradurre è come andare in analisi, solo che costa di meno, scrive Henri Meschonnic. Probabilmente ha ragione, ma in realtà già leggere le sue opere di linguista e critico della traduzione, provando a spostarsi dalla traccia teorica all’esempio pratico, presenta difficoltà simili a quelle di un percorso terapico, nel momento in cui...
Leggi il seguito »

Su “Parole di Elisa” di Marco Mazzi

Pubblicato da
2
29 ottobre 2014

Di Alessandro De Francesco

Parole di Elisa è un libro importante, che dev’essere segnalato, letto e meditato. Parole di Elisa è frutto di ore di dialogo registrato tra l’autore, che si definisce in realtà “curatore” per sottolineare l’a-soggettività...
Leggi il seguito »

Roger Casement. Il colonialista ribelle amato dagli scrittori

Pubblicato da
29 ottobre 2014
Casement


di Davide Orecchio

Rare esistenze scintillano oltre la morte materiale e, mostrandosi nella chiarità di un aspetto biografico oversize, contaminano altre vite, costringono all’ascolto, al ricordo e al racconto. C’è davvero chi col morire s’incapsula in un’epica già commestibile perché uno di noi ubbidisca al piacere della testimonianza e prenda a trasmettere finché altri...
Leggi il seguito »

Miti Moderni/2: Il dovere della lamentela

Pubblicato da
28 ottobre 2014
Garry Winogrand, Women are beautiful

Garry Winogrand, Women are beautiful

di: Francesca Fiorletta

Si sa, siamo tutti figli della grande umanità che si lamenta. Chi non si è mai lamentato, scagli la prima pietra. Lamentarsi è certamente un diritto, ma ancora più spesso sembra diventato un dovere.…


Leggi il seguito »

Mario Negri. La solitudine dello scultore

Pubblicato da
1
27 ottobre 2014
Mario Negri. La solitudine dello scultore

Al lavoro nello studio di via Stoppani a Milano (1969, foto di Arno Hammacher)

di Gianni Biondillo 

C’è sempre stato un prima e un dopo per te, Mario. Niente terre di mezzo, niente compromessi, zone ambigue. Un taglio netto: prima, dopo.…


Leggi il seguito »

cinéDIMANCHE #02 JAN ŠVANKMAJER “Qualcosa di Alice”

Pubblicato da
0
26 ottobre 2014
alice-svankmajer


"Usa l’animazione come fosse un’operazione magica. Animare non significa far muovere cose inanimate, ma infondere loro la vita. O meglio ancora: risvegliarle alla vita. Prima di infondere la vita in qualche oggetto del film, prova a comprenderlo."
Leggi il seguito »

900fest Festival Europeo di Storia del Novecento

Pubblicato da
0
26 ottobre 2014

cropped-copertina

900fest.com

Il progetto 900fest, il cui comitato scientifico è coordinato dal prof. Marcello Flores, nasce dalla comune considerazione della necessità di un costante approfondimento storico, accompagnato da un lavoro sulla memoria, di ciò che è successo nel secolo scorso in Europa Continua a leggere »

Quei bravi ragazzi

Pubblicato da
25 ottobre 2014
Quei bravi ragazzi

di Jamila Mascat

She knows there’s no success like failure

And that failure’s no success at all
(Bob Dylan, Loves minus Zero)

 

 

 

Qualcuno giorni fa mi ha rimproverato per essere arrivata con un quarto d’ora di ritardo, imputando alla “sinistra” un’allergia congenita alla...
Leggi il seguito »

Il sex appeal degli scrittori: Giacomo Leopardi (e Carver)

Pubblicato da
25 ottobre 2014
Il sex appeal degli scrittori: Giacomo Leopardi (e Carver)


di

Francesco Forlani

 

«Così ho pensato di andare verso la grotta,
in fondo alla quale, in un paese di luce,
dorme, da cento anni, il giovane favoloso»
Anna Maria Ortese

 

C’è un sito in Italia, in cui è possibile...
Leggi il seguito »

Mos Maiorum: connotazioni ideologiche di un’operazione di polizia

Pubblicato da
2
24 ottobre 2014

di Filippo Furri

Mentre il panico da contagio invade per l’ennesima volta un occidente vittima dei suoi anticorpi e della speculazione farmaceutica, e il virus Ebola non ha ancora raggiunto le 5000 vittime, un centesimo di quelle prodotte ogni anno dall’influenza ; mentre la corte d’appello di Palermo assolve i due comandanti dei pescherecci tunisini...
Leggi il seguito »

Les infréquentables: Dominique de Roux

Pubblicato da
24 ottobre 2014
Les infréquentables: Dominique de Roux

da Immédiatement

di

Dominique de Roux

traduzione di Francesco Forlani

 

A force de me faire traiter de fasciste j’ai envie de me présenter ainsi : moi, Dominique de Roux, déjà pendu à Nuremberg.

