Give art a chance: OT gallery

Pubblicato da
7
10 ottobre 2014
Give art a chance: OT gallery


L’arte contemporanea dicono che sia morta o che sia vittima della speculazione capitalistica, dicono anche che essa esiste perché ci sono i critici che la legittimano, e sostengono, come una stampella d’acciaio un uomo gravemente ferito ad una gamba, bisognerebbe invece parlare dei galleristi, o delle gallerie,...
Leggi il seguito »

Roberta Durante, da: Balena

Pubblicato da
4
10 ottobre 2014
Roberta Durante, da: Balena

di: Roberta Durante

testi tratti da Balena
Edizioni Prufrock spa, 2014

11

brilla se parla o canta
strilla se sa che manca muta bisbiglia
arranca la sua vocale ferma risale
aleggia nel suo silenzio il suono spento
aggiunge pochi rumori ai suoi fuochi
brucia rauca balena in...
Leggi il seguito »

Così irripetibile

Pubblicato da
6
9 ottobre 2014
Che


di Giacomo Verri

Soltanto nella gloria, si può morire più soli che in mare.
Riccardo Bacchelli, Amleto, cinque atti, 1918

Sognai mani sporche e generose. Anche adesso le vedo. Ci passano i cannelli delle vene. Ci fioriscono dei peli, quasi setole, ma pochi.…


Leggi il seguito »

Dieci (piccoli) nuovi indiani

Pubblicato da
9
9 ottobre 2014

diecipiccoliindiani
 
Care lettrici e cari lettori,

siamo lieti di condividere con voi una grande novità. Ci stiamo moltiplicando, anzi ci siamo già moltiplicati. Per dieci. Dieci (piccoli) indiani sono arrivati a portare una ventata d’aria nuova in Nazione Indiana. Continua a leggere »

Ex.it -Materiali fuori contesto (2014)

Pubblicato da
0
9 ottobre 2014

Ex.it – Materiali fuori contesto
Sala Civica di Albinea – Biblioteca Pablo Neruda
17 – 18 – 19 ottobre 2014

PROGRAMMA
Venerdì ore 17:00 – 19:00
Suoni e letture dal Fondo — Interferenze dal Fondo EX.IT — letture degli autori presenti.…


Leggi il seguito »

Il treno della storia

Pubblicato da
2
8 ottobre 2014

[Ringrazio Nori e la Marcos Y Marcos, che mi hanno permesso di presentare qui uno stralcio di un libro molto bello uscito quest’anno e intitolato Si sente?. Tre discorsi su Auschwitz. Nori prende le mosse dalle celebrazioni del Giorno della Memoria, per una riflessione divagante intorno alla storia, e alle responsabilità di ognuno, all’interno di essa, dai carnefici del passato agli officianti di oggi dei riti laici della memoria. a.i.]

di Paolo Nori

E noi, come se fossimo tutti agli ordini di quella voce lì, quel giorno lì ci ricordiamo della shoah. E ne parliamo, siamo qua per quello no? E andiamo ad Auschwitz, che va benissimo, ma il fatto che non sia una decisione che ciascuno di noi ha preso per conto suo, ma che abbiamo Continua a leggere »

Young Adult o la nostalgia della semplificazione

Pubblicato da
9
8 ottobre 2014
Young Adult o la nostalgia della semplificazione

di Giovanni De Feo

Alcuni giorni fa la rivista New Yorker ha pubblicato un articolo sugli Young Adult, ovvero i libri per Giovani Adulti, categoria di marketing ormai divenuta genere letterario. L’articolista, Christopher Beha, polemizza proprio su questo passaggio da marketing a critica letteraria. …


Leggi il seguito »

Do you remember Femminismo?- Bénédicte Martin e i cazzi per la testa di Micromega

Pubblicato da
7 ottobre 2014
Do you remember Femminismo?- Bénédicte Martin e i cazzi per la testa di Micromega

Un Prix Femina

di

Francesco Forlani

La Francia, si sa, è terra di femminismi. Uso il plurale perché la sua galassia si compone di linee di pensiero, personalità, narrazioni talmente diverse che non è possibile immaginarla come un’unità leggibile e fruibile in quanto...
Leggi il seguito »

Un testo scritto da un altro

Pubblicato da
5
7 ottobre 2014

di Mariasole Ariot                                                                                                                                                                       A  f.t.

Di cosa è fatto un desiderio quando cade [ nelle ore diurne se non c'è pianura ], quel dire tu non
riesce ad affrettare, piega il niente sui nomi, verrà l’impossibile rientrare Continua a leggere »

Jesús Moncada: Il testamento dei fiumi

Pubblicato da
0
6 ottobre 2014
moncada

(Pubblichiamo, per gentile concessione dell’editore, le prime pagine del romanzo di Jesús Moncada “Il testamento dei fiumi”, traduzione di Simone Bertelegni, gran vía, 2014)

Pilastri e pareti portanti si spezzarono in due bruscamente; un frastuono assordante in cui si mescolavano lo scricchiolio di travi e montanti, lo schianto di scale, soffitti, tramezzi e volte, vetri in...
Leggi il seguito »

