Portarsi avanti con gli addii

Pubblicato da
9
2 febbraio 2015
Portarsi avanti con gli addii

di Francesco Tomada

Da L’infanzia vista da qui (Sottomondo, 2005)

 

Nelle campagne dietro Cormons

Quanta limpidezza d’aria che c’è oggi

se lo sguardo ha spazio siamo tutti viaggiatori

bastano i filari delle viti come rotta

e le scie di aerei a sostenere il cielo

 

 

Impercezione

Dormi e il tuo corpo si fa sottile

come un quadrifoglio tra le pagine

e non è...
Leggi il seguito »

Abitare il romanzo

Pubblicato da
3
2 febbraio 2015

di Roberta Salardi

A me pare che più che costruire un romanzo sia bello abitare un romanzo, una scrittura. Scrivere come abitare il tempo, racconto come un luogo da esplorare nelle sue diverse possibilità. Il verbo costruire presuppone un progetto ben definito, un procedere razionale, un tendere a qualcosa, perfino un elevarsi e un compiersi,...
Leggi il seguito »

Dalle memorie di un insonne/4

Pubblicato da
0
1 febbraio 2015

di Giorgio Mascitelli

Non sempre giova una vita densa di contatti umani, apparentemente cordiali, ma in fondo superficiali; non sempre giova abusare del proprio successo in società, come se un mondo che soffre non esistesse; non sempre posso addormentarmi alle cinque del mattino, dopo essermi coricato alle due e mezza, per essere svegliato alle sette...
Leggi il seguito »

cinéDIMANCHE #13 “La regina delle nevi” di Lev Atamanov [1957]

Pubblicato da
1 febbraio 2015
Regina della Neve


di Cristina Babino

Il nome del bambino è Kai, e Gerda è la sua amica inseparabile. Insieme vivono una fanciullezza allegra e spensierata, giocando al sole pallido del nord, ascoltando i racconti della nonna davanti al fuoco, e coltivando rose.
Leggi il seguito »

Il Valle dopo il Valle (intervista a Valerio Aprea)

Pubblicato da
1 febbraio 2015

a cura di Carlo Baghetti

Ritornai a vivere in Italia, dopo una parentesi durata alcuni anni in Francia, a causa di due ragioni: l’occupazione del Teatro Valle e la crisi politica di Silvio Berlusconi. A dire il vero le ragioni erano tre, ma la terza purtroppo è durata troppo poco: la generazione TQ.
Ci volle poco tempo a rientrare nel giro teatrale che lasciai prima di partire. La curiosità mia e l’eccitazione che vedevo in giro era tanta, tantissima. Certo non mancavano voci critiche, di persone che lavoravano al Valle fino a poco tempo prima e che erano state lasciate per strada o di patentati scettici, ma tutto sommato la capitale, ovviamente quella che frequentavo e che ero venuto apposta per conoscere, era entusiasta. Continua a leggere »

Dei fantasmi della democrazia

Pubblicato da
5
31 gennaio 2015
Dei fantasmi della democrazia

di Lorenzo Rustighi

Pochi giorni fa abbiamo visto Marine Le Pen e Massimo D’Alema fronteggiarsi in una battaglia di retorica televisiva, che verteva sull’utilità e il danno delle istituzioni europee, delle strategie monetarie dell’Eurozona, dell’appartenenza alla UE, del ritorno alla sovranità politica ed economica, e affini.…


Leggi il seguito »

«l’amor di sistema»: Giacomo Leopardi e la contraddittorietà

Pubblicato da
30 gennaio 2015
Raoul Bruni, Da un luogo altro, Su Leopardi e il leopardismo, La Nuova Meridiana, Le Lettere, Firenze 2014

Raoul Bruni, Da un luogo alto, Su Leopardi e il leopardismo, La Nuova Meridiana, Le Lettere, Firenze 2014

di: Francesca Fiorletta

Esce per Le Lettere, nella collana La Nuova Meridiana, Da un luogo alto. Su Leopardi e il leopardismo, una dotta e ben articolata raccolta di saggi di Raoul Bruni,...
Leggi il seguito »

