Hai sentito il terremoto. Memorie dal sottosuolo

Pubblicato da
0
20 aprile 2016
gibellina

di Davide Orecchio

– In Italia 25mila persone, attraverso un sito web, descrivono terremoti. Compilano questionari. Alcune di loro rendicontano la paura, le sensazioni che hanno provato, l’intensità delle oscillazioni sismiche, gli effetti sulle case che abitano. I racconti si sedimentano in un archivio digitale che va oltre la sismologia, si fa memoria e fonte...
Leggi il seguito »

Tutti i ragni 6 – Ragni che attaccano

Pubblicato da
1
20 aprile 2016
Tutti i ragni 6 – Ragni che attaccano

di Vanni Santoni

Due anni più tardi, da una diversa città nordeuropea, mi aggrego a una carovana di tekno traveler, incurante del fatto che potrei non trovare da tornare indietro in tempo per il mio volo. Ora, costoro possiedono effettivamente un soundsystem ma ben presto scopro che sono soprattutto dediti all’acquisto...
Leggi il seguito »

aforismi e dintorni/2

Pubblicato da
0
19 aprile 2016

Modesti tentativi per tramandare un ricordo di Nuvola scrittore

di Damiano Sinfonico

(inediti)

Attese una lettera tutta la vita; quando arrivò, diceva soltanto: “Qui piove”.

Ossequiava i suoi interlocutori con un silenzio fragoroso.

In giro chiedeva se qualcuno fosse stato in Nepal, per caso o per errore.…


Leggi il seguito »

I racconti inediti di Bove

Pubblicato da
0
19 aprile 2016
I racconti inediti di Bove

di Emmanuel Bove

Come mai ero così triste? I miei libri, tutti i miei libri, riposavano nella biblioteca. Nessuno aveva parlato male di me. Nessuna preoccupazione affliggeva la mia famiglia e i miei amici. Sentivo di avere tutto sotto controllo. Non avevo motivo di temere che gli eventi prendessero una direzione per...
Leggi il seguito »

Mind the gap. Da Chaucer a Les Blank

Pubblicato da
1
18 aprile 2016
Mind the gap. Da Chaucer a Les Blank

di Jamila Mascat

 

 

 

 

 

 

 

(Questo post ha un cible molto limitato, uno spazio di piccole dimensioni che, nonostante tutti gli odiosi dispositivi cyborg usati per sopprimerlo, continua a resistere a oltranza: quello tra i miei due incisivi superiori).…


Leggi il seguito »

Collana Croma K (Oèdipus): un’anticipazione + un programma minimo

Pubblicato da
0
18 aprile 2016

 

da Quarantore di Lorenzo Durante – Croma k 1

 

 

A chi il Nostro Figlio, il Nostro Ideale, il Nostro Cammino?…


Leggi il seguito »

Nella notte cosmica

Pubblicato da
3
17 aprile 2016

di Roberta Durante

Una storia a pezzi, il mondo che è finito e unica testimone una vecchia bambina che fa la Sirenetta intorno al globo domandandosi se sia davvero tutto qui. Oppure un viaggio a tappe, dove si oscilla continuamente tra il

dis-astro e la perfezione, il viaggio dell’umanità e delle cose verso la dissoluzione cosmica...
Leggi il seguito »

Aiace paranoico

Pubblicato da
1
17 aprile 2016
Aiace paranoico

 

di Alfredo Palomba

Così come lo dipinge Sofocle nella tragedia omonima, l’eroe Aiace reca in sé tutti i segni della paranoia e può essere preso a modello esemplificativo e caso-limite per rappresentare come la condizione paranoica agisca sull’individuo, sia esso antico o contemporaneo, empirico o narrativo.…


Leggi il seguito »

Le concrezioni e i precipitati del senso nella poesia di Martina Campi *

Pubblicato da
2
16 aprile 2016

di Sonia Caporossi

Sette giorni in ospedale.

