Poesie da La voce delle cose

Pubblicato da
1
6 dicembre 2014

di Carla de Falco

la secca

tra carcasse arancio di granchi
le cui chele sono inutili per sorte
cammino a passo fermo e piedi nudi
lungo una cerniera limacciosa.
una lunga, umida ferita
tra due franti, lacerati lembi azzurri:
uno torna vinto alla sua terra
l’altro vola libero alla vita.…


Leggi il seguito »

Contro l’occhio. La scrittura del dolore vero

Pubblicato da
4
6 dicembre 2014
terremoto

di Giacomo Verri

In un piccolo volume del 2006, La Letteratura dell’inesperienza, Antonio Scurati rifletteva su quanto la società di plastica in cui viviamo abbia sostituito l’esperienza diretta del mondo (com’è, per antonomasia, quella vissuta da chi ha fatto la guerra) con una sorta di cognizione del dolore indiretta, asettica, disinfettata e interrotta da assidui...
Leggi il seguito »

Il bosco che ci contiene (per il paese di Torri)

Pubblicato da
1
5 dicembre 2014
Il bosco che ci contiene (per il paese di Torri)

di Francesca Matteoni

Torri è un borgo della Sambuca Pistoiese a 912 metri di altezza sul livello del mare, dove termina una strada asfaltata che dal torrente, dalla Limentra Orientale, sale tra gli antichi castagneti. Quando arrivi lassù da bambino pensi che...
Leggi il seguito »

Da “Canti di un luogo abbandonato”

Pubblicato da
1
5 dicembre 2014
Da “Canti di un luogo abbandonato”

di Azzurra D’Agostino

Chi era qui, chi zappava e mungeva
chi insomma c’era non l’avrebbe voluto
il crollo del fienile e neanche, inutile dire,
questo scrostarsi di pareti, la gramigna
tra le fessure del selciato e tutto sommato il mondo
l’intero mondo spopolato.…


Leggi il seguito »

Cosa accade ad un paesaggio quando muore

Pubblicato da
7
5 dicembre 2014
20140528_173806

di Mariasole Ariot

L’assenza di rilievi montuosi e le nebbie
velano a volte gli occhi
F. Pusterla…


Leggi il seguito »

Parole di terra

Pubblicato da
0
5 dicembre 2014
Parole di terra

di Pierre Rabhi

(dall’introduzione dell’autore a “Parole di Terra”, per gentile concessione dell’editore Pentagora)

Il personaggio di Tyemorò è nato dalla mia immaginazione e rappresenta tutto ciò che provo, in termini di amore, compassione e ammirazione, per i contadini autentici.…


Leggi il seguito »

Pierre Rabhi, la terra, l’agroecologia, i Colibrì

Pubblicato da
0
5 dicembre 2014
Pierre Rabhi, la terra, l’agroecologia, i Colibrì

di Massimo Angelini (sempre per gentilissima disponibilità di Pentagora, pubblichiamo la biografia di Rabhi, che chiude il volume “Parole di terra”)

Agricoltore, scrittore e pensatore, Pierre Rabhi nasce nel 1938 nel Sud dell’Algeria. Dopo la morte della madre, è affidato...
Leggi il seguito »

La terra, il paesaggio, la letteratura

Pubblicato da
0
5 dicembre 2014
La terra, il paesaggio, la letteratura

di Angelo Ferracuti

Girando parecchio l’Italia, negli ultimi periodi mi sono reso ancora di più conto di come il paesaggio marchigiano, fermano, mi appartenga interiormente in modo molto forte per intima consonanza. Come questo condizioni il mio umore, un’idea estetica in generale, persino lo stile, la...
Leggi il seguito »

I colori della terra

Pubblicato da
1
5 dicembre 2014
I colori della terra

di Vincenzo Pardini

Aristide, d’estate, aveva preso a tornare nella sua terra. Calzati i vecchi scarponi che teneva nella casa nativa, si inerpicava lungo la mulattiera di infanzia e adolescenza. Era cambiata. Cespugli e alberelli si stavano impossessando dell’impiantito di sassi e di pietre, le selve...
Leggi il seguito »