Gioco, memoria, conflitto. I musei europei raccontano la Grande Guerra

Pubblicato da
30 gennaio 2015
Bersaglieri

Piccola guida non esauriente alle mostre e iniziative di commemorazione della Prima guerra mondiale. Tra esperienza e ricostruzione, finzione e didattica. L’illusione di rivivere. L’ossessione del ricordare. …


Leggi il seguito »

L’ultima frase

Pubblicato da
2
29 gennaio 2015

di Luca Lenzini

falling beckmann

[1] In uno dei film più significativi degli ultimi anni, La venticinquesima ora di Spike Lee, c’è una scena in cui due dei tre amici protagonisti della storia conversano in un appartamento le cui finestre si affacciano su Ground Zero. Frank lavora a Wall Street e Jakob è insegnante di inglese. In una pausa della conversazione lo sguardo dei due si volge all’esterno: nella luce fredda, lunare, dei fari del cantiere, le scavatrici e le macchine – enormi ma dall’alto minute come giocattoli o insetti metallici – si aggirano lentamente e spostano e ammassano detriti lungo i percorsi tracciati sul suolo dalle gigantesche ruote delle ruspe, come in una cava a cielo aperto nel centro di Manhattan. Continua a leggere »

Le coincidenze come indizi di ordini desiderati

Pubblicato da
4
29 gennaio 2015
Le coincidenze come indizi di ordini desiderati

di Domenico Talia

In uno dei suoi tanti gialli, Agatha Miller, sposata Christie e quindi Mallowan, fa dire al suo Hercule Poirot che “un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza e tre indizi diventano una prova.” Nel suo breve trattato sulle combinazioni costruite dal caso, il postino di Girifalco di coincidenze,...
Leggi il seguito »

A rose is (still) a rose: Shaimaa El-Sabbagh (1982-2015)

Pubblicato da
3
28 gennaio 2015
A rose is (still) a rose: Shaimaa El-Sabbagh (1982-2015)

Una rosa per la rivoluzione

In ricordo di Shaimaa El-Sabbagh (1983-2015): il simbolo della sinistra egiziana

di

Giuseppe Acconcia

Per le strade delle città egiziane la disillusione e lo sconforto hanno lasciato spazio alle più cruente proteste da un anno a questa parte.…


Leggi il seguito »

Along Okema Road

Pubblicato da
6
28 gennaio 2015
deer4

di Glen Sorestad
(trad. di Angela D’Ambra / Renata Morresi)

Scende la sera su Okema Road

I cervi coda-bianca venuti a pascolare emergono dal bosco dove
i giorni sono liberi da occhi indiscreti ed intrusioni umane.

Nella luce che recede sono insostanziali, uno con la foresta,
nel silenzio totale, apparizioni...
Leggi il seguito »

Sciascitudine

Pubblicato da
1
28 gennaio 2015
Sciascitudine

una segnalazione di Romano A. Fiocchi

Domenico Della Monica, Sciascia uomo solo. La vita e le battaglie civili di uno scrittore “scomodo”, Comunità Casa del Giovane, novembre 2014.

Libro anomalo. Autore un medico, da trent’anni appassionato di letteratura, scrittore di saggi e di racconti alla Čechov, collaboratore di pagine culturali, insomma uno...
Leggi il seguito »

I commenti si spostano su Eulalia

Pubblicato da
27 gennaio 2015

Nei prossimi giorni il sistema dei commenti di Nazione Indiana si rinnoverà e verrà sostituito gradualmente con il nostro nuovo forum, Eulalia. I commenti saranno aperti come al solito, ma per scrivere si passerà attraverso Leggi il seguito »

La luna e il faro, il Meridiano su Vincenzo Consolo

Pubblicato da
27 gennaio 2015
La luna e il faro, il Meridiano su Vincenzo Consolo

 

di Giuseppe Schillaci 

 

É saturnina la Luna, atra, melanconica, sospesa nell’attesa infinita della fine che non arriva mai.

Ma se malinconia è la storia, l’infinito, l’eterno sono ansia, vertigine, panico, terrore.