A furia di farmi trattare da fascista mi è venuta la voglia di presentarmi così: io, Dominique de Roux, già...
Leggi il seguito »

Baby Blues

Pubblicato da
1
23 ottobre 2014
Baby Blues

di Martina Betti

7:28

Gli occhi sono appiccicosi al risveglio.
Braccia e gambe sembrano tubi di gomma allacciati all’addome gonfio e sporgente.
Le mie dita portano sempre la sua nuca moscia: lei non può reggere da sola la sua testa.
L’altro braccio solleva il resto del corpo: accosto la bambina...
Leggi il seguito »

Giuliano Mesa: Nunc stans

Pubblicato da
23 ottobre 2014
Giuliano Mesa: Nunc stans

di Biagio Cepollaro

Pubblico qui la parte iniziale di Nunc stans. poemetto di Giuliano Mesa che lessi nell’ ambito della rassegna Tu se sai dire dillo 2014. Una prima documentazione di quella rassegna, a proposito di Paola...
Leggi il seguito »

Assioma 7: Lettori e no

Pubblicato da
22 ottobre 2014

[Presentiamo un primo stralcio da Letteratura e controvalori. Critica e scritture nell’era del web, Roma, Donzelli, 2014.]

di Alberto Casadei

1. Nell’Italia di oggi, uno dei problemi principali per l’affermazione di opere letterarie di valore è la mancanza di un pubblico adatto a sostenerle che sia non solo preparato ma anche numericamente ampio.

2. Nel campo di forze culturali attuale, il primo modo per ridurre all’insignificanza autori e opere interessanti è quello di poterne constatare la scarsa o irrisoria diffusione: se di un buon poeta si vendono cento copie, la sua presenza nel campo di forze è ipso facto pressoché nulla. Ogni considerazione più raffinata è ritenuta inutile, o al massimo consolatoria per circoli ristretti di cultori. Continua a leggere »

La resistenza e la rivoluzione a Kobane (e dintorni)

Pubblicato da
21 ottobre 2014
Sax Blog post

di Lorenzo Declich

La cittadina curdo-siriana di Kobane è stata sotto assedio per più di un mese.

A combattere erano gli assalitori di Daesh (IS, Stato islamico, Daesh, ISIS, ISIL chiamateli come volete), e i difensori curdi e arabi: YPG/YPJ e brigate dell’Esercito Siriano Libero.…


Leggi il seguito »

Fortemente intrecciare terra e cielo: Paola Febbraro

Pubblicato da
4
21 ottobre 2014
Fortemente intrecciare terra e cielo: Paola Febbraro

di Viola Amarelli

Paola Febbraro

);" >Tu se sai dire dillo 2014. Una della serate era dedicata alla poetessa prematuramente scomparsa Paola Febbraro (1956-2008). Grazie a lei,...
Leggi il seguito »

Francesco Targhetta, Le cose sono due – Premio Ciampi «Valigie Rosse» 2014

Pubblicato da
5
21 ottobre 2014
Francesco-Targhetta

di: Francesca Fiorletta

Come molti dei migliori poeti suoi coetanei, Targhetta accompagna alla denuncia la rappresentazione, o meglio denuncia rappresentando, e lo fa con una fedeltà al reale e una salutare ingordigia di particolari che raramente – e la cosa può risultare curiosa – avviene...
Leggi il seguito »

FRANCIS PONGE [ *ronron poétique ]

Pubblicato da
20 ottobre 2014
fp


di Orsola Puecher

"Poco m’importa dopo che si voglia chiamare poesia ciò che ne risulta. In quanto a me, il minimo sospetto di ronron poetico mi avverte solamente che rientro nella truffa, e mi provoca un colpo di reni per uscirne."
Leggi il seguito »

Profugo / richiedente asilo / diniegato / clandestino: sequenze dell’identità migrante

Pubblicato da
6
20 ottobre 2014
refugees_0

di Davide Biffi

Cosa ne è della persona quando tutto il suo senso di sé, della sua storia ed esperienza, è in balia di etichette che ne riducono l’umanità?

A seguito delle rivolte negli Stati del Nord Africa, dall’inizio del 2011 sono giunte in Italia circa...
Leggi il seguito »