Sette giorni di odissea e smarrimento, di caduta a picco nei meandri stordenti della propria identità franta. La stessa durata del viaggio di Dante nei tre Regni. Lo stesso periodo della Genesi.  E in questa sorta di Bildungsroman in forma di poemetto, per certi versi quasi mistico ma anche...
Leggi il seguito »

Tre racconti dell’astratto, di Hugo Bertello

Pubblicato da
16 aprile 2016

IL PONTE DI DARJEEN
racconto perché si deve pur continuare

…tua madre deve averti detto ieri di
non sporgerti su questo pozzo senza
fondo tu le chiederai ancora stanotte
perché non ha fondo e nuovamente
ripetendosi lei ripeterà perché esce
dall’altra parte del mondo.…


Leggi il seguito »

Inutilità del concorsone e altre devastazioni della cosa pubblica

Pubblicato da
15 aprile 2016
Inutilità del concorsone e altre devastazioni della cosa pubblica

di Renata Morresi

Si parla molto dell’imminente concorso a cattedra. È un gran circo, in effetti. Il TAR è inondato di ricorsi. I presidi incitano a boicottare le commissioni giudicatrici. Arrivano inaspettati endorsement da parte di personaggi pubblici con...
Leggi il seguito »

della vostra mistica inerzia

Pubblicato da
1
15 aprile 2016

di vito m. bonito

(inediti)

1

loro parlano sulla mia testa

io seguivo le scarpe
entrare uscire
dal muro…

2

sono in grado
di applaudire
divorare il sole
la mente dei neonati

tutte le unghie…


Leggi il seguito »

Essendo il dentro un fuori infinito #9

Pubblicato da
6
15 aprile 2016
Essendo il dentro un fuori infinito #9

di Mariasole Ariot

Alessia cammina al rallentatore, ha un buco sulla schiena, tutto l’indicibile sofferto nella rotellina che l’accompagna. Gira a destra, si velocizza, gira a sinistra, si rallenta, la rotellina non gira mai, Alessia non cammina, muove piccoli passi come una tartaruga senza guscio.…


Leggi il seguito »

Da “Il Martirio Dei Poeti”

Pubblicato da
3
14 aprile 2016

di Andrea Bassani

 

Luci nel buio

Le luci dei lampioni si sono spente.
Nella penombra fiorentina prosegue
la parata delle anime sognanti.

Io vedo la tristezza dove tu non vedi:
dietro le maschere, sotto i fondotinta
i volti non splendono.…


Leggi il seguito »

i poeti appartati: Ernesto Rascato

Pubblicato da
3
14 aprile 2016
i poeti appartati: Ernesto Rascato

Poesie

di

Ernesto Rascato
Rho dicembre 1969.

Papà tornò a casa dicendo:
“Marì….hanno arrestato un mio collega
di Porta Garibaldi…
per la bomba dell’altro giorno….”

A scuola giravano
giornali e notizie.

Un profondo rancore
serbato per anni
era esploso
come lucida follia.…


Leggi il seguito »

Pedro Costa, “Beckett del cinema”, a Bologna

Pubblicato da
0
13 aprile 2016

13022179_1043821512372167_1349340172_n

Pedro Costa è uno dei più acclamati cineasti indipendenti della scena mondiale. Il suo cinema indaga un aspetto occultato nella storia del Portogallo, legato in particolare alla popolazione emigrata da Capo Verde.
L’accuratezza del suo metodo di lavoro con gli attori-non attori è rinomata, così come la sua padronanza dei mezzi espressivi. Tra i primi a comprendere le potenzialità del “digitale”, egli è oggi il punto di riferimento per nuove generazioni di cineasti. I suoi lavori vengono proiettati in tutto il mondo ed esposti nei musei.

Dal 23 al 25 aprile l’“Atelier per le arti e il cinema di ricerca” di Nomadica, centro autonomo di produzione e diffusione, ospita un seminario di tre giorni con il cineasta portoghese. Continua a leggere »

Didascalie: Lucilla Carucci

Pubblicato da
5
13 aprile 2016
Didascalie: Lucilla Carucci

 

 

Lucilla Carucci

Tessuto su tela | Appunti di viaggio Tissu sur toile | Notes de voyage —
Exposition

15 avril – 14 mai 2016

Un viaggio nella memoria, fatto di impressioni, colori, luci che costruiscono una strana poesia dei luoghi della vita attraverso una tecnica che nasce tanto tempo fa: «all’inizio degli anni ’70 scoprii a Prato...
Leggi il seguito »

Tutti i ragni 5 – Ragni sulla tela

Pubblicato da
1
13 aprile 2016
Tutti i ragni 5 – Ragni sulla tela

di Vanni Santoni

Durante i primi anni di università mi trovo al centro di un’attività sessuale che, paragonata alle secche degli anni del liceo, mi appare considerevole al punto di dare luogo a fenomeni di maldestra vanità. Uno di essi è prendere il sole in giardino – si capisce che tali...
Leggi il seguito »