 Lei, la Luna, ci salvò e ci diede la parola. …


Leggi il seguito »

Sopravvissuti alla shoah contro i massacri di Gaza

Pubblicato da
4
27 gennaio 2015

di Antonio Sparzani
Forse tra i più titolati a celebrare un giorno della memoria sono i sopravvissuti alla barbarie nazista e i loro diretti discendenti. Per fortuna molti di loro si sono accorti che la barbarie può continuare se non ci si affretta a riconoscerla e a smascherarla.…


Leggi il seguito »

La borsa di Shaima El Sabbagh

Pubblicato da
6
27 gennaio 2015
La borsa di Shaima El Sabbagh

Una lettera in borsa

di Shaima El Sabbagh, attivista e poetessa egiziana, uccisa dal regime il 24 gennaio mentre portava fiori rossi a piazza Tahrir, per ricordare l’anniversario delle rivolte del 2011

Non sono sicura

Davvero, non era altro che una borsa

Ma da quando l’ho persa, sono guai

Come affrontare il mondo senza di lei

Specialmente

Perché le strade...
Leggi il seguito »

NOOR INAYAT KHAN Nemica del Reich

Pubblicato da
26 gennaio 2015
small Noor InayatKhan


Orsola Puecher
Nadia Agustoni

Noor nasce a Mosca il 1 Gennaio 1917. Le viene dato il nome di Noor-un-nisa, “luce della femminilità”. Il padre la culla cantandole antiche canzoni indiane. In casa la chiamano con il soprannome di Babuli.
Leggi il seguito »

CULI (elenchi # 3)

Pubblicato da
26 gennaio 2015

di Giacomo Sartori

DSC_0167_webp

 

 

 

 

 

 

 

culi ampollosi di editori

culi cardinalizi di critici letterari

culi garruli di addette stampa

culi masochisti di scrittori Continua a leggere »

cinéDIMANCHE #12 INGMAR BERGMAN “Fanny e Alexander” [1982]

Pubblicato da
3
25 gennaio 2015
F&A

Renata Morresi
Orsola Puecher
Mariasole Ariot

Tutto può avvenire, tutto è possibile e verosimile. Tempo e spazio non esistono, sopra un insignificante fondo realistico l’immaginazione trama e tesse nuovi modelli... "Il Sogno" A. Strindberg
Leggi il seguito »

Quando “Charlie” era musulmano: “Mollah Nasreddin”, il castigatore dell’ipocrisia

Pubblicato da
9
25 gennaio 2015
MOLLA-windows-nocap_jpg_600x603_q85

di Giuseppe Cossuto

Fino agli inizi del XX secolo, un ipotetico e attento occidentale che si fosse messo in testa di viaggiare per buona parte delle terre dell’Islam approfittando delle regole dell’ospitalità familiare popolare, avrebbe fatto sicuramente caso alle storie riguardanti le arguzie di un arzillo vecchietto, diffuse un po’ dappertutto e raccontate da genti...
Leggi il seguito »

Jucci, «tra quegli anni» e «gli anni nuovi»

Pubblicato da
1
24 gennaio 2015
Jucci, «tra quegli anni» e «gli anni nuovi»

di Arturo Mazzarella

Da tempo ogni raccolta poetica di Franco Buffoni costituisce una notevole sorpresa. Invece di confermare le aspettative dei suoi lettori abituali Buffoni preferisce incamminarsi, di volta in volta, lungo nuovi sentieri: ricorrendo a soluzioni formali e tematiche sempre diverse, sollevando interrogativi puntualmente più inquietanti.…


Leggi il seguito »

Lo Scuru è un anfratto

Pubblicato da
3
23 gennaio 2015
Lo Scuru è un anfratto

di Alessandro Chiappanuvoli 

Lo Scuru è un anfratto, un antro, e parimenti è un pertugio, percorribile come un sentiero ma ineluttabile come una caduta, uno sprofondamento, una voragine oscura di cui pure se ne riconoscono i margini ma non il limite.…


Leggi il seguito »