Evola – Fermate il virus

Pubblicato da
4
4 dicembre 2014
Evola – Fermate il virus

(Ricevo e volentieri pubblico questo testo – espressione del comune sentire di un gruppo di lavoro di studiosi di differenti discipline storiche – che è stato redatto con il contributo di Roberto Alciati, Leonardo Ambasciano, Luca Arcari, Sergio Botta, Francesco Cassata, Cristiana Facchini, Enrico Manera, Emiliano Rubens Urciuoli.…


Leggi il seguito »

L’arrampicata

Pubblicato da
1
4 dicembre 2014
Alex Majoli, L'Ospedale Psichiatrico

Alex Majoli, L’Ospedale Psichiatrico

di: Federico Pevere

E’ una tragedia, zingara, da lacrime, da dividerci il mondo. Due attori da periferia. Entrambi sono all’ultima possibilità. Il Primo storto come una malattia, un ultimo stadio, una voce che ripete le rimangono una decina di giorni al massimo. Di marmo come la sua terra, i Balcani o il fegato d’Europa, immondezzaio ostinato: all’occorrenza cimitero, all’occorrenza occorrenza.  Continua a leggere »

Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa

Pubblicato da
1
4 dicembre 2014
Parabol(ich)e dell’ultimo giorno – Per Emilio Villa

di Enzo Campi

(Una serata di Tu se sai dire dillo  2014 è stata dedicata ad Emilio Villa, qui l’intervento di Enzo Campi che ne è stato curatore.B.C.)

Emilio Villa è nato nel 1914 ed è venuto a mancare nel 2003.…


Leggi il seguito »

… come su una vetrata vacillante e momentanea.

Pubblicato da
0
3 dicembre 2014
lanterna magica


di Orsola Puecher

"... essa sostituiva all’opacità dei muri impalpabili iridescenze, soprannaturali apparizioni multicolori, dove le leggende erano dipinte come su una vetrata vacillante e momentanea."
Leggi il seguito »

La regina della neve (prima parte)

Pubblicato da
5
3 dicembre 2014
La regina della neve (prima parte)

nella versione quasi fedele di Viviana Scarinci

 

Molto spesso nelle favole di Andersen, come nelle favole di molti altri narratori,  c’è qualcosa di importantissimo da recuperare. Qualcosa che forse neanche c’era stato segnalato all’inizio della storia ma che sappiamo comunque perduto e che può anche non essere evidente.…


Leggi il seguito »

EREDITÀ ED ESTINZIONE (sette poesie)

Pubblicato da
5
2 dicembre 2014
Finestra01

di Giovanna Frene

 

I. Tecnica di sopravvivenza per l’Occidente che affonda

 

la sostanza è dentro l’occhio
ma l’occhio è di vetro

 

I.

si sovrappongono, sembrano a tratti coincidere, si proiettano
a poco a poco, in tutta la perfezione si curvano
mattoni di fumo, o colpe riversate
per non essere proprie, crollate
perché alte, e gonfie.…


Leggi il seguito »

Sulla flebile abissale differenza tra dire e scrivere

Pubblicato da
4
2 dicembre 2014
Sulla flebile abissale differenza tra dire e scrivere

di Pino Tripodi

);" >Luigi Bosco e Lorenzo Mari, sviluppano per appunti quanto detto nell’ambito della rassegna Leggi il seguito »

La scrittura, il fascismo, la storia

Pubblicato da
1 dicembre 2014

gianfranco-fini-saluto-romanodi Giacomo Sartori

I miei testi nascono da scintille che non si spengono, che si ostinano a crescere e   diventano fuochi. Una decina di anni fa volevo scrivere un romanzo sulle ultime settimane della malattia di mio padre, sulla sua agonia. Continua a leggere »

L’effetto finale

Pubblicato da
0
1 dicembre 2014
L’effetto finale

L’EFFETTO FINALE

a Rem Koolhaas e a Sara Marini

Dispositivi di destino delimiteranno il campo. Sarà il risultato di una sommatoria di evidenze, nuovi standard razionali declineranno il senso del paesaggio. L’esasperazione dei significati primari suggerirà una ricca orchestrazione del caos.…


Leggi il seguito »

“Chi ha compagni non morirà”: per Franco Fortini a Torino (programma)