A pietre rovesciate

Pubblicato da
1
12 aprile 2016
A pietre rovesciate

di Francesca Matteoni

“Tu devi avere paura del sole, diceva, del vento e della pietra. Del sole che acceca, del vento che spinge, della pietra che uccide”, mette in guardia nonna Dora, le cui storie si mescolano a quelle del nipote dentro A pietre rovesciate, singolare, toccante esordio letterario di Mauro Tetti.…


Leggi il seguito »

les nouveaux réalistes: Anna Giuba

Pubblicato da
6
12 aprile 2016
les nouveaux réalistes: Anna Giuba

Untitled n.1

di

Anna Giuba

– Guarda che c’è ancora roba tua, nel mio armadio. – ha detto Franco.
– Sto impazzendo. È doloroso. Smettila di dirmi cosa devo fare. Se anche ci metto un giorno in più, non ha nessuna importanza.…


Leggi il seguito »

Leggere la terra (autismi della terra # 3)

Pubblicato da
2
11 aprile 2016
Leggere la terra (autismi della terra # 3)

di Giacomo Sartori

Per capire meglio la terra, o forse  meglio nell’illusione di farlo, mi capita di leggere articoli scientifici che trattano di questo o quell’aspetto della matrice chiamata da moltissimi secoli così, ma che nei resoconti specialistici diventa più tecnologico suolo.…


Leggi il seguito »

Miti Moderni/17 : di pietra

Pubblicato da
0
10 aprile 2016
© Aldo Costa. Il mare

© Aldo Costa. Il mare

di Francesca Fiorletta

Non esiste il ricordo.
Le passioni tutte uguali.
Ridere per dimenticare,
nella tazzina del caffè.

Sperare di incontrarsi,
dimenticare il futuro,
una caduta libera.
Fino alla sazietà.

Pensi di essere libero,
il pericolo scampato;
sono ancora tutte
armi
di pietra.…


Leggi il seguito »

La banca

Pubblicato da
0
10 aprile 2016

di Massimo Parizzi

La banca c’era sempre stata. Non che fosse impossibile distinguerla dagli edifici adiacenti, lungo la via o il ricordo, ma quel giorno era diverso: il ragionier Bruni Carmelo vi entrava assunto. «Assunto» non poté fare a meno di pensare «come l’Assunta».…


Leggi il seguito »

Auto-antologie-3. Viola Amarelli

Pubblicato da
4
9 aprile 2016

di Viola Amarelli

campagna d’inverno

La luce di gennaio che ora è febbraio filtra le foglie

dei sempreverdi

i tronchi con i rami pazienti di vento

questa immane stanchezza di

nuvole in corsa, riepilogo di temporali,

spossa il midollo e la pelle a toccarla si secca

restano, eroi, i cani randagi e le code di uccelli

ci vorrebbe un riposo incessante

un letargo che...
Leggi il seguito »

I Pallidi

Pubblicato da
2
8 aprile 2016
I Pallidi

di Giovanni De Feo

Il racconto è apparso sul numero 5 della rivista Hypnos.

Jeannie L. Paske, An attempt to convey

La sera, seduti a bere ai tavolini sul Gran Corso, li vediamo entrare circospetti nei...
Leggi il seguito »

Né in cielo né in terra

Pubblicato da
0
7 aprile 2016
Cop_Morelli_filo_LR

Per i tipi di Exòrma, è uscito il nuovo romanzo di Paolo Morelli, “Né in cielo né in terra”. Ne pubblichiamo, di seguito, un estratto.

di Paolo Morelli

Dove sei stato tutto questo tempo, gli ho chiesto dopo un po’. Non so, le due parole antiche della sapienza, ha risposto,...
Leggi il seguito »

Hebron e altri inediti, di Elisa Alicudi

Pubblicato da
1
7 aprile 2016
alicudi 1

Hebron

Come si astraggono le voci, si disperdono
insieme ai rumori della città,
i motori come scompaiono quando la casa è un rifugio
e conforta la calura che s’incunea nelle crepe del cemento:

ma le piazze sono buie, quando cade il coprifuoco,
e solo il fischio si sente e sono fissi i recinti
che di giorno...
Leggi il seguito »