Michele Mari: un lunghissimo viaggio da fermi

Pubblicato da
5
6 ottobre 2014
Michele Mari: un lunghissimo viaggio da fermi

di: Francesca Fiorletta

 

Al festival della letteratura di viaggio, che c’è stato da poco a Roma, a Villa Celimontana, dal 25 al 28 settembre, un ospite, chiamato a intervenire, ha dichiarato apertamente di sentirsi fuori posto, suscitando un’inaspettata ilarità generale: il suo nome è Michele Mari.…


Leggi il seguito »

La cultura sarà salvata dai volontari

Pubblicato da
5 ottobre 2014
La cultura sarà salvata dai volontari

di
Francesco Forlani
Due tre riflessioni a caldo (ho la febbre) a proposito di una polemica che ha coinvolto la casa editrice Voland, ben riassunta nell’articolo pubblicato da Bibliocartina.it.: Voland, la crisi e i collaboratori non pagati. Di Sora: “La mia è...
Leggi il seguito »

Poesie da Traviso

Pubblicato da
5
4 ottobre 2014

di Alberto Cellotto

2.
Segue, la sodaglia dell’inverno
il ghiaccio rotto nelle pozze
e l’aria sa con l’ora dei posti dove
mai sono stato, quegli
unici dove ho
davvero sostato,
eterno.…


Leggi il seguito »

La vuota scuola

Pubblicato da
8
4 ottobre 2014
La vuota scuola

di Eleonora Tamburrini

La tentazione crescente è quella di gingillarci così, limitandoci a descrivere episodi tragicomici, scandalizzandoci tra addetti ai lavori, contentandoci del mezzo gaudio. Per esempio.

1) Qualche tempo fa mi trovavo al telefono con un sindacalista. Mi spiegava con tutta l’assertività del caso che...
Leggi il seguito »

Passate parola: Simon Lane

Pubblicato da
2
3 ottobre 2014
Passate parola: Simon Lane

Le Parole alle Cose

di

Francesco Forlani

«Mi piacciono i libri di Eva, le edizioni illustrate di grandi re e strane usanze. A volte madame Gregory invita Eva a casa sua e in queste occasioni, se madame è impegnata e io ho finito di lavorare e ho sistemato tutto, mi siedo...
Leggi il seguito »

5 note per Hilde

Pubblicato da
1
3 ottobre 2014
5 note per Hilde

Natura morta di mele a Merano, 2009 – Sabrina Ragucci

di: Tommaso Ottonieri

 

1. NEL TUONO DELLA H: UNA SAGA DEL RESPIRO

Salutata, a ragione, dal primissimo apparire, come opera destinata a segnare un cardine imprescindibile, e punto di non ritorno, nella narrativa italiana...
Leggi il seguito »

Donne (1/2)

Pubblicato da
6
2 ottobre 2014
Donne (1/2)

di Giacomo Sartori

 

 

 

donne alte e altere

donne alte e altruiste

donne basse e bonarie

altezze altezzose

bassette altolocate inclini alle bassezze

bassette alterate

mediatrici con alti e bassi…


Leggi il seguito »

Pastorali / Pastorelles

Pubblicato da
2
2 ottobre 2014

John Taggart

(trad. Cristina Babino)

Pastorale 3

 

Spareranno al tuo cane
cervo che corre
si diranno membri devoti dell’instaurata chiesa del cervo
devoti
e autorizzati
gireranno con l’auto intorno a casa tua tutto intorno
la loro devozione non limitata a un solo momento del giorno
giorno o stagione
gireranno...
Leggi il seguito »

Dialoghetto su tre libretti (di poesia)

Pubblicato da
7
1 ottobre 2014
Dialoghetto su tre libretti (di poesia)



°°°°°°° °°°°°°° °°°°°°° °°°°°°° °°°°°°° °°°°°°° °°°°°°° °°°°°°° °°°°°°°

“Questo è l’accendino.”

“E questa è la sigaretta.”

Andrea Inglese vs. Andrea Raos

Parte prima....
Leggi il seguito »

che non sa fare niente

Pubblicato da
1
1 ottobre 2014
che non sa fare niente

Infinito, Luigi Ghirri

di: Francesca Fiorletta

Tu non vuoi fare mai niente, tu, glielo ripete piano, un’altra volta, tu non vuoi mai fare niente, stai sempre ferma e zitta e stai, ti rallenti, sei ferma e zitta, e non vuoi fare mai niente,...
Leggi il seguito »

Se me li sono persi: “Coro” di Giuliano Gramigna

Pubblicato da
30 settembre 2014

di Eugenio Lucrezi

GIULIANO GRAMIGNA, Coro, Campanotto editore, Udine, 1989

Ha scritto Giuliano Gramigna: «Mi piace più pensare ad una poesia come luogo, aperto a mo’ di ombrello là dove non c’era nulla, che ad una poesia come organismo vivente, come macchina bene temperata. Intanto c’è il vantaggio che ci si può camminare dentro… ». Se rappresentare significa restituire a mezzo della scrittura lo spessore dimensionale della realtà nella sua trionfante pienezza, allora l’argomento di questo libro – terzo di poesia di uno scrittore che è anche importante romanziere e prosatore – è l’impossibilità della rappresentazione.
Continua a leggere »