Pubblicato da
2
30 novembre 2014

UNIONE CULTURALE ANTONICELLI

Franco Fortini «Chi ha compagni non morirà»
Dal 5 al 13 dicembre 2014
Via Cesare Battisti, 4 B – Torino
ingresso libero e gratuito

Ma voi che altro di più non volete se non sparire e disfarvi, fermatevi.…


Leggi il seguito »

cinéDIMANCHE #07 XAVIER DOLAN “Les Amours imaginaires” [2010]

Pubblicato da
0
30 novembre 2014
small

 

di Ornella Tajani

Tra pochi giorni uscirà al cinema Mommy, il primo film di Xavier Dolan a essere distribuito nelle sale italiane. L’etichetta di enfant prodige per Dolan è scontata: classe 1989, il regista -e attore- canadese ha al suo attivo già cinque lungometraggi.…


Leggi il seguito »

La carta da parati

Pubblicato da
5
30 novembre 2014
La carta da parati

di Giuseppe Zucco

Non è cosa da poco possedere un fagiano,
o anche solo riceverne la visita.
Sylvia Plath

Alle prime luci dell’alba, il bambino si svegliò. Aprì gli occhi. Li chiuse, li riaprì. Strofinò le palpebre con i pugni, si abituò alla luce.…


Leggi il seguito »

Lo sguardo osceno

Pubblicato da
2
29 novembre 2014
Lo sguardo osceno

di Gianni Biondillo

Ho evitato questa storia finché ho potuto. Leggevo i titoli dei giornali e saltavo d’istinto le pagine. L’ho messa fuori dal mio sguardo, dai miei pensieri, reputandola oscena. Non sapevo nulla e non volevo sapere nulla di questa infermiera.…


Leggi il seguito »

Compleanno della mela

Pubblicato da
2
29 novembre 2014
Compleanno della mela

di Fernanda Woodman

 

COMPLEANNO DELLA MELA

eccola di nuovo
che insegue la sua musa
e litiga con lei
per un etto di mentine

ma al compleanno della mela

arriveranno insieme
e campanelli dappertutto
suoneranno una marcia
che vuole dire Verde e Fuoco

(aria che smuove luce sui muri delle case
e un gatto le insegue)

per ogni lembo della...
Leggi il seguito »

Dei resti: Matteo Maria Orlando e Beniamino Servino

Pubblicato da
4
28 novembre 2014
Dei resti: Matteo Maria Orlando e Beniamino Servino

Quando ho ricevuto i testi di Matteo, giovane poeta, ho pensato di chiedere ad un architetto come Beniamino Servino di agire in controcanto con una sua creazione  e con mia grande gioia ha accettato. effeffe

Crolli

di

Matteo Maria Orlando

 

Questo è tutto quello che rimane
un...
Leggi il seguito »

L’onere della prova e gli eroi bambini

Pubblicato da
8
28 novembre 2014
enhanced-18506-1416003674-11

di Lorenzo Declich

Ci sono volte in cui la semplice esposizione di cose presenti lancia messaggi molto chiari. In principio, dunque, vi racconterò cosa ho nel mio computer, nella cartella “hero boy”, dove ho messo diversi video scaricati da YouTube. Aggiungerò a questa descrizione alcuni dettagli, facilmente reperibili in rete.…


Leggi il seguito »

Lo scholapost: Erri De Luca

Pubblicato da
5
27 novembre 2014
Lo scholapost: Erri De Luca

Ho chiesto a Erri De Luca di poter pubblicare questo racconto, in questa mia rubrica dedicata al tema della scuola. Di recente l’ho letto insieme ai miei ragazzi al Liceo francese di Torino, dove insegno filosofia, e mi ha colpito il mondo (modo) in cui hanno reagito ai...
Leggi il seguito »

Esperimento di fuoriuscita

Pubblicato da
4
27 novembre 2014
Giulio Paolini, Apollo e Dafne, 1978

Giulio Paolini, Apollo e Dafne, 1978

di: Alessandra Sarchi

Una mano mi ha aperto la testa. Ero appoggiata con l’orecchio sinistro sul piano di acciaio del tavolo e la mano ha sezionato il mio cranio in due calotte. Rumori viscidi di materiali organici molli, uva matura schiacciata tra i polpastrelli, ma non cola...
Leggi il